Melbourne costituisce, dopo Sydney, la città più importante dell'Australia. Oltre alla bellezza dei suoi paesaggi e alle attrazioni, Melbourne è molto ambita perché è considerata la città più vivibile del mondo. La classifica dell'Economist elegge per il settimo anno consecutivo la città australiana in cima alla classifica. I criteri di scelta sono molto precisi, tra questi: la stabilità, la qualità del proprio sistema sanitario, la vita culturale e le condizioni climatiche, la qualità dell’istruzione e quella delle infrastrutture. A ognuno di questi criteri corrisponde un punteggio da 1 a 100 e poi c’è un punteggio generale. Il punteggio di Melburne è di 97,5, ma la cosa interessante è che tutte le città australiane considerate dal Global Liveability Report sono tra le prime venti della classifica.

Ma cos'ha Melburne di così speciale?

Melburne per ottenere il primato di città più vivibile del mondo ha ottenuto un punteggio molto alto per l’istruzione, e anche per il sistema sanitario e le infrastrutture. Non a caso la città possiede ben 7 Università pubbliche, fra cui l’Università di Melbourne, considerata la migliore del paese. L’unica pecca è rappresentata dal pericolo terrorismo e dalla mancanza di alloggi, che sta spingendo alla costruzione di nuove zone residenziali. Infine, secondo l’Economist, Melbourne non è solo molto vivibile, ma anche cara, visto che si piazza nella classifica delle 20 città del mondo in cui il costo della vita è molto alto.

Altro aspetto che la rende vivibile è la densità di popolazione bassa, questo rende disponibili molte attività ricreative nelle città e di non avere infrastrutture sovraffollate. Le prospettive lavorative post-laurea sono dell’83 per cento, però, i melbournian non si vantano, sono persone concrete, che alle chiacchiere preferiscono l’azione.