in foto: Mare in Albania. Foto di Artur Malinowski

Un mare selvaggio e una vacanza da vivere senza stress: questa è l'Albania, una meta che sta diventando sempre più gettonata. Le spiagge sono ancora intatte, i fondali dalla bellezza incredibile, le strutture ricettive e servizi che stanno velocemente raggiungendo gli standard del resto dell'Europa: questi aspetti la rendono la meta emergente dell'estate. E pensare che fino a qualche anno fa non era nemmeno presente nei cataloghi dei Tour operator, ma ad oggi è un paese rinato, giovane e soprattutto con una natura ancora intatta. Nel 2011 è stata eletta destinazione dell’anno dalla Lonely Planet e da allora le cose sono decisamente cambiate.

Il mare e le spiagge in Albania.

Ksamil – Albania. Foto di Artur Malinowskiin foto: Ksamil – Albania. Foto di Artur Malinowski

La tortuosa strada costiera che collega la città di Valona a Saranda è una delle più spettacolari di tutto il Mediterraneo. La cosiddetta Riviera Albanese è un susseguirsi di baie e di località di villeggiatura.

Tra le zone più belle c'è Karaburun, la penisola che circonda Valona. Questa è una ex zona militare ad accesso limitato fino ai primi anni Novanta, mentre oggi la penisola, insieme all’isolotto di Sazan che ha recentemente aperto le sue porte ai visitatori, è parte del Parco Marino Nazionale, raggiungibile solamente a piedi o tramite piccole imbarcazioni. Imperdibile la baia di Grama, un’insenatura nascosta sulle cui pareti rocciose si conservano antiche scritte di marinai. Karaburun è celebre per le sue acque cristalline e per le calette isolate con spiagge di sassi bianchi.

Scendendo verso sud, la prima spiaggia famosa che si incontra è quella di Dhërmi, impossibile da non notare, con le sue acque meravigliose e pulite. Sulla riva ogni tanto troverete dei bunker, non c'è da allarmasi, questi sono disseminati su tutto il territorio sin dal periodo comunista a causa dell’ossessione del dittatore Hoxha di un’eventuale invasione militare nel paese. Nelle vicinanze altre baie da sogno sono quella di Drymardes e Jalë, una piccola spiaggia bagnata da acque turchesi e incastonata tra le rocce.

Buthrotum, Vlore, Albania. Foto di Artur Malinowskiin foto: Buthrotum, Vlore, Albania. Foto di Artur Malinowski

Altra città da non perdere è Himara, che possiede uno splendido mare limpido e azzurro. Le sue spiagge negli ultimi anni sono piene di turisti che amano el baie come Spile, Potami e Prinos. Anche la bella Livadhia, a circa tre chilometri dal centro, non è sfuggita agli occhi dei passanti, per via della sua bellezza. Per trovare una spiaggia un pò più isolata si consiglia  Llaman. 

Porto Palermo è una piccola penisola, chiamata così dai soldati italiani stanziati in Albania durante la seconda guerra mondiale. Il luogo è molto suggestivo, tanto è che stato utilizzato spesso come set cinematografico. Qui non troverete solo spiagge, ma anche un castello che sovrasta la costa. Spostandoci Borsh, è la spiaggia più lunga della costa ionica albanese. L’incantevole spiaggia, invece, è circondata da una natura lussureggiante composta per lo più da ulivi e agrumi che inondano l’aria di aromi freschi ed estivi. Infine, proseguendo verso sud si incontra Saranda, definita la Rimini dell’Albania. Vera e propria chicca della riviera è Ksamil, soprannominata la perla dello Ionio per via del suo splendore, che sorge davanti all’isola di Corfù e a pochi chilometri dal confine greco. Nella sua baia si trovano quattro idilliache isolette, coperte da una vegetazione rigogliosa, raggiungibili con una piacevole nuotata o un breve giro in barca. La spiaggia di Bora Bora è una delle più conosciute a Ksamil. La sabbia è bianca e fine, ma è una delle spiagge più richieste e in agosto c’è davvero molta gente, tanto che non è così facile trovare un posto.

Come arrivare.

Per volare in Albania senza spendere una fortuna, dallo scorso 1° giugno, c’è Ernest Airlines che collega gli aeroporti di Milano Malpensa, Bergamo, Bologna, Pisa, Venezia e Verona con lo scalo di Tirana. La nuova compagnia aerea italiana, di proprietà di imprenditori svedesi, non è una low cost ma offre biglietti ad ottimi prezzi. Anche Blue Panorama Airlines vola dall’Italia a Tirana con prezzi ottimi. All’Aeroporto Internazionale di Tirana si può noleggiare un auto per gli spostamenti,  perché i mezzi pubblici non raggiungono tutte le località di mare. È possibile, inoltre, atterrare anche a Corfù, grazie ai numerosi voli lowcost in partenza dall’Italia, che dista solo quaranta minuti di traghetto dalla costa albanese e, in questo caso, fare il percorso riportato nell’articolo al contrario. In Albania dall'Italia si può arrivare anche in mare: da Trieste, Ancona, Bari e Brindisi ci sono collegamenti via mare per Durazzo e Valona.