in foto: L'hotel peggiore del mondo. Foto di Roman Harak

In Corea del Nord si trova un albero a 5 stelle, dotato di casinò e night club, ma ha una particolarità: non ha mai avuto clienti. E' il Ryugyong Hotel, una struttura per la cui costruzione ha contribuito anche il Governo coreano, non badando a spese, realizzando una struttura ricettiva che trent'anni fa era la più alta al mondo, con ben 105 piani. Eppure, nonostante la maestosa costruzione e il lusso dell'hotel, oggi gli è stato attribuito il titolo di albergo peggiore del mondo. Il motivo di questo attributo non è la decadenza o o altro, ma semplicemente non ha mai avuto clienti.

Il Ryugyong doveva essere l'opera di edilizia che avrebbe fatto brillare il regime ora guidato da Kim Jong, invece si è trasformata in un vero fallimento. Eppure il padre del dittatore, Kim Jong-il, diede il via ai lavori della struttura di 330 metri nel 1987, con l'obiettivo di trasformare l'hotel in un polo di attrazione per gli investitori internazionali. Il governo spese la bellezza di 750 milioni per la sua costruzione, paragonabili al 2% del PIL della Corea del Nord. Nel progetto di realizzazione era infatti inclusa la costruzione di casinò interni e club notturni per il divertimento dei clienti. Una struttura che avrebbe dovuto attirare i ricchi.

Ma purtroppo in 30 anni questi ospiti non ci sono stati ed a peggiorare la situazione è stata una recensione di una delegazione della Camera di Commercio dell'Unione Europa, che lo definì "il peggior edificio al mondo" a causa del materiale con cui era stato eretto e delle fallaci misure di sicurezza. Il Ryugyong guadagnò anche l'appellativo di "hotel maledetto" e "hotel fantasma" da parte della stampa estera.

Gli interventi per risolvere il problema ci sono stai, infatti, nel 2008 la società di comunicazione egiziana Global Telecom decise di ristrutturare l'albergo, ricoprendolo l'esterno dell'edificio di pannelli di vetro e finanziando anche l'abbellimento di Pyongyang, città in cui sorge, con l'apertura di nuovi teatri e reti stradali. L'azienda firmò un contratto da 400 milioni di dollari con il governo locale e spese più di 180 milioni della riqualificazione della struttura.

Purtroppo, però, fu tutto inutile. L'albergo non ha ancora aperto le sue porte al pubblico, anche se le ultime indiscrezioni dicono che Kim Jong-un ha in mente di far rinascere il Ryugyong Staremo a vedere.