in foto: Panorama dalla Basilica di Santo Stefano. Foto di Alex

Conosciuta come la Parigi dell'Est, Budapest è una città ricchissima di cose da vedere e da nuove esperienze da vivere. Le sponde del Danubio, le vetrine dei negozi, i caffè all'aperto e la vita animata ricordano proprio la capitale francese. Ma i suoi monumenti maestosi e le bellissime terme la distinguono da ogni altra a città. Con l'arrivo della primavera la città ungherese diventa una perfetta meta di viaggio per chi sceglie di visitare una capitale europea. Budapest è una meta molto amata sia per la sua ricca storia sia per chi i suoi luoghi del relax, infatti la città è rinomata per le sue terme. Vediamo quali sono i 10 motivi che rendono una vacanza a Budapest un'esperienza indimenticabile.

1. Rilassarsi alle terme.

Gellert Thermal Baths and Spa. Foto da Flickrin foto: Gellert Thermal Baths and Spa. Foto da Flickr

Budapest è il luogo del relax e non a casa è conosciuta come la "città delle terme". I romani la scelsero come insediamento proprio per le sue oltre cento sorgenti. Oggi la città vanta più di trenta stabilimenti, tra cui i più famosi sono i Bagni Gellért ai piedi dell'omonima collina: sono amati da turisti e ungheresi non solo per le loro vasche d'acqua calda, ma soprattutto per il bellissimo edificio in stile liberty e gli arredi in Art Nouveau. Gli interni sono impreziositi da statue, mosaici di ceramica Zsolnay e vetrate dipinte. Questo stabilimento si trova a Buda, sulla riva del Danubio, davanti al Ponte della Libertà e le sue acque sono considerate da tutti miracolose perché qui sgorgava l’acqua più calda di tutta Buda. In stile ottomano, invece sono le terme di Rudas, che si trovano sempre sulle rive del Danubio. L’acqua delle sei piscine, tra i 16 e i 42 gradi, è ricca di idrogeno, magnesio, calcio e zolfo. Da non perdere anche le quindici piscine termali delle Terme Szechenyi, che sono i bagni termali di maggiore superficie d’Europa. La maggior parte delle vasche sono all’aperto, ma il vapore prodotto dal calore permette di godere il piacere di un bagno anche in pieno inverno. Di terme a Budapest ce ne sono ancora molte da visitare e di sicuro sono un motivo fondamentale per visitare la città ungherese.

2. Perché c'è tanto da vedere.

Veduta di Budapest. Foto da Wikipediain foto: Veduta di Budapest. Foto da Wikipedia

I luoghi da visitare a Budapest sono tantissimi. La città è un continua scoperta tra storia e modernità. Budapest si divide in tre zone: Óbuda è la zona antica, Buda quella storica, Pest quella amministrativa e commerciale. La maggior parte dei monumenti e degli edifici storici si trovano a Buda, il cuore cittadino, dove si può passeggiare sullo splendido scorcio del Danubio che ha fatto identificare la città  come la Parigi dell'Est.  Tra le cose da vedere c'è il Castello di Buda, la splendida residenza reale che dalla sua collina domina il panorama cittadino. Da non dimenticare le due antichissime chiese di Maria Maddalena, e quella di Mattia Corvino. Per godere di una vista bellissima della città si può salire sul Bastione dei pescatori e la collina Gellért, a sud della collina del Castello. La visita stessa alla città vecchia, con le sue stradine medievali e le case in stile barocco, ha dalla sua un grande fascino. Se poi vi interessa la parte più vecchia della città è Óbuda che dovete visitare, con i suoi scavi archeologici della vecchia Aquincum romana. Oggi è anche un bellissimo centro residenziale e custodisce vari musei d'arte e pinacoteche.

Da non perdere è il Parlamento di Budapest, sulla riva opposta del Danubio rispetto a Buda, si tratta di uno dei parlamenti più grandi del mondo. Questo si trova nel quartiere di Pest, il centro commerciale di Budapest, dove ci si può dedicare allo shopping e ad un buon caffè. Da qui si accede alla bellissima Piazza degli Eroi, con il suo Monumento del Millennio, che rappresenta i sette re delle tribù ungheresi che nel IX secolo diedero nascita all’Ungheria. Qui si trova anche il Varosliget, il parco pubblico più grande di Budapest, ideale per un'oretta di relax. La sinagoga nel quartiere ebraico a Pest è la più grande di tutta l'Europa con 3000 posti totali, ma la città ospita ben 22  sinagoghe che testimoniano l'ampiezza della comunità ebrea di Budapest. Ma uno dei luoghi più magici della città è l'Isola di Margherita, che si trova al centro del Danubio.

3. Vedere edifici mastodontici.

Parlamento di Budapest. Foto da Flickrin foto: Parlamento di Budapest. Foto da Flickr

Budapest è da visitare "on the road" con il naso all'insù. Passeggiando per la città ungherese vi imbatterete in numerosi edifici mastodontici creati con di stili misti tra il neoclassico, il gotico, l'arabeggiante con qualche punta di barocco. Le colonne sembrano costruite da giganti, le guglie arrivano fino al cielo e le finestre richiamano una magnificenza incredibile. Se amate le strutture maestose che mostrano tutta la grandezza dell'arte questo è il luogo giusto per voi. Dal parlamento ungherese alla chiesa di St.Istvan, di sicuro avrete un a sensazione di impotenza di fronte alla bellezza.

4. Partecipare ad un Sparty.

Széchenyi Thermal Bath. Foto da Flickrin foto: Széchenyi Thermal Bath. Foto da Flickr

Amate le feste in piscina? A Budapest ne troverete tantissime. Ma non si tratta di classiche feste a bordo piscina, ma di speciali party in magnifici stabilimenti termali. Ogni settimana, a rotazione, i bagni termali si trasformano in locali alla moda, che ospitano DJ famosi, si dotano di luci sfavillanti e richiamano tantissima gente che non vede l'ora di divertirsi. Costume da bagno e voglia di scatenarsi sono gli ingredienti fondamentali per partecipare a questi spettacolari sparty.

5. Mangiare e bere bene.

Gulash. Foto di Michela Simonciniin foto: Gulash. Foto di Michela Simoncini

Le cose buone da gustare a Budapes sono tante: carne, Gulash, verdure, zuppe, spezie e dolci meravigliosi fanno da padrone nella cucina ungherese. I piatti sono il risultato di un melting pot di tradizione nomade e influenze provenienti da diverse gastronomie europee. Parola d'ordine della cucina turca è "paprika". Questo ingrediente è immancabile nei piatti della tradizione ungherese. I piatti non sono tutti piccanti, ma possono essere anche dolciastri. Deliziose sono le torte ungheresi, dolcezze ipercaloriche irrinunciabili da mangiare nei caffè storici del centro cittadino. Tutto questo non può che essere accompagnato da un ottimo vino. Nella città ci sono tante vinerie dove assaporate i vini locali,come il Tokaji, un vino da dessert.

6. La vita non costa troppo.

Fiorini ungheresi. Foto da Wikipediain foto: Fiorini ungheresi. Foto da Wikipedia

L'Ungheria è a pieno titolo una nazione che fa parte dell'eurozona, ma continua ad avere una moneta tutta sua. La vita, per chi arriva in città dopo aver cambiato gli Euro in Fiorini ungheresi, è molto conveniente. Dai trasporti al cibo passando per birra e divertimenti, anche se in molti locali l'Euro è accettato il consiglio è di pagare in fiorini ungheresi, poichè risparmierete un bel po'. L'accortenza è di non farsi ingannare dai cartelli "We accept euro", poichè molto spesso i prezzi sono maggiorati per chi paga con la moneta unica.

7. Brindare in un bar tra le rovine.

Szimpla Kert Ruin Pubs, Budapest. Foto di Tereknovain foto: Szimpla Kert Ruin Pubs, Budapest. Foto di Tereknova

A Budapest potrete prendere un buon caffè o un aperitivo in luoghi molto suggestivi e particolari. Alcuni bar a Budapest sono stati costruiti tra le rovine. Questo tipo di bar, nasce proprio qui con il Szimpla Kert, che viene annoverato tra i 100 bar migliori del mondo. Questi bar sono stati realizzati all'interno di fabbriche abbandonate, o in palazzi fatiscenti arredati con creatività e fantasia.

8. Stare a tu per tu tra personaggi importanti.

Memento Park, John Floydin foto: Memento Park, John Floyd

Personaggi come Marx, Engels, Stalin e Lenin vi accoglieranno nel maestoso parco delle statue. Si tratta di uno stravagante parco all'aperto dove sono state erette gigantesche statue. Il Memento Park è nato quando le dittature comuniste iniziarono a crollare e molti governi dell’est Europa fecero rimuovere queste statue, che si trovavano nei centri abitati, distruggendole. A Budapest invece furono portate fuori città e sistemate in questo parco, come monumento alla Memoria, in un percorso storicamente interessante tra i personaggi che hanno influito sul comunismo mondiale.