in foto: Carnevale in Italia. Foto da pixabay

Sfilate, carri, colori e soprattutto tanta allegria. Questi sono gli ingredienti delle feste di Carnevale in Italia, che anche quest'anno invaderanno le strade delle nostre città. Tra i più celebri c'è il Carnevale di Venezia e Viareggio, che esportano la loro fama nel mondo. Altri, come Ivrea e Sciacca, hanno tradizioni molto antiche. Se ancora non avete deciso cosa fare questo Carnevale ecco una lista delle celebrazioni più importanti nel nostro Bel Paese. Cosa aspettate? Prendente una maschera e un sorriso e scegliete il Carnevale più adatto a voi.

Venezia | Viareggio | Ivrea | Maiori | Sciacca | Cento | Putignano

Carnevale di Venezia.

Carnevale di Venezia. Foto da Flickr
in foto: Carnevale di Venezia. Foto da Flickr

Quello di Vnezia è il Carnevale più famoso e conosciuto d'Italia. Nei giorni che si avvicinano al Martedì Grasso le strade, le piazze e i Palazzi della città diventano un vero e proprio tripudio di suoni e colori. Dal 22 Febbraio ormai la festa è entrata nel vivo con un ricco programma di eventi che terrà banco durante tutti i giorni della celebrazione. Impossibile elencarli tutti, perciò ci limitiamo ai più importanti e a quelli tradizionali. Come già nelle ultime edizioni, una scenografica macchina teatrale denominata “Gran Teatro” verrà allestita al centro di Piazza San Marco, fulcro del carnevale e luogo di svolgimento dei principali spettacoli. Per tutto il periodo ci saranno gli appuntamenti giornalieri del concorso per la maschera più bella, con i più bei costumi, eventi culturali e dj – set. Per il resto, occhi puntati su Piazza San Marco, il grande palcoscenico dove si svolgerà la maggiore parte degli eventi. Tra questi il famoso Volo dell'Angelo, durante il quale un'ospite speciale si librerà dal campanile di San Marco.

Carnevale di Viareggio.

Carnevale di Viareggio. Foto di Visit Tuscany
in foto: Carnevale di Viareggio. Foto di Visit Tuscany

A Viareggio, dove la tradizione del Carnevale è molto antica, le celebrazioni continuano con i corsi mascherati, che sfileranno lungo i viali a mare. Domenica 26 febbraio, martedì 28 febbraio, ossia martedì grasso, e domenica 5 marzo. Tutti alle ore 15. In programma ci sono anche due straordinari spettacoli pirotecnici. Quello che concluderà il Corso Mascherato del Martedì Grasso il 28 febbraio. E, infine, come da tradizione, quello per l’ultimo Corso Mascherato, in programma domenica 5 marzo. Inoltre, giovedì grasso, 23 febbraio, sarà il rione Vecchia Viareggio, a dare vita ad una doppia festa. Dalle ore 14,30 alle ore 17,30 per i bambini e dalle ore 19 alle ore 24 per i grandi. Chiuderà il Carneval Darsena con cinque straordinarie notti di baccanale: da venerdì 24 al 28 febbraio, giorno di Martedì Grasso. I carri di Viareggio sono conosciuti in tutto il mondo per la loro bellezza e la maestria con cui sono realizzati. Si tratta di enormi scenografie di cartapesta che rappresentano spesso personaggi dell'attualità o della politica, quasi sempre con intento satirico.

Storico Carnevale di Ivrea.

Carnevale di Ivrea. Foto di Carmelo Speltino
in foto: Carnevale di Ivrea. Foto di Carmelo Speltino

Venezia e Viareggio sono due carnevali recenti, mentre Ivrea affonda le radici nella sua storia medievale. Numerosi gli eventi che vengono rimessi in atto nella cittadina piemontese: la mugnaia, che tagliò la testa al signorotto feudale scatenando una rivolta popolare; la fagiolata, la distribuzione della pentola di fagioli distribuita dai feudatari ai loro vassalli, che la rigettano con spregio; il Corteo con le bandiere dei Rioni e la sfilata di personaggi come il Podestà e il Sostituto Gran Cancelliere. Ma tra tutti gli eventi il Carnevale è famoso per la sua Battaglia delle Arance: il popolo, a piedi e senza protezioni, combatte contro i feudatari, disposti su un carro con delle imbottiture. Il tutto con il lancio di 300.000 agrumi. La tanto attesa Battaglia delle arance ci sarà domenica 26 febbraio 2017. Si inizierà alle 14 con la marcia del corteo storico da piazza  di Città che proseguirà con la sfilata dei gruppi storici ospiti. In seguito le nove squadre a piedi daranno vita alla Battaglia delle arance con i tiratori sui Tiri e Pariglie a quattro suddivisi su due percorsi. Uno interno in Pizza di Città e Ottinetti e l’altro esterno a Borghetto, piazza Del Rondolino passando da Lungo Dora e piazza Freruglia. Alle 21 vi sarà uno spettacolo pirotecnico in onore della Mugnaia sul Lungo Dora e a seguito di esso, una festa al Teatro Giocosa nel quale la Mugnaia ballerà con il Generale sulle note dell’Inno del Carnevale.

Gran Carnevale Maiorese.

Il tema di quest’anno è l’Europa, che sarà protagonista della manifestazione con la sua storia e la sua multiforme cultura. Ancora una volta si prospetta una spettacolare parata dei carri, vere e proprie opere d’arte che prendono vita grazie alla bravura degli artigiani. La lavorazione, basata sulla tecnica del ferro modellato a mano e carta pesta, ha infatti raggiunto livelli di altissima qualità. Giunto alla 44esima edizione, il Gran Carnevale di Maiori è organizzato dall’Associazione CostieraCreativa, con il contributo del Comune di Maiori, che quest’anno si svolgerà dal 19 Febbraio al 5 Marzo, con una serie di eventi da non perdere. Saranno ben 4 le uscite delle maestose opere dei mastri cartapestai maioresi che per questa edizione hanno seguito il tema dell’Europa attraverso la creazione di opere che ripercorrono storia, cultura e tradizione del Paese rappresentato. Saranno rappresentati Francia, Italia, Spagna e Inghilterra. Dal 25 al 28 febbraio è prevista l’apertura del Costiera Amalfitana Family Village al C.so Reginna, un evento che in questi ultimi anni ha reso felici tanti bimbi e che nella cornice del Corso principale sarà sicuramente una grande attrattiva con le sue enormi e pittoresche strutture gonfiabili. Il Parco cambierà poi allestimento per l’ultimo weekend di carnevale, 4-5 Marzo, dove saranno installate strutture Gonfiabili 3d uniche nel loro genere in Italia.

Carnevale di Sciacca.

Carnevale di Sciacca. Foto da Wikipedia
in foto: Carnevale di Sciacca. Foto da Wikipedia

Le strade del Paese di Sciacca si colorano di musica, balli e coriandoli. Tutto pronto per l’atteso Carnevale, con un ricco e variegato programma che parte dal 18  al 28 Febbraio. Tutta la popolazione del paese si veste di divertimento per un Carnevale coinvolgente ed emozionante, che non lascia nulla al caso e che viene curato nei minimi dettagli. In giro per la città, tra gran chiasso e risate. Il Carnevale di Sciacca ha avuto negli ultimi anni seri problemi nella sua organizzazione a causa delle difficoltà economiche del Comune. Nel 2012 arrivò la batosta definitiva per questa festa dalla tradizione secolare. In quella occasione si fece vivamente sentire la protesta dei cittadini, che però non hanno avuto la loro sfilata di carri allegorici.

Carnevale di Cento.

Carnevale di Cento. Foto da Wikipedia
in foto: Carnevale di Cento. Foto da Wikipedia

Torna anche quest'anno il Carnevale di Cento, in Provincia di Ferrara. L'evento diventa sempre qualcosa di nuovo con sfilate, carri allegorici, musica, contest in cui mettersi in gioco. Il Carnevale di Cento ha origini molto antiche, infatti, sembra che venisse festeggiato già nei primi anni del Seicento. Per secoli è stata una festa che ha mantenuto le sue origini tradizionali, fino a quando negli anni '80 ha cominciato ad attuare una trasformazione che lo ha visto espandersi in una festa sempre più colorata e magnifica. La sua fama è diventata tale da essere chiamato Cento Carnevale d'Europa. Il colpo grosso è avvenuto nel 1990 quando ha ottenuto il gemellaggio col Carnevale di Rio in Brasile. Oltre 350.000 persone assistono ogni anno allo storico carnevale, che vede la classica parata di carri allegorici realizzata dalle associazioni di artigiani: i Ribelli, il Risveglio, i Ragazzi del Guercino, Mazalora, i Toponi, il Riscatto. Ogni associazione è composta dalle 500 alle 600 persone, e la quantità si vede tutta, non solo nell'abile lavoro che porta alla costruzione di carri in cartapesta meccanici. La parte più bella della parata è quella del cosiddetto "gettito": le persone sui carri lanciano sulla folla in festa regali e gadget come palloni, materassini gonfiabili da mare, peluche. Come di consueto, l'ultimo giorno viene bruciato il fantoccio di Tasi, la maschera centese il cui rogo decreterà la fine del periodo di festa.

Carnevale di Putignano.

Carnevale di Putignano
in foto: Carnevale di Putignano

Il Carnevale, man mano, è divenuto sempre più ricco ed i Carri sempre più grandi e di fattura pregevole e semoventi, tanto da affermarsi come un Carnevale tra i più rinomati d'Italia. L’edizione 2017 che ha preso il via il 12 febbraio vivrà i suoi momenti clou il 16, 19, 23, 25, 26 e 28 febbraio con il Carnevale N’de Jos’r, che prevede un programma di balli in maschera e stand gastronomici nel centro della città. Per assistere alle sfilate in maschera del 12, 19, 26 e 28 febbraio, è necessario pagare un biglietto che va da 5 a 10 euro a seconda della giornata, ma c’è anche la possibilità di ottenere un ticket ridotto. Le sfilate si chiuderanno con la finale dei sette carri allegorici, in cui uno soltanto sarà il vincitore.