Relax alle terme | Cosa vedere ad Arta Terme | Sciare sulla Carnia | Come arrivare

in foto: Flickr

Un luogo bellissimo dove trascorrere le vacanze in montagna si trova sulle cime del Friuli. Tra scorci meravigliosi, natura incantevole e tradizioni sorge il piccolo borgo di Arta Terme, il cui nome rimanda subito al benessere ed alla tranquillità. La zona, infatti, è celebre per le terme che sembrano incastonate in paesaggi meravigliosi. La preziosa acqua utilizzata è quella della fonte Pudia, già conosciuta in epoca romana, che sgorga a una temperatura di 9°C per una portata di 100 litri al minuto. Ma non solo, è adatta per fare sci in inverno, grazie alle piste da sci nei pressi del monte Zoncolan, mentre in estate si avvolge nel verde tra i suoi pascoli ed i boschi. I sapori della terra continuano ad inondare le cucine che sono molto legate alle tradizioni. Arta Terme è situata nella valle del Tagliamento, una zona che si presta molto anche per gli itinerari per escursioni a piedi, in mountain-bike o a cavallo attraverso boschi e praterie, oppure possibilità di praticare altri sport come la discesa in canoa nei torrenti di But e Chiarsò.

Relax alle terme.

Wikipedia
in foto: Wikipedia

Tutta la Carnia è un luogo che al solo sguardo da una sensazione di benessere. Situate al confine tra Austria e Veneto, appare come un villaggio magico, dove la natura la fa da padrona e le tradizioni ed i costumi vengono preservato come un prezioso tesoro. In particolare proprio il piccolo comune di Arta Terme, immerso nella pace e nell'aria buona, è considerato il paese del benessere, grazie alle sue rinomate terme.  Il moderno stabilimento termale accoglie migliaia di visitatori con pacchetti salute e tanti trattamenti, dalle terapie con acque e fanghi termali alla riabilitazione e fisioterapia. Alla base di tutto ci sono le proprietà benefiche dell'acqua minerale sgorgante dalla fonte Pudia, conosciuta e utilizzata fin dall'antichità. All'interno è presente anche il centro di estetica e benesseredove i clienti sono cullati grazie al sapiente uso delle erbe alle più complete ed evolute terapie. Il nuovo padiglione delle Acque delle Terme di Arta, ha una struttura balneare suddivisa in due sezioni: quella di Fisioterapia riabilitativa e una di Fisiologia del benessere, con vasche polifunzionali destinate alle terapie assistite, individuali e di gruppo, anche per gestanti o neo mamme. Il nuovo Reparto wellness è dotato di una grande vasca di idromassaggio suddivisa in una zona centrale con quattro postazioni che si diversificano per l'intensità di flusso e temperatura personalizzabile e di una ampia vasca perimetrale, con getti d'acqua. Sono presenti servizi di sauna tradizionale, biosauna, bagno turco, percorso Kneipp,talassoterapia, doccia emozionale e doccia scozzese.

Cosa vedere ad Arta Terme.

Flickr
in foto: Flickr

In questo borgo situato tra le montagne del Friuli non ci sono solo le terme, ma anche tantissime bellezze storico ­artistiche. Tutto questo si intreccia con le tradizioni ed i panorami idilliaci. Questa cittadina, non a caso fu ispiratrice di Giosuè Carducci, a cui suggerì diverse poesie famose, tra cui Comune Rustico, del 1885. Le cose da vedere ad Arta Terme sono diverse. Se si ama l'aria aperta si può passeggiare nel verde tra pascoli e boschi e visitare le malghe lasciandosi tentare dal profumo dei prodotti della terra. Per gite più emozionanti si può partecipare ad escursioni, trekking e gite a cavallo. In particolare le malve, sono le casere e i rifugi tipici della zona, ma anche le chiesette votive del XIV e XVI secolo e le borgate suggestive abbarbicate sui monti nella zona. Arta Terme in realtà è formato da una miriade di frazioni: Piano d’Arta, Avosacco, Cabia, Cedarchis e Inquan sono i nomi di alcuni borghi, a cui si aggiungono il disabitato Lavoreit, Piedim ai piedi delle montagne, e Rivalpo con i ruderi degli antichi casolari e i solchi dei campi seminativi. Tutti questi borghi dipendevano dalla chiesa di San Martino in località Valle, molto gradevole da visitare. Oltre a questa chiesa, da vedere c'è la chiesa dedicata al Santo Spirito e a San Nicolò, entrambe del Quattrocento, e la chiesa parrocchiale di Piano d’Arta. Il comune di Pesariis è da non perdere, infatti, è famoso come il paese degli orologi, un luogo in cui il tempo pare essersi fermato, con un atmosfera carica di fascino e di un folklore davvero magico. A Zuglio, invece, si può visitare il sito archeologico dell’antica città romana Iulium Carnicum, con il suo foro romano e il museo archeologico che raccoglie tutti gli oggetti rinvenuti nel corso degli scavi della città romana. Per chi in viaggio non riesce a fare a meno di provare i prodotti tipici, questa zona, come tutto il Friuli Venezia Giulia, offre una cucina tipica caratterizzata da sapori unici, accompagnati dai pregiati vini friulani.

Sciare sulla Carnia.

Flickr
in foto: Flickr

La regione della Carnia è ricca di località stupende dove andare in vacanza in montagna. Ma quando arriva l'inverno la neve la fa da padrone e gli appassionati iniziano a popolare questa graziosa zona. Tra i tanti paesini c'è Arta Terme, dove oltre a farsi coccolare da acque termali, si può anche sciare grazie alla vicinanza delle piste del Monte Zoncolan. Su queste piste si possono praticare svariati sport invernali, dallo sci di fondo, allo sci alpino allo snowboard. Le piste del monte Zoncolan si sviluppano su oltre 30 chilometri di estensione, offre piste adatte ad ogni livello di preparazione e abilità, e questo lo rende ideale per tutti gli sciatori, anche i meno esperti e alle famiglie con bambini. Il polo sciistico conta 25 piste di discesa verdi, blu, rosse e nere e 26 piste da fondo per lo sci nordico. E' presente anche un'arena Freestyle, percorsi dedicati allo sci alpinismo e servizio di noleggio e scuola di sci.

Come arrivare.

La zona della Carnia dove sorge Arta Terme è raggiungibile, via autostrada, attraverso la A23 Udine-Tarvisio, con uscita Carnia oppure percorrendo la strada statale che da Udine porta a nord verso la Carnia. Basta uscire al casello di Carnia-Tolmezzo, quindi proseguire sulla statale 52-bis che corre lungo la valle del torrente But fino ad Arta. Da ovest è possibile giungere in Carnia dal Cadore attraverso il passo Mauria, o passando per Sappada. La zona si può raggiungere anche in treno arrivando alla stazione di Carnia, che si trova sulla linea Roma-Vienna. Da qui è possibile proseguire in pullman con partenza ogni ora. Se si sceglie di viaggiare in aereo gli aeroporti più vicini sono quelli di: Trieste a 110 chilometri e Venezia a 190 chilometri.