in foto: Peperoncino rosso. Foto da Pixabay

Secondo il New York Times tra le destinazioni di viaggio che proprio non si possono perdere nel 2017 c'è anche una regione italia.Una regione del Sud che grazie alla sua bellezza ed alle sue eccellenze entra nelle lista del giornale statunitense. Stiamo parlando della Calabria, entra nell'elenco delle 52 mete del 2017 accanto a regioni come Canada, Perù, India e Giappone. La nostra Calabria si posiziona al 37 esimo posto e il New York Times spiega la scelta della Regione per una sua particolare eccellenza. "Il cibo in Italia fuori dalle regioni più visitate" è il titolo della breve descrizione firmata da Danielle Pergament che spiega perchè andare in Calabria. La motivazione principale è quindi legata al cibo, secondo il giornalista, infatti, la gastronomia migliore in Italia non si trova nelle città più blasonate, come Roma o Firenze, bensì nella regione Meridionale, in particolare in Calabria. La punta dello stivale d'Italia sta diventando sempre più conosciuta nella ristorazione grazie a chef e locali di qualità e soprattutto bontà. Tra questi proprio il giornale statunitense ricorda il ristorante Dattilo, il ristorante Ruris di Isola Capo Rizzuto e Antonio Abbruzzino chef stellato di Catanzaro.

Sembrerà un controsenso, ma la Calabria, regione tra le più torride d'Italia, offre una cucina dai sapori forti, altamente caratterizzati. Nonostante le temperature quasi tropicali in estate, il peperoncino e la cipolla rossa di Tropea, sono gli ingredienti principi della cucina calabrese. Famosa per produrre la maggior quota di bergamotto al mondo, la Calabria negli ultimi anni si sta orientando verso cibi più leggeri, agricoltura biologica e vino di vitigni locali.

Le presenze Europee nella lista delle mete del 2017 del New York Times sono la Croazia, con due località, la Svizzera, la Germania, l'Inghilterra, la Svezia, la Francia, Cipro, il Portogallo, la Grecia, la Spagna, con due località e l'Ungheria.

Vota l'articolo:
3.82 su 5.00 basato su 420 voti.
Aggiungi un commento!