in foto: Melpignano (LE): anche il borgo pugliese aderisce all'iniziativa BAI – Foto di Andrea Donato Alemanno

L'Italia: uno scrigno prezioso ma di frequente abbandonato a se stesso, sebbene racchiuda un'infinità di tesori da scoprire e valorizzare. Sono numerosi i piccoli borghi sparsi per il territorio che meritano visibilità: microcosmi che per le loro bellezze paesaggistiche e culturali, i ritmi lenti e uno stile di vita a misura d'uomo, rappresentano un valore aggiunto per il nostro paese.

Proprio per questo, l'Associazione dei Borghi Autentici ha deciso di dedicare una giornata a quei piccoli Comuni che rischiano di scomparire inglobati dalle grandi città. La prima edizione della Giornata Nazionale dei Borghi Autentici si terrà domenica 22 maggio e coinvolgerà 48 borghi in 13 regioni italiane: dall'Abruzzo alla Basilicata, dalla Calabria alla Campania, dall'Emilia Romagna al Friuli Venezia Giulia, e poi Lazio, Lombardia, Molise, Piemonte, Puglia, Umbria e Sardegna. Le piccole comunità del nostro paese saranno in festa e approfitteranno dell'occasione per raccontarsi ai visitatori nel segno di una precisa identità locale.

L'Associazione è una rete di piccoli territori che nasce per salvaguardare le specifiche identità e creare un modello di sviluppo più equo e rispettoso, cercando di migliorare la qualità di vita della popolazione. L'obiettivo della giornata nazionale è quello di creare una comunità aperta che mira ad accogliere "ospiti" per farli diventare "cittadini temporanei" alla scoperta di tesori poco conosciuti e bellezze artistiche e naturalistiche da valorizzare.

Il programma degli eventi prevede passeggiate e visite guidate, musei aperti, degustazioni, street art, artigianato, concorsi foto e video. Si terranno inoltre diverse iniziative green organizzate dalla comunità locale per rendere più bello e pulito il territorio.  Per scoprire i borghi autentici che hanno aderito all'iniziativa e il programma completo si può visitare il sito ufficiale dell'associazione.