Venezia è una città sorprendente, unica al mondo, costruita sull'acqua e che nasconde esperienze uniche. Solo chi l'ha visitata e vissuta può dire di conoscerla fino in fondo, infatti in questa città non saprete mai cosa vi aspetta fino a che non ci avrete messo piede. Visitare Venezia è un'emozione irripetibile e per questo è necessario scoprirla in tutti i suoi molteplici aspetti e punti di interesse, a cominciare dall'acqua, il suo elemento più importante e dalle usanze locali. Ci sono cose che non troverete sulle guide turistiche ma che conoscono solo gli abitanti e chi è veneziano. La lista è stata redatta dalla giornalista Christine Sarkis, per SmarterTraveler, grazie ai suggerimenti e storie raccontate dagli abitanti di Venezia. Quindi se volete vivere appieno la città ed avete in un programma un viaggio a Venezia ecco le 10 cose che gli abitanti consigliano di sapere.

1. E' bello perdersi.

[Foto di MorBCN]

Una delle prime cose che vi troverete a fare a Venezia è perdervi. Infatti se non ti perdi almeno una volta, non puoi dire di esserci stato. Non c'è modo migliore di esplorare il labirinto della città, fatto di stradine e canali, senza avere una meta precisa, ma scoprendo angoli che probabilmente non troverete sulle guide turistiche.

2. Capire il linguaggio di Venezia

[Foto di Adam Smok]

prima di partire potrete imparare qualche parola di dialetto, così da impressionare davvero la gente locale e comprendere quando vi diranno semplicemente un grazie.

3. Godere di Venezia dall'acqua nel modo giusto

[Foto di Giuseppe Moscato]

Come si sa l'elemento che caratterizza la città è l'acqua. E non si può visitare la città senza fare un giro in barca tra i suoi Canali, infatti come dite un detto locale "Venezia si vede meglio dall'acqua". Però è meglio scegliere i mezzi che provocano meno inquinamento possibile e meno danni alla città.

4. Napoleone non è stato perdonato

[Foto da Flickr]

Quando il generale Napoleone invase la città di Venezia fece di tutto per distruggere l'identità e lo spirito dei veneziani. Questo non è stato dimenticato dagli abitanti, che ancora guardano sofferenti i luoghi dove una volta sorgevano i grandi leoni, simbolo della città, distrutti dall'assedio.

5. L'acqua Alta è parte della vita dei veneziani

[Foto di Roberto Trm]

Se visitate Venezia non spaventatevi, infatti la città non sta sprofondando, ma è solo il fenomeno dell'acqua alta con i quali i veneziani convivono da sempre.

6. Per le previsioni meteo si guarda l'Arcangelo

[Foto di MorBCN]

Un detto locale molto colorito recita: "quando l'arcangelo urina sulla Basilica, sta per piovere". L'arcangelo si trova sulla sommità del Campanile in Piazza San Marco ed ha la funzione di banderuola, a seconda da dove è rivolto, i veneziani riescono a capire se pioverà oppure no.

7. Non passeggiare tra le colonne

[Foto di Jan Mad]

Se vi trovate a Piazza San Marco e volete evitare la mala sorte, non camminate tra le due colonne che sono sormontate dalle statue dei patroni della città. Un tempo in quello spazio si svolgevano le esecuzioni pubbliche ed ancora oggi è considerato un luogo sfortunato.

8. Amare tutta la regione, non solo la città

[Foto di Jullag]

Gli abitanti consigliano di non fermarsi solo a Venezia, ma di scoprire tutte le bellezze delle vicinanze, troppo spesso messe in ombra dalla città della laguna.

9. Prendere il caffè in piedi

[Foto di Adam Smok]

Per i veneziani prendere il caffè in piedi è meglio che stare seduti. Infatti nei bar troverete persone che bevono la loro tazza di caffè al bancone o appoggiati a tavoli alti. Non sedersi è un buon modo per integrarsi nelle usanze locali, e risparmiare anche qualche soldo.

10. Provare le specialità locali

[Foto di Franzconde]

 Gli abitanti sono molto orgogliosi dei loro prodotti e specialità, non provarli sarebbe un vero delitto. Spaghetti al nero di seppia, risotto con gamberi e zucchine, sardine marinate, risi e bisi e pasta e fasioi sono solo alcune delle gustose ricette che potrete provare nei ristoranti tipici.

[Foto principale di Adam Smok]