in foto: Ryanair. Foto di JanClaus

Chi deve intraprendere un viaggio di solito inizia dal prenotare il biglietto aereo. Il secondo passo è trovare una sistemazione, ma per fare questo nella maggior parte dei casi bisogna cercare su un sito diverso. Da questo concetto parte l'ultima sfida lanciata dal colosso dei voli low cost Ryanair. Dopo i pacchetti e il noleggio auto, la compagnia aerea irlandese va all'attacco dei siti di booking di hotel e b&b. L'obiettivo di Ryanair, infatti, è quello di creare un unico sistema digitale dove è possibile comprare tutto ciò che serve per il viaggio: il volo, pernottamento, assicurazione e noleggio auto. Tutto questo, però, pare un vero attacco alle classiche piattaforme di prenotazione, come Airbnb, Booking.com o Expedia. Ma anche Trivago, Kayak, Skyscanner e TripAdvisor. L'amministratore delegato di Ryanair Michael O’Leary, in un'intervista al Corriere della Sera, si dice certo del successo, poichè la compagnia sembra aver preso un vantaggio consistente sui suoi competitor, tanto che presto potrebbe arrivare a organizzare il pernottamento dei turisti.

Le iniziative del colosso dei cieli irlandese sono state molteplici e nella maggior parte dei casi si parla di esisti esaltanti. La corsa per offrire un servizio migliore e più completo ai propri clienti appare essere la scelta vincente. Tra le iniziative più recenti ricordiamo la "Ryanair Rooms" per la ricezione, "Ryanair Holidays" per i pacchetti di viaggio e "Car Hire", che sta iniziando a dire la sua sul mercato del noleggio auto. Inoltre grazie all'accordo con Europ Assistance ha lanciato l’assicurazione multiviaggio valida un anno. Tutto si può dire, tranne che Ryanair sia un'azienda priva di iniziativa. L'ultima sfida, che includerebbe, quindi anche il pernottamento, si basa sull'abbassamento delle royalty attuali che le piattaforme di prenotazione trattengono per loro. Quindi rimanere sul sito Ryanair per viaggiatore sarà molto conveniente, ma dall'altro canto come la prenderanno i colossi del booking alberghiero?