in foto: L'ago d'Orta. Foto di Alessandro Vecchi

Quando si sceglie la destinazione di un viaggio spesso la nostra mente vola lontano verso la ricerca di luoghi paradisiaci dall'altro lato del mondo. Ed è per questo che molte vacanze restano sogni ben chiusi nel cassetto con la speranza che un giorno si possano realizzare. Ma se invece la bellezza non fosse così lontana? Proprio vicino a noi esistono dei luoghi incantevoli dove il tempo sembra esserci fermato e ci si può godere una vacanza lontano dal caos e dai problemi di tutti i giorni. Uno di questi è il Lago d'Orta, uno degli angoli più belli d'Italia ideale per una fuga e per rifarsi gli occhi grazie alla meravigliosa natura.

Il Lago si trova in Piemonte ad Ovest del Lago Maggiore ed è noto anche come Cusio. Ammirare questo luogo è come guardare un dipinto dove le verdi colline scendono fino al lago come ad abbracciare l'acqua splendente. La bellezza di questo luogo non è stata indifferente fin dall'antichità. I Savoia scelsero il Lago d'Orta per costruire palazzi ed edifici maestosi, ancora oggi visitabili, ma questo paradiso in terra è stato anche fonte di ispirazione per poeti e letterati che amavano rifuggiarsi sulle sue sponde. Ricordiamo Balzac e Montale dalle cui poesie si può leggere l'incanto dei loro occhi di fronte a questo spettacolo della natura.

Di seguito cosa vedere in questo luogo incantevole.

I borghi del lago
L'isola di San Giulio
Riserva naturale del Sacro Monte di Orta
Come arrivare al Lago d'Orta

I Borghi del Lago.

Veduta del Lago d'Orta. Foto di Fabio Valeggiain foto: Veduta del Lago d'Orta. Foto di Fabio Valeggia

Il borgo sorge nella riva centrale e prende il nome dal Lago. Orta San Giulio è un grazioso centro dominato alle spalle dal suo Sacro Monte, con le 20 cappelle affrescate dal Morazzone. Il cuore del borgo è piazza Motta, un salotto affacciato sulle acque, dove sorge anche il porticciolo da dove partono le imbarcazioni dirette all’isola di San Giulio. Qui sorge il palazzo della Riviera di San Giulio, detto anche Broletto. Sulla piazza centrale si affacciano locali e piccole botteghe che continuano anche negli stretti vicoletti che si intrecciano nel borgo. Dalla piazza parte anche la salita di via Caire Albertoletti, fiancheggiata da interessanti edifici storici tra cui palazzo Gemelli. Da non perdere, alla sommità della via, la Chiesa di Santa Maria.

Le rive del lago sono costellate di piccoli paesi pittoreschi, borghi antichi e porticcioli che sono stati abitati da pescatori. Oggi le vecchie imbarcazioni sono diminuite, ma si vedono imbarcazioni sportive e di porto, di turismo internazionale di qualità. Uno di questi borghi è Gozzano, che si trova nell'estremità meridionale. Un altro grazioso centro è Omega, che sorge sull'estremità settentrionale. Questo borgo è famoso poichè è la città natale di Alfonso Bialetti, fondatore dell'omonima industria e di Gianni Rodari, giornalista e scrittore. In città sono da vedere la chiesa di Sant’Ambrogio, il ponte Antico a due archi e la porta Romana.

Degno di nota è anche Nonio, centro famoso per le cave di serpentino, ma ancor di più perchè è il paese dei due tramonti. In alcuni giorni, infatti, il sole, dopo essere scomparso dietro il monte Castello, ricompare per qualche minuto, per poi tramontare definitivamente. Da vedere anche Cesara, borgo montano situato sulla sponda occidentale del lago. Da qui si può raggiungere facilmente il santuario della Madonna del Sasso, situato sulla cima di un roccione a strapiombo sul lago d’Orta. Il balcone del Cusio, così come viene chiamato, offre un'incredibile vista su tutto il lago. Lungo la parete che sorregge il Santuario si trova il borgo di Pella, che offre anche esso meraviglioso panorama.

L'isola di San Giulio.

Isola di San Giulio. Foto di Luca Casartelliin foto: Isola di San Giulio. Foto di Luca Casartelli

Al centro del Lago d'Orta spicca l'isola di San Giulio, un luogo quasi magico in cui si raccontano leggende davvero suggestive. Pare che in questo logo San Giulio, sconfisse serpenti e draghi che infestavano quella terra. Sull'isolotto oggi sorge la Basilica di San Giulio, un edificio storico in cui ancora oggi sono visibili gli affreschi dei santi, dipinti da tutti gli allievi di Gaudenzio Ferrari, un pittore e scultore italiano del 1400. L'approdo sull'isola avviene proprio dal lato della Basilica, proseguendo si scorgono palazzi e dimore, ma anche corti e giardini ricchi di verde. Per raggiungere l'isola di San Giulio da Orta ci vogliono solo 5 minuti ed il costo del biglietto per la sola andata è di 2,00 euro mentre per andata e ritorno in giornata si pagano 2,80 euro a persona.

Riserva Naturale del Sacro Monte di Orta 

Piaxabayin foto: Piaxabay

Per chi ama la natura può visitare la Riserva Naturale del Sacro Monte di Orta. Questo spazio verde domina il borgo, quasi ad abbracciarlo.  La Riserva è divisa in due parti, la prima del bosco e la seconda sacra. Quest'ultima comprende 20 cappelle dedicate a episodi della vita di San Francesco d’Assisi, con affreschi e sculture dipinte, e culmina con la chiesa di San Nicola di Mira, immersa nel bosco.

Come arrivare al Lago d'Orta.

Il lago d'Orta si può raggiungere in auto percorrendo l'Autostrada A26 in direzione Gravellona Toce, uscendo a Borgomanero e seguendo le indicazioni per Gozzano, la prima cittadina del Lago d'Orta a sud. Il lago d'Orta dista 135 chilometri da Torino, 70 da Milano, 80 chilometri da Milano Linate e 42 da Milano Malpensa. Per arrivare in treno la stazione più vicina è quella di Orta-Miasino sulla linea Novara-Domodossola, da qui si può preoseguire a piedi per circa 2 chilometri.