Chi spera in un Natale che porti la neve anche nelle grandi città può mettersi il cuore in pace: queste vacanze estive dovrebbero cominciare con il sereno e con temperature non troppo fredde. In questi giorni gran parte dell'Italia non scorge nel cielo che qualche nuvola dopo due settimane di piogge anche torrenziali. Una zona di alta pressione ha contribuito a tenere alla larga le instabilità e il freddo provenienti dal Nord Europa e dall'Atlantico. Secondo Antonio Sanò, direttore del portale ilmeteo.it, saranno ancora le alte pressioni a rendere stabile il meteo di questi giorni che precedono il Natale, anche se non ovunque splenderà il sole. Nelle zone interne comprese tra Toscana, Umbria e Lazio e in Valpadana lungo il Po la nebbia contribuirà a raffreddare l'aria riducendo l'effetto positivo del sole. Una situazione che nei centri urbani più densamente abitati potrebbe comportare anche un aumento dell'inquinamento, impedendo ad anidride carbonica e polveri sottili di raggiungere quote più alte dell'atmosfera. Altrove il tempo sarà decisamente più mite. La zona di alta pressione dovrebbe riuscire a garantire tempo sereno fino a venerdì 20 dicembre, quando, abbandonando l'Italia, dovrà cedere alle perturbazioni che oggi pressano da nord e da est. Le temperature generalmente alte torneranno dunque a scendere nei giorni natalizi, ma probabilmente senza creare le condizioni atmosferiche sufficienti a rendere bianco questo Natale 2013.