in foto: skeeze

skeeze

Anche i vostri fidati amici a quattro zampe hanno bisogno di una vacanza, ma se siete preoccupati che il viaggio in aereo possa essere un vero trauma per loro ci sono interessanti novità. I cani di solito viaggiano chiusi in apposite gabbiette nella stiva dell'aereo, cosa che procura non poche preoccupazioni ai loro padroni. Ma è notizia degli ultimi giorni che alcune compagnie hanno rivoluzionato questa regola. La IATA (International Air Transport Association) ha emesso un regolamento generale per il trasporto aereo degli animali, ma ogni compagnia può adottare le sue regole particolari. In particolare la compagnia aerea americana Delta ha deciso che non trasporterà più cani in stiva ma li farà viaggiare direttamente in cabina insieme ai loro padroni. Questa nuova norma, ‘carry on pet’, sarà in vigore dal mese di marzo e regalerà viaggi felici a tutti coloro che non riescono a staccarsi neanche per un attimo dal dolce amico a quattro zampe. Questa vera e propria rivoluzione per i voli pet-frendly, non riguarderà gli animali di grossa taglia, che però si potranno spostare assistiti dal personale addetto alla loro sicurezza, infatti viaggeranno con il nuovo sistema ‘Ship your pet with Delta Cargo’ che a dispetto del viaggio in stiva prevede particolari standard di sicurezza per gli animali. Dimensioni e peso dei vari "carry on pet" ammessi variano a seconda del volo e del tipo di aereo, ma il peso medio è fissato sui 20 chili, ossia quello di una femmina di Bulldog francese o di uno Scottish Terrier. Dal 1 marzo 2016, gli animali di piccola taglia entreranno comodamente in cabina, mentre gli animali domestici non ammessi godranno comunque di comfort particolari.

Da anni anche le altre compagnie hanno avvertito l'esigenza di agevolare il trasporto degli animali in aereo. Mentre c'è ancora qualcuna che non accetta a bordo gli amici a quattro zampe, in generale gli animali viaggiano in stiva, in gabbie rinforzate garantendo all'animale di stare in posizione comoda, con sufficiente spazio senza collari o guinzagli. Inoltre gli animali devono essere in possesso di un passaporto rilasciato dal proprio veterinario che riporti tutte le informazioni sullo stato di salute. Anche cani e gatti devono pagare il loro biglietto aereo, che si traduce in un supplemento al biglietto del padrone. Il costo varia a seconda delle compagnie e delle tratte da percorrere, ovviamente sono esclusi dal sovrapprezzo i cani guida per ciechi e disabili. Per quanto riguarda l'Europa una limitazione che riguarda tutte le compagnie è il divieto di volare per gli animali di età inferiore ai 3 mesi, quindi non ancora sottoposti al vaccino anti rabbia.