in foto: Gargano – Foto Wikimedia Commons

Una vacanza in Puglia tra le montagne? Ai profani può sembrare un'assurdità, se non una blasfemia. La regione più pianeggiante d'Italia, quella del Tavoliere e delle spiagge assolate in Salento, sembra inconciliabile con l'idea di settimana bianca. Eppure la Puglia ben si presta a una vacanza ad alta quota, sebbene i rilievi coprano solo l'1% del territorio. In effetti la zona che presenta le vette più elevate è quella del Subappennino dauno, dove le montagne non superano i 1.000 metri. La vetta più alta è il Monte Cornacchia che tocca i 1.152 m, seguito dal Monte Saraceno (1.145 m) e dal Monte Crispignano (1.105 m). Sul promontorio del Gargano troviamo invece il Monte Calvo (1.055 m).

In ogni caso, se state pensando di indossare gli sci nel Tacco d'Italia, dobbiamo deludervi: non esistono comprensori sciistici in Puglia. Per questo i pugliesi preferiscono optare per vacanze in montagna nella vicina Basilicata, in Molise o tra le nevi dell'Abruzzo. In compenso vi sono molte zone ideali per gli escursionisti: praticare trekking è possibile in zone come il Gargano e la Foresta Umbra, mentre l'arrampicata sportiva è un must in aree come la gravina di Statte o la falesia di Laterza.

Monti della Daunia.

Monti Dauni – Foto Wikimedia Commonsin foto: Monti Dauni – Foto Wikimedia Commons

Il Subappennino Dauno offre allo spettatore paesaggi fiabeschi, fatti di dolci pendenze che digradano all'orizzonte, punteggiate da foreste di querce o faggi. Un percorso di trekking sui Monti Dauni permette di conoscere tante piccole realtà locali immerse in un ambiente incontaminato, dove cultura e natura si fondono in un piacevole connubio. Sorgenti limpide e rigogliosa vegetazione accolgono l'escursionista che potrà godere anche della deliziosa gastronomia offerta dai locali. I sentieri possono essere praticati a piedi o a cavallo, o per i più esperti in mountain bike. Seguendo l'itinerario si possono trovare molte località suggestive.

Biccari, a pochi passi dal Monte Cornacchia, è uno splendido borgo affacciato su verdi vallate con scorci da sogno. Qui si possono visitare le aree protette di Monte Cornacchia e Bosco Cerasa, il lago Pescara di origine vulcanica e il bosco di Vado del Tufo.

Faeto è il comune più alto della provincia di Foggia, a 866 metri sul livello del mare.

Pietramontecorvino è un suggestivo villaggio ad alta quota, annoverato tra i "Borghi più belli d'Italia" e noto per il suo delizioso centro medievale. Nelle vicinanze si trovano numerosi agriturismi e b&b pronti ad accogliervi in questo emozionante scenario.

Parco Nazionale del Gargano.

Monte Calvo – Foto Wikipediain foto: Monte Calvo – Foto Wikipedia

Il Monte Calvo deve il suo nome alla cima completamente brulla, ma circondata da splendide foreste che appartengono al Parco Nazionale del Gargano. L'area offre splendidi panorami che si affacciano sulle valli sottostanti, sul Monte Vulture, ma anche sul Lago di Varano e perfino sulle isole Tremiti. La vetta è uno spettacolo sia d'estate che d'inverno, quando è ricoperta di un manto nevoso. Insieme all'attigua piana di Montenero, il Monte Calvo è noto per i suoi fenomeni di origine carsica come le doline. La fauna è ricca e variegata: si possono avvistare esemplari di corvo imperiale, gheppio, civetta e poiana.

Il Monte Sacro con i suoi 874 metri è la vetta più alta del Gargano orientale. Situato a nord di Mattinata, custodisce i resti dell'Abbazia Benedettina della SS.ma Trinità, monumento di stile garganico-pugliese-romanico.

Il Gargano è il paradiso degli escursionisti e qui si possono seguire numerosi percorsi di trekking. Uno dei questi parte dalla lussureggiante Foresta Umbra per raggiungere l'abbazia di Monte Sant'Angelo e proseguire verso Monte Sacro.