E' uno degli aspetti più piacevoli di una vacanza e, soprattutto, è low cost senza essere dozzinale. Ebbene sì, lo street food, il cibo da strada, ha la capacità di essere un prodotto tipico, ma estremamente economico come solo l'altro lato della ristorazione, quella delle grandi catene di fast food internazionali, può essere. Il vantaggio del cibo da strada è anche un altro, se le tradizioni del posto lo permettono e offrono altro oltre alla frittura: la filiera che porta un alimento sul banco di una rosticceria o di un forno è di solito più breve di quella che segue un manzo abbattuto in Sudamerica, macinato negli Usa e spedito in Europa. Si tratta dunque di cibo solitamente più ecologico per il semplice fatto che si tratta di produzioni ed agricolture di prossimità territoriale. Sotto al palato si distendono sapori di ingredienti che potete acquistare nel mercato più vicino.

L'Italia – terra generosa e forte di una tradizione culinaria rinomata in tutto il mondo – ha per ogni regione un'ampia varietà di cibi da strada. Il quotidiano on line Tag24 ha redatto un'infografica, che riportiamo di seguito, che sintetizza non solo i tre prodotti tipici di ogni parte d'Italia, ma anche come cucinare quelli più noti. La fama dei singoli gustosi "piatti" è stata quantificata prendendo in considerazione il numero di ricerche medie mensili su Google e la regina dello street food non poteva che essere la pizza (60.500 ricerche). Ampiamente distaccati, sempre in termini di ricerca, sono gli altri due posti del podio, occupati nell'ordine da piadina romagnola (14.800) e focaccia genovese (9.600). Poi, finalmente, i dolci: strudel e sbrisolona.

Ma dove mangiare queste delizie? Dover poter riempire il proprio stomaco di sapori senza sentirsi in colpa perché "oh, sto conoscendo la cultura e la tradizione del posto"? "Street food", per cui, prima di tutto, per la via, un po' ovunque. Il cibo da strada è così facilmente reperibile che è diventata la soluzione ideale non soltanto del turista, ma anche (e forse soprattutto) di lavoratori e studenti che dallo street food traggono non solo il piacere del palato, ma anche quello delle tasche e dei tempi di consumo più veloci. Secondo l'Onu questa soluzione alimentare interessa 2,5 miliardi di persone al giorno, con percentuali che in Italia raggiungono il 75% della popolazione. Tuttavia ci sono luoghi ed eventi che sono diventati veri e propri templi del gusto e che Tag24 ha raccolto nella propria infografica che proponiamo di seguito.

Infografica di Tag24.
in foto: Infografica di Tag24.

[Clicca qui per ingrandire l'infografica]