Tra sconfinati campi di lavanda e isole paradisiache, la Provenza racchiude molti luoghi dal fascino irresistibile. Uno di questi è il tratto compreso tra Marsiglia e Cassis. L'area comprende numerose calanques (o in italiano calanchi): falesie di roccia bianca a strapiombo sul mare cristallino. Le loro forme bizzarre e frastagliate si protendono su calette dall'acqua limpida e sembrano sfidare il vento, mentre il candore delle rocce crea un gioco di piacevoli contrasti con il blu intenso del mare. Uno scenario da cartolina che si imprime nella mente e nel cuore.

in foto: Calanques, Marsiglia – Foto di Ludovic Lubeigt

Il Parco Nazionale delle Calanques, istituito nel 2012, è la più giovane riserva naturale in Francia. Situato alle porte di Marsiglia, si estende su tre comuni (Marsiglia, Cassis e La Ciotat) ed è stato creato per tutelare la biodiversità e l'ambiente marino. La riserva comprende 31 ecosistemi terrestri che ospitano 140 specie protette (tra cui l'Aquila di Bonelli) e 14 ecosistemi marini in cui vivono oltre 40 specie protette (tra cui cernie e diverse specie di delfini e tartarughe marine). I fondali, infatti, spiccano per la loro trasparenza e ricchezza di esemplari animali.

Sormiou è la calanque più grande e incanta per la sua bellezza sublime. Tra le meraviglie dell'area c'è la grotta Cosquer, una delle grotte sommerse più affascinanti al mondo, con graffiti preistorici che risalgono a circa 27.000 anni fa. Splendida anche Calanque En-Vue: con il suo mare color smeraldo e i suoi pinnacoli frastagliati, è l'ideale per le arrampicate e regala panorami indimenticabili. Si raggiunge soltanto via mare, ma ogni sforzo è ripagato dalla bellezza della sua spiaggia di sabbia e ciottoli. Port-Pin e Port-Miou, scavate a fondo nella roccia, offrono vedute spettacolari.

Come arrivare alle Calanques? Per visitarle è possibile effettuare numerose escursioni a piedi. I percorsi variano a seconda del grado di difficoltà: alcuni sentieri a piedi portano in pochi minuti a Sormiou, altri sono più impegnativi e riservati agli esperti di trekking. La scelta migliore è quella di effettuare escursioni in battello che partono da Cassis, Marsiglia e La Ciotat. In alternativa si può noleggiare una barca da 8 persone con tanto di capitano per una gita di 2 ore, di mezza giornata o di un'intera giornata ed esplorare la zona da soli partendo da Cap Canaille, la falesia più alta d'Europa. C'è anche chi decide di esplorare le calanques in canoa o kayak. Durante il percorso vi aspettano scorci meravigliosi, boschi di pini a perdita d'occhio ed è perfino possibile farsi il bagno. Se avete voglia di emozionarvi comodamente seduti davanti al pc, qui è possibile ammirare la Calanque En-Vue con una visione a 360 gradi.