in foto: Paesaggio abruzzese. Foto da Flickr

L'Abruzzo è una regione che nasconde bellezze tutte da scoprire. Montagne e sterminate pianure, ma anche centri molto graziosi tutti da visitare. Tra questi c'è Sulmona, la città conosciuta per i confetti, luogo ideale per una vacanza tranquilla, fatta di gusti e sapori genuini propri dell’Abruzzo. Anche il Telegraph, ha considerato questo centro una delle perle italiane da non perdere. E insieme a Sulmona il noto quatidiano del Regno Unito ha segnalato anche i Monti della Laga, che presentano bellissimi picchi, ma troppo spesso non sono conosciuti.

Sulmona, perla dell'Abruzzo
La catena dei Monti della Laga
Come arrivare

Sulmona: perla dell'Abruzzo.

Sulmona. Foto di MisterioP
in foto: Sulmona. Foto di MisterioP

La patria del confetto d’Abruzzo, Sulmona è ricca di luoghi storici, con una piazza meravigliosa, che diventa ancor più suggestiva durante i giorni del marcato. Sulmona è immersa nel verde, con un caseggiato che non si sviluppa molto in altezza a causa della frequente attività sismica del territorio sul quale sorge, che ha imposto alla città severe restrizioni urbanistiche ma che le ha regalato, in cambio, un aspetto armonioso. La città è uno scrigno di tesori che conserva perfettamente. Dall'arte romanica alle costruzioni medievali. Uno dei luoghi più interessanti da visitare è l’Acquedotto con le sue 21 arcate che fanno da cornice alla centrale Piazza Garibaldi. Da vedere anche il Complesso Parrocchiale della Santissima Annunziata, che svetta sulla città con il sul campanile di 65 metri. Tra le testimonianze medievali e rinascimentali c'è la Cattedrale e la trecentesca Annunziata, principale monumento cittadino sorto sui resti di una villa romana.

Ma ci sono ancora tante altre sorprese nella zona, per esempio nella vicina Cocullo, capitale italiana dei serpentari, ogni anno, il primo giovedì di maggio viene portata in processione la statua di San Domenico con serpi vive attorcigliate.

La catena dei Monti della Laga.

Gole del Salinello. Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga. Foto di Cristiano Sabbatini
in foto: Gole del Salinello. Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga. Foto di Cristiano Sabbatini

Il Telegraph ci ricorda che in Abruzzo c'è anche un altro luogo spettacolare. La catena dei Monti della Laga, un susseguirsi di boschi di betulla, faggete e corsi d’acqua. Con la presenza del Gran Sasso e l’istituzione del Parco Nazionale che tutela il territorio, in questa zona la maestosità della natura non può che sorprendere chiunque la visiti. I Monti della Laga costituiscono un gruppo montuoso unico in Appennino per le sue caratteristiche geologiche. A differenza della gran parte delle altre montagne appenniniche, compreso il Gran Sasso, le rocce della Laga, hanno la caratteristica di essere impermeabili. Sulle montagne calcaree l'acqua delle piogge e delle nevicate filtra nel sottosuolo, grazie alle caratteristiche chimiche del calcare, e compie parte del proprio ciclo nel mondo sotterraneo, coprendo un ruolo di primattrice nella realizzazione dei fenomeni carsici. Proprio i giochi d'acqua sui salti rocciosi sono la particolarità del paesaggio dei Monti della Laga che sono ricchissimi di ruscelli, torrenti e spettacolari cascate. Tra le più visitate ci sono la cascata della Morricana, le cascate dei Fossi del Molinaro, la cascata delle Barche.

Nel Parco del Gran Sasso e Monti della Laga, si trova il castello di Rocca Calascio, con la vicina Chiesa di Santa Maria della Pietà, e il borgo sottostante, entrambi disabitati da secoli. Questa zona lascia davvero senza fiato. Il panorama è spettacolare e sembra di essere sospesi in un'atmosfera magica. Ma le cose da vedere non finiscono qui, infatti, con un'ora di passeggiata si giunge a Santo Stefano di Sessanio, uno dei Borghi più belli d’Italia, di origine medievale, abitato da circa 120 persone e caratterizzato della pietra calcarea bianca con cui è costruito.

Come arrivare ai Monti della Laga e Sulmona.

Per raggiungere il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga in treno da Pescara la linea è quella di Pescara, Giulianova Teramo, da Roma è la Roma Pescara, proseguendo poi con autobus di linea. Per chi vuole viaggiare in auto l’autostrada che porta al Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga è la A14 Adriatica. Per il versante di Ascoli Piceno, l’uscita è San Benedetto del Tronto, per quello di Teramo, si esce a Giulianova/Teramo, per il versante di L’Aquila, uscita Pescara Nord. Se si viaggia i aereo, invece, gli aeroporti di riferimento sono i due romani, Fiumicino e Ciampino, e quello di Pescara.

Per Sulmona, se si viaggia in auto, bisogna prendere l'autostrada A25 direzione Pescara e prendere l'uscita Pratola Peligna – Sulmona. Se la provienza è Napoli, l'autostrada da seguire è l'A1 con uscita a Caianello, poi proseguire su SS17 in direzione Castel di Sangro – Roccaraso – Sulmona. In treno ci sono due possibilità, o la linea  Pescara- Roma, o la linea Terni – Pescara – Sulmona, con arrivo in entrambi i casi alla stazione di Sulmona Centrale.