Capitale dell'Impero Romano d'Occidente, capitale del Regno goto sotto Teoderico e capitale dell'Impero bizantino in Europa. Ravenna è nata per essere una città importante e se ne accorsero già molti secoli fa, quando la città veniva rivestita di titoli speciali. Questa importanza è sottolineata anche dalla presenza di ben otto edifici dichiarati Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco: la Basilica di San Vitale, il Mausoleo di Galla Placidia, il Mausoleo di Teodorico, la Basilica di Sant'Apollinare Nuovo e di Sant'Apollinare in Classe, il Battistero degli Ariani, il Battistero Neoniano e la Cappella di Sant'Andrea all'interno del Museo Arcivescovile. Ma le cose che rendono speciale Ravenna non sono finite qua, primi fra tutti gli splendidi mosaici ammirati e famosi in tutti il mondo, la città inoltre conserva le spoglie di Dante Alighieri nella suggestiva zona del silenzio e ne mantiene viva la memoria. Ultimo motivo per visitare la città è che Ravenna si trova a due passi dal mare e questo la rende una meta molto ambita anche per le vacanze estive in Italia. Ravenna è una città da visitare almeno una volta nella vita per le bellezze di grande rilevanza artistica e culturale che questa città custodisce. Chiese romaniche e biblioteche medioevali, mosaici bizantini e maestosi progetti per i grandi magnati rinascimentali, siti archeologici e antichi palazzi che ospitano ricche collezioni d'arte, sono solo alcune delle meraviglie da visitare a pochi passi dalla Costa Adriatica dell' Emilia Romagna.

Cosa vedere
Come arrivare
Cosa e dove mangiare
Eventi e divertimenti

Cosa vedere.

[Foto di testus]

Lasciate l'auto appena fuori al centro storico, affittate una bici ed iniziate la vostra visita alla città dei mosaici. Ravenna infatti è una città che si gira tranquillamente a piedi o in bicicletta, nel centro sono gli unici mezzi che si vedranno sfrecciare. La città emiliana è stata attraversata da un passato molto ricco e questo è testimoniato dai grandi monumenti religiosi, civili e soprattutto dalle decorazioni dei mosaici paleocristiani che mescolano la tradizione greco romana all'iconografia cristiana, con influenze veneziane e bizantine. Ma Ravenna è anche il luogo prescelto da grandi poeti ed artisti, primo fra tutti Dante Alighieri. Da Piazza del Popolo, il cuore della Ravenna moderna, inizia un susseguirsi di luoghi dedicati al grande poeta fiorentino, via Alighieri porta al Sepolcro di Dante, oggi vuoto, le ossa del sommo poeta riposano infatti nella Biblioteca Classense. Accanto al Sepolcro dello scrittore si trova il convento di San Francesco, sede del Museo Dantesco, è un luogo molto particolare poiché la sua cripta, collocata qualche metro sotto il livello del mare, si trova costantemente allagata, ed è molto suggestivo ammirare i mosaici totalmente ricoperti di acqua. Sempre nel centro, in via Barbiani, si scopre uno dei tesori archeologici più importanti d'Italia, la Domus dei Tappeti di Pietra. Per accedervi bisogna passare per la chiesa di Sant'Eufelia attraverso la sala dei cento Preti. L'ingresso costa 4 euro ed all'interno si possono ammirare ben 1.200 metri quadrati di mosaici multicolori e marmi, suddivisi in 14 diversi ambienti.

La visita continua al monumento più famoso ed importante della città: la Basilica di San Vitale. L'ingresso alla Basilica è a pagamento, 8 euro e 50, ma si può acquistare un biglietto comprensivo che include la visita anche a Sant'Apollinare in Classe ed al il Museo Nazionale. L'ingresso invece è gratuito per gli over 65 e gli under 18, cosa che vale anche per gli altri monumenti. Entrando nel complesso di forma ottagonale potrete capire perché la città di Ravenna è così famosa per i mosaici, infatti le pareti sono ricoperte da vere opere d'arte. All'esterno vi sembrerà un'opera non degna di nota, infatti appare molto semplice e disadorno, ma all'interno si presenta maestoso e ricchissimo di decorazioni che abbelliscono le cupole. Sul pavimento invece è rappresentato il labirinto, simbolo della ricerca della purificazione. Fa parte della costruzione anche il mausoleo di Galla Placidia, in cui si accede attraversando un giardino. Il mausoleo, anche essendo piccolo, ospita anche esso mosaici di rara bellezza, ed il cielo stellato vi farà restare con la testa in su' per molto tempo per contemplare la sua bellezza. Sulla cupola infatti sono riprodotte 570 stelle d'oro che si stagliano su un cielo blu scuro che dona ancor più luce a questa splendida opera d'arte. Sempre nel Complesso Monastico di San Vitale, si trova il Museo Nazionale, che mette in mostra i resti di epoca romana, affreschi del trecento e collezioni di stoffe ed avori.

[Foto di Hiro-o]

Altra costruzione da visitare durante il tour a Ravenna è il Mausoleo di Teorico, uno dei monumenti più famosi d'Italia, e la sua fama di sicuro non deluderà le aspettative. Il Mausoleo fu fatto costruire da Teodorico come tomba, si trova fuori dal centro storico della città, in direzione nord-est, immerso in un'aria verde. La particolarità di questa struttura è che non è costruita in mattoni come tutte le altre, ma in marmo bianco d'Istria, ed è divisa in due piani, quello superiore dove è collocata una vasca di porfido dove si pensa sia sepolto lo stesso Teodorico e quello inferiore che si pensa venisse utilizzata come cappella per lo svolgimento delle liturgie funebri. La sua copertura è il tratto più straordinario del monumento, un monolite di 300 tonnellate e 11 metri di diametro. Altra opera di Teodorico è il Battistero degli Ariani , anch'esso ricco di mosaici e di bellezze. Rimanendo fuori dal centro storico, a circa 5 chilometri da Ravenna, si trova il simbolo della città è la Basilica di Sant'Apollinare in Classe. Il suo interno è a dir poco meraviglioso e custodisce un mosaico i cui colori lasciano a bocca aperta. Oro, turchese e smeraldo sono i colori di questa eccezionale opera che acceca la vista per la sua straordinaria bellezza.

La Basilica di Sant'Apollinare Nuovo, da non confondere con la precedente, è un altra importante attrazione di Ravenna, sempre per i suoi ricchi mosaici che rappresentano la vita di Cristo, i Santi e Profeti ed il famoso Palazzo di Teodorico. La figura dell'Imperatore e di altri personaggi, furono ricoperti da drappi bianchi, quando la basilica passò dal culto ariano al culto cattolico. Altri luoghi che meritano una visita sono il Battistero Neoniano ed il Planetario di Ravenna dove si possono ammirare stelle, pianeti e tutto il sistema solare. Se poi volete tralasciare per un pò l'arte e la cultura, a Ravenna si può trascorrere qualche ora immersi nel relax e nel divertimento. Infatti durante la nostra visita a Ravenna non può mancare una capatina al mare della Romagna, che di certo non è uno dei più cristallini, ma ci sono tanti lidi dove trascorrere qualche ora di spensieratezza tra le feste organizzate in spiaggia e i locali sul lungomare.

Come arrivare.

Visualizzazione ingrandita della mappa

Ravenna si trova nel nord est d'Italia a pochi chilometri del mar Adriatico. Le alternative per raggiungere la località sono tante. Si può arrivare in treno attraverso le linee ferroviarie che collegano Ravenna con Bologna, con Rimini o Ferrara, la stazione si trova a soli 300 metri dal centro storico. L'altra alternativa è l'aereo, la città è raggiungibile dagli aeroporti di Bologna, che dista poco più di un'ora, da quello di Forlì e Rimini, che però sono forniti da meno collegamenti aerei. In auto la capitale italiana del mosaico si può raggiungere da Nord prendendo l'autostrada A14 che passa per Bologna, e dove convergono l'autostrada A1 del Sole, la A21 Torino  – Piacenza e la A22 del Brennero; da Sud, invece, si possono percorrere le autostrade A1 e A14, uscire a Cesena Nord ed imboccare la Superstrada E45, che percorre l'Appennino collega Ravenna a Orte e infine la strada statale 16 Adriatica.

Cosa e dove mangiare.

[Foto di fry_theonly]

Tutta la zona emiliana è famosa per il buon cibo e Ravenna non è de meno. Protagonisti della tavola sono la piadina romagnola, i cappelletti con il ragù, i passatelli in brodo, i fichi caramellati, il formaggio Squaquarone e da non dimenticare il buon vino Sangiovese. Un piatto caratteristico solo in questa terra è la tardura, cioè pasta con uovo e prezzemolo che viene servito in brodo. Ravenna è piena di ristoranti e trattorie dove gustare tutte queste specialità. Per gustare un buon pranzo e non spendere una fortuna da provare è il ristorante Marchesini, situato in pieno centro, nei pressi della Tomba di Dante e la Basilica di San Francesco. Il ristorante è una sorta di self service, aperto solo a pranzo, si trova al primo piano e si raggiunge con un ascensore panoramico. Il prezzo è tra i 10 – 15 euro a persona. Per un pranzo invece più lussuoso si può scegliere l'Albergo Cappello, collocato nell'antica casa di francesca da Rimini. Soprattutto in estate la location è indimenticabile, con i tavoli rustici disposti sui sanpietrini. Qui potrete gustare un'ottima cucina tipica romagnola, ma anche delle specialità nazionali accompagnate da ottimo vino. Per una cena completa il prezzo si aggira intorno ai 30 euro a persona. Altro locale che offre la vera cucina romagnola è il Rustichello, un locale storico dove non esiste il menù alla carta ed ogni giorno il cameriere elenca al tavolo i piatti del giorno, a testimonianza della freschezza e dell'autenticità degli ingredienti.

Eventi e divertimenti.

[Foto di Christin Abend]

Ravenna è il luogo prediletto da molti per i divertimenti, soprattutto per i più piccoli. Infatti lungo la Statale 16 Adriatica a 15 chilometri da Ravenna si trova uno dei più grandi Parchi Divertimento d’Italia: Mirabilandia. In questo paese dei balocchi vin aspettano tante attrazioni, spettacoli e giochi avveniristici. Nelle vicinanze sorge anche il parco zoologico Le Dune del Delta, un'area naturale a impatto zero per osservare e studiare gli animali da vicino.

Per quanto riguarda gli eventi, ogni anno tra giugno e luglio si celebra il Ravenna Festival, una manifestazione dedicata all'opera lirica, ai balletti, ai concerti di musica classica, durante il quale si esibiscono i migliori artisti e direttori d’orchestra a livello internazionale. Tra Luglio ed Agosto si celebra un evento di grandissimo rilievo che dona nuova luce al tesoro di Ravenna, cioè i suoi mosaici e le sue bellezza. Mosaico di Notte, è il nome di questa manifestazione, durante la quale i monumenti rimangono aperti fino alle 23.00 e tra le strade della città vengono proposte tante rassegne collaterali. Il mese di Settembre è dedicato al sommo poeta Dante Alighieri che qui scrisse la Divina Commedia, che in occasione di queste celebrazioni viene riletta ed interpretata da personaggi illustri. Il secondo fine settimana di ottobre Ravenna si illumina con la Notte d'Oro, la notte bianca della città con spettacoli all'insegna della cultura e del divertimento.

[Foto principale di Rodrigo_Soldon]