I motivi per cui si visita San Marino possono essere davvero tanti e tra i più disparati. Questa cittadina così piccola sulla collina Emiliana, ospita un'incredibile numero di beni architettonici e naturali che creano un'affresco di una bellezza unica per i turisti. Milioni di visitatori vi affluiscono perché consigliati da amici e conoscenti che ci sono stati e ne sono rimasti entusiasti, per le sue stradine e le sue Torri, molto caratteristiche e per il panorama che si coglie da questo naturale balcone sull’Italia.  Altra causa è perché  si tratta di un ingresso in una frontiera che è indicata principalmente a fini turistici senza passaporto e senza l’alt dei doganieri, e questo realizza il desiderio di viaggio all’estero di molti di noi. Altri visitatori, inoltre, sono interessati ai souvenir ed allo shopping nei tanti negozietti tipici del posto, ed ad acquistare i prodotti degli artigiani locali che lavorano sapientemente la ceramica e l'oro. Certamente San Marino è famosa per i suoi prezzi a buon mercato grazie alla mancanza dell’Iva. L'economia del paese è basata sul turismo, basti pensare che mediamente ogni anno questo piccolo borgo viene visitato da oltre due milioni di turisti,  e questo è facilitato anche dal fatto che pur trovandosi in uno Stato autonomo non servono documenti particolari per passare da San Marino all'Italia e in città si paga e si parla italiano. Insomma un estero comodo e tranquillo, una vacanza in Italia, ma da forestieri.

La Repubblica di San Marino venne fondata agli inizi del IV secolo da uno scalpellino di nome Marino, sfuggito alle persecuzioni dell'imperatore Diocleziano. E' considerata la più antica Repubblica del mondo e già nel Medioevo il paese si diede un ordinamento comunale che per molti aspetti è in uso ancora oggi, e ha da sempre mantenuto nei secoli la sua indipendenza cosa che fa effetto soprattutto in quest'epoca di incertezze. Oggi lo Stato è diviso in nove castelli: la capitale Città di San Marino, Acquaviva, Borgo Maggiore, Chiesanuova, Domagnano, Faetano, Fiorentino, Montegiardino e Serravalle. In questa guida ci soffermeremo sul suo borgo più importante quello di San Marino.

La città vi accoglierà con la scritta “San marino l’antica terra della libertà”, posta all'ingresso del paese, così come a voler augurare il benvenuto in una località fuori dal tempo odierno. San Marino è famosa in tutto il mondo non solo per i francobolli ma anche per l’atmosfera medievale. Si può passare dalla cima del monte Titano nel centro della città vecchia con una funicolare che attraversa il borgo, scoprire il superlativo Belvedere. Salire sulla Rocca, costruzione tipicamente medioevale, e rivedere le armi d'epoca nella torre della Cestia. Un'altra vista spettacolare è quella che si scorge dalla piazza della libertà, che anche non essendo il punto più alto, regala uno scorcio memorabile. La città di San Marino ha tanto da mostrare e regala scenari molto suggestivi, soprattutto durante le celebrazioni natalizie, quando le stradine della città si arricchiscono di mercatini molto caratteristici. Ma anche gli altri periodi dell'anno sono ideale per visitare San Marino, infatti in estate si tengono le rievocazioni storiche e la piccola repubblica ospita tradizioni folcloristiche degne di Camelot, potrete vedere gli sbandieratori e i leggendari balestieri. Ma vediamo in particolare quali sono le cose da vedere e come trascorrere i giorni di vacanza nella città di San Marino.

Cosa vedere
Come arrivare
Dove e cosa mangiare
Gli eventi in città 

Guadia del Consiglio di San Marino

Guardia del Consiglio di San Marino, foto di Giorgio Minguzzi

Cosa vedere 

Come abbiamo già sottolineato le cose da vedere a San Marino sono tante e tutte ricche di storia e di tradizione. Dentro le mura della città vi sono le antiche piazze, i palazzi, musei, chiese, case medioevali tutte in pietra che conservano l’aspetto di un tempo. La visita può iniziare dal centro storico, dove si trova la Statua della Libertà, infatti non c'è bisogni di viaggiare fino a New York, ma anche San Marino ha la sua Statua della Libertà degna di nota. Si tratta di un dono fatto alla città da parte di una contessa, che rimase colpita dall'enorme importanza data dai sammarinesi alla propria libertà, alla propria indipendenza, da volerla celebrare con un omaggio come questo. Nel centro storico si trova il Palazzo del Governo, sede di qualcosa di simile ad un parlamento sammarinese che è formato dai capitani Reggenti che vengono rieletti ogni sei mesi. Nel centro si scorge anche una delle Torri di cui è famosa la città, che ospita il museo delle Armi antiche. Altri luoghi da vedere sono la Basilica, dedicata al patrono, la Chiesa di San Francesco, che è la più antica del paese, la Chiesa dei Cappuccini, la Mostra permanente dell'artigianato sammarinese, il museo delle Armi Moderne, quello delle Auto d'Epoca e l'immancabile Museo delle Cere, una vera chicca: il Museo delle Curiosità. E infine on ultimo l’inquietante Museo della Tortura che raccoglie più di 100 strumenti utilizzati nell’antichità per procurare dolore e morte. La Piazza dove si trova la Statua, anche'essa della Libertà, durante tutto il giorno è ricca di curiosi che aspettano che avvenga il cambio della Guardia, nei mesi estivi avviene quotidianamente, dalle 8.30 alle 18.30, ogni ora alla mezz'ora.

Ma nel centro storico non si trovano solo musei, ma tutte le mura e le pietre parlano di medioevo, tanto che nessuno si sorprenderebbe  se, fra strade, tra torrioni e baluardi merlati, vedesse sbucare un personaggio in calzamaglia o un armigero con tanto di destriero. E spesso proprio questo accade, e la città diventa lo scenario di rappresentazioni che rimandano all'atmosfera medioevale. A San Marino sono conosciute come le giornate Medioevali, e sono una delle più importanti attrazioni del paese, che chiamano all'opera più di cinquecento tra musicisti, teatranti, giocolieri e saltimbanchi che sfilano in mezzo al pubblico e lo accompagnano per le vie della città.

Dall’alto della città, sul monte Titano vi sono tre rocche erette allo scopo di proteggere la città. La Prima Torre fu la prima ad essere edificata intorno all’anno 1000, la Seconda Torre, Rocca Cesta, è la più alta delle tre, risale al XIII secolo ed al suo interno si trova l’imperdibile Museo delle Armi. La Terza Torre, Rocca Montale, risale anche questa al XIII secolo. Le torri si possono raggiungere a piedi in un percorso affascinante e pittoresco. La torre Guaita è interamente visitabile, e si può godere di una splendida vista dalla torre campanaria o visitare i sotterranei dove si trovano le antiche carceri, che oggi ospitano piccole esposizioni temporanee, venivano confinati solo coloro che dovevano scontare una detenzione non superiore ai sei mesi, per pene superiori era previsto il trasferimento dei condannati nelle carceri italiane. L'ingresso alla Torre è di soli 3 euro a persona. Continuando il cammino a piedi si attraversa il Passo delle Streghe, sentiero molto suggestivo, ma che perde un po’ della sua attrattiva per le innumerevoli bancarelle che lo affollano. Dopo averlo percorso si raggiunge la seconda Torre, quella di Cesta, questa è la più alta, a circa 750 metri dal mare. Affacciandosi sulla vallata sottostante, sulla sinistra si può ammirare la Torre Guaita in tutta la sua imponenza, voltandosi a destra invece si scorge la Terza Torre. Al primo piano è stato allestito il Museo delle Armi Antiche, e anche qui il costo del biglietto è di 3 euro, e se si visitano entrambe le torri il biglietto cumulativo è di 4,50 euro. Il cammino poi ci porterà alla terza Torre, il Montale, più piccola rispetto alle altre, e purtroppo chiusa al pubblico.

Visualizzazione ingrandita della mappa

Come arrivare

San Marino non ha un proprio aeroporto, ma raggiungere la città è comunque molto semplice data la vicinanza con gli aeroporti di molte regioni italiane. L'aeroporto più vicino è quello d Rimini, ama si può anche arrivare a San Marino scendendo a Parma o a Forlì. Anche per il treno la stazione più vicina è quella di Rimini, che è collegato al centro della città sammarinese da un'autobus molto frequente e diverse corriere. La distanza Rimini – San Marino è di 25 chilometri. Se scegliete l'auto, bisogna sottolineare che se volete soggiornare solo a San Marino servirà poco, data la piccola dimensione della cittadina gli spostamenti saranno principalmente a piedi. Comunque è facilmente raggiungibile dall'autostrada A14, con uscita a Rimini Sud e tramite la statale S.S. San Marino, proseguendo poi per la superstrada di San Marino

Palazzo governativo

Palazzo governativo, foto di Giorgio Minguzzi

Dove e cosa mangiare

I prodotti tipici della cucina sanmarinese sono stati contagiati dalle vicine regione italiane, infatti si sente profumo di Romagna e di Marche, quindi come questa è semplice e saporita.  Tra i piatti assolutamente da gustare ci sono i cappelletti e il caciatello, un dolce tipico. E ancora tagliatelle, pasta al forno, ravioli, tortellini, tutta pasta fatta in casa, secondo tradizione, accompagnata da secondi di carne, formaggi e salumi che hanno il sapore semplice e genuino di queste terre. Per deliziare la chiusura di ogni pasto non si possono di certo dimenticare i dolci della tradizione sammarinese: la Pagnotta preparata con uvetta e anice e il Bustrengo, con pane grattugiato o farina di mais. E ad ogni banchetto che si rispetti non può mancare del buon vino, come il rosso San giovese, il biacale e lo spumante dolce Moscato, prodotto proprio a San Marino, e tutelato con il suo marchio di origine controllata e i liquori locali molto aromatici.

Durante le vostre passeggiate in città sarà dura resistere alle tante trattorie ed osterie che si incontrano nel borgo, una sosta consigliata è alla Buca di San Francesco, come consigliato anche su Trip Advisor, un locale rustico e familiare con una cucina semplice, ma di grande valore. 

vista Monte Titano

Monte Titano, foto di Birgit Juel Martinsen

Gli eventi in città

Soprattutto in estate nella piccola città di San Marino si svolgono tanti eventie ricorrenze molto affascinanti che attirano tani visitatori. Le più belle e suggestive sono le rievocazioni storiche, ma non mancano altre celebrazioni legate alle cadenze religiose, o ai vari periodi dell'anno. Ogni sei mesi è possibile assistere alla celebre Cerimonia di Insediamento dei Capitani Reggenti, che prevede una serie di cortei e cerimonie che decretano il governo dei sei mesi successivi. Molto sentite sono le feste di Sant'Agata e della Liberazione della Repubblica, la Festa della Fondazione e del santo patrono, San Marino, e le Giornate Medievali. Durante queste particolari giornate i protagonisti sono soprattutto gli sbandieratori, che ha San Marino hanno una lunga tradizione, e gli era affidata la difesa della Patria, delle mura e delle case, contro la minaccia della perdita della libertà. Ogni anno il 3 Settembre si celebra il Palio delle balestre grandi, che prevede una gara proprio tra gli sbandieratori, tutto arricchito da musicisti, comparse e figuranti che sembrano arrivare direttamente dal Medioevo. Un'altra data da segnare è il 5 Febbraio, giorno in cui si celebra la la liberazione.

Oltre a queste feste che hanno un importante valore storico e sono legate alle tradizioni del paese, a San Marino vi sono altre manifestazioni molto divertenti, come le Notti Rosa, che ogni anno prevede la partecipazione di personaggi celebri e l'organizzazione di spettacoli unici ed il Natale ed il Capodanno, con i mercatini che vengono allestiti nelle anguste stradine e l'emozionante conto alla rovescia sotto le stelle a suon di musica. San Marino inoltre è situato a pochi passi dalla Riviera romagnola, famosa per il suo divertimento, ed è in grado di offrire molte alternative per passare le serate all'insegna dello svago e dell'evasione.

La foto principale è di fdecomite