19:47

A volo di uccello sui grattacieli delle grandi metropoli

Dai palazzi più alti possiamo provare una sensazione che ci accomuna per un attimo ai nostri amici volatili: la vista delle grandi città a centinaia di metri d'altezza.

A volo di uccello sui grattacieli delle grandi metropoli.

Uno dei modi più interessanti con cui si può immortalare un panorama con una foto è quello di riprenderlo dall’alto: una tecnica che in fotografia si chiama bird’s eye view, ovvero vista d’uccello. Poiché solo i volativi hanno hanno il privilegio di avere in ogni luogo e in qualsiasi momento un punto di vista dominante, che abbracci l’orizzonte e contemporaneamente si proietti verso il basso. L’uomo invece può godere di questo genere di vista solo a bordo di un aereo o di un grattacielo molto elevato.

Vista dalla CN Tower di Toronto. Foto di Shawn McClung

La foto ripresa dall’alto infatti assume un impatto visivo maggiore quando questa conferisce un senso di spazialità e allo stesso tempo di profondità: proprio come la vista di un uccello. E questo genere di visuale si ha appunto da palazzi molto alti, poiché da essi si può ammirare l’orizzonte per poi rivolgere lo sguardo verso il basso e farsi prendere da un senso di vertigine.

Singapore vista dallo Swisshotel Stamford. Foto di William Cho

Questa sensazione però la si sperimenta meglio in contesti urbani parecchio edificati: in pratica nelle metropoli. Le grandi città del mondo che si identificano tra l’altro per i loro skyline che sembrano voler puntellare il cielo, dato l’elevato numero di grattacieli che le compongono. Salendo in cima ai palazzi più alti della città si può godere di panorami indescrivibili, e provare almeno per un attimo quella sensazione di libertà che solo i nostri amici piumati possono percepire.

Veduta di Dubai dal Burj Khalifa, l’edificio più alto del mondo. Foto di Phil

Le linee di queste strutture verticali tutte a ridosso tra di loro si proiettano verso il basso con incisività, e noi non possiamo fare a meno di sentirci storditi dalla loro fuga. È questa la grande differenza di un’immagine a volo d’uccello ripresa in un contesto urbano: ci rende percebile immediatamente la distanza che ci separa dalla terra e il vuoto che si trova sotto di noi, pur nella sicurezza di avere i piedi saldi su una struttura di cemento e ferro.

Il centro residenziale di Hong Kong. Foto di gettyimages

A questo si aggiunge la bellezza del paesaggio urbano di per sé, che cambia radicalmente volto dal giorno alla notte. L’aspetto di molte città si modifica col calare delle tenebre, quando le luci degli immensi edifici si accendono e illuminano il suo contorno. Le sagome dei palazzi non sono più ben definite, ma percepibili nell’oscurità tramite i riflessi di ogni fonte di luce che le circonda, rendendo la visuale panoramica ancora più affascinante.

Shanghai di notte dal World Financial Center. Foto di Szymon Kochański

Sensazioni così si possono provare solo in poche metropoli del mondo, che si distinguono per l’agglomerato di edifici in continua competizione tra di loro per il dominio dell’aria. Salire sul più alto di questi non solo ci fa sentire parte di questa sfida epica, ma ci regala panorami magnifici e scatti irripetibili. Noi abbiamo cercato i migliori tra quelli reperibili in giro per il globo: ma, pur nella loro spettacolarità, non uguaglieranno mai la sensazione che si può provare nel far compagnia agli uccelli a centinaia di metri d’altezza.

[In apertura: panorama di Manhattan, New York, dal Rockefeller Center. Foto di moardin]

commenta
STORIE DEL GIORNO
FANPAGE D'AUTORE
ALTRE STORIE