in foto: Palazzo dei Consoli. Gubbio. Foto di Alex Barrow

Gubbio è il paese di San Francesco, mentre per i più profani è noto come il paese di Don Matteo, in quanto qui è stata ambientata la nota serie televisiva. Gubbio è tra le più antiche città dell'Umbria, meravigliosamente conservata nei secoli e ricca di monumenti che testimoniano il suo glorioso passato. Cittadina costruita interamente in pietra, incanta i visitatori soprattutto nel periodo invernale, quando viene acceso l'albero più grande del mondo che copre un intero monte.

Cosa vedere a Gubbio
La patente dei matti
La bellezza di Gubbio a Natale

Cosa vedere a Gubbio.

Gubbio. Foto di Tomas de Marchiin foto: Gubbio. Foto di Tomas de Marchi

Se avete mai visto una foto di Gubbio, probabilmente ritraeva l’armonioso complesso che include Piazza Grande, il Palazzo dei Consoli e quello Pretorio. Questo è il cuore della città, e da dove si gode di uno splendido panorama sulla valle. Una vera Piazza sospesa che si sostiene con gli archi che si possono ammirare dalla parte bassa di Gubbio. Piazza Grande è il luogo più amato dagli abitanti e dai turisti. Il Palazzo dei Consoli, invece, è il segno della potenza della città, che domina Gubbio dall'alto dei sui 60 metri. Il Palazzo dei Consoli ha un primato storico di essere stato il primo palazzo italiano ad avere l’acqua corrente, tubature e servizi igienici. Oggi il palazzo ospita i Museo Civico di Gubbio con una pinacoteca, una bella collezione di ceramiche. Il Palazzo Ducale, detto anche Corte Nuova, fu fatto costruire da Federico da Montefeltro inglobando antichi edifici medievali trasformati in forme rinascimentali, è un'eccezione nel borgo medievale. Oggi ospita un interessante museo storico.

Il Palazzo del Bargello è una costruzione gotica del 1300 si sviluppa su tre piani ed è perfettamente conservato, soprattutto la bella facciata in conci. Oggi il Palazzo del Bargello, che prende il nome dal capo della polizia di cui era la residenza, ospita il Museo della Balestra. Di fronte al palazzo c’è la Fontana dei matti da cui discende l’appellativo di Gubbio come "città dei matti". Secondo un’antica tradizione lo straniero che compie tre giri di corsa intorno alla fontana e accetta di essere bagnato con l’acqua diventa cittadino di Gubbio con il titolo di Matto onorario di Gubbio, inteso come persona ironica e scherzosa.

Merita una visita anche il Duomo di Gubbio, che presenta un fantastico effetto scenografico creato dall'unica campata con 10 arconi ogivali. Ma le chiese più belle e più significative sono quelle di San Francesco. La prima è la Chiesa di San Francesco in cui il santo di Assisi si rifugiò dopo essere scappato dalla casa paterna. La seconda è la Chiesa di San Francesco dei Muratori a cui è legato il famoso episodio del lupo: secondo il racconto, arrivato a Gubbio San Francesco trovò la città deserta perché gli abitanti avevano paura di un feroce lupo. San Francesco andò nei boschi per incontrarlo e gli si rivolse con queste parole: “Fratello Lupo , in nome di Dio ti ordino di non farmi male a me e a tutti gl’uomini”. Il patto tra San Francesco e il lupo prevedeva che il lupo non aggredisse più gli uomini che lo avrebbero sfamato e curato.

Infine da vedere la Basilica di Sant'Ubaldo a Gubbio, si consiglia la visita soprattutto per la funivia che dal centro di Gubbio porta sul Monte Ingino dove si trova la Basilica. Si sale per circa 500 metri sospesi nel vuoto con vista panoramica eccezionale sui tetti di Gubbio e sulla campagna circostante.

La patente dei matti.

Patente da mattoin foto: Patente da matto

Gubbio è definita città dei matti, dove matto sta per libero, sognatore, idealista, alleato delle passioni, legato ai valori, alle tradizioni e alla storia della propria terra.

A Gubbio potete aggiudicarvi la "patente dei matti". Come? Raggiungete Largo Bargello dove troverete una piccola fontana attorno alla quale dovrete girare tre volte per guadagnarvi la patente di matti e la cittadinanza eugubina. In seguito, potrete acquistare la patente ricordo con il tuo nome e cognome nel negozio proprio lì accanto alla fontana, al costo di 3,5o euro.

La bellezza di Gubbio a Natale.

Albero di Natale Gubbio. Foto di Gianluigi Bettinin foto: Albero di Natale Gubbio. Foto di Gianluigi Bettin

Gubbio nei mesi natalizi si trasforma e diventa una vera città del Natale, con incredibili attrazioni ed eventi per grandi e bambini. Fantastici mercatini adornano le piazze, l'Albero di Natale più Grande del Mondo, la ruota panoramica, i presepi per le vie della città e tanto altro ancora.

L'albero di Natale è interamente costruito lungo il Monte Ingino con circa 500 luci colorate, ha una base di circa 450 metri e quasi 700 di altezza. Si accende al tramonto ogni giorno dal 7 dicembre al 10 gennaio di ogni anno. Sempre nello stesso periodo, il Quartiere di San Martino si trasforma in un immenso museo all’aperto: statue a grandezza naturale, scene bibliche, antichi mestieri e molto altro trasformano questo quartiere fuori dal tradizionale flusso dei turisti in un’attrazione affollatissima.

È presente poi la Slitta di Babbo Natale per grandi e piccini e il Trenino Gubbio Express Christams. Inoltre c'è la Ruota Panoramica del Polo Nord allestita in Piazza 40 Martiri che consente di vederedall'alto Gubbio e l'Albero più grande del mondo. Nell'affascinante contesto del centro storico di Gubbio viene allestito il Laghetto ghiacciato, una pista per pattinare sul ghiaccio per grandi e piccini mentre all'interno del Palazzo dei Consoli è presente la Casa di Babbo Natale.