Per la loro posizione geografica remota, le isole Andamane sono entrate di diritto nella leggenda. Abitate da 2000 anni, pare che anche Marco Polo ne faccia menzione nella sua opera Il Milione. Le spiagge, ammantate di un fascino misterioso, colpiscono per il mare da favola. Questo paradiso naturale, rimasto chiuso ai turisti fino al 1992, è ricoperto per l'82% da giungla fitta e impenetrabile.

in foto: Spiaggia di Vijaynagar sull'isola di Havelock – Foto Wikimedia Commons

Le isole Andamane e Nicobare si trovano ben 1370 km al largo della costa orientale dell'India. Situato nel Golfo del Bengala, l'arcipelago è composto da oltre 500 isole, ma solo una decina sono accessibili ai turisti. Le isole Nicobare, in particolare, sono interdette non solo ai turisti ma anche agli stessi indiani per preservare le tribù primitive e la fauna endemica.

L'arcipelago è situato tra India, Thailandia e Birmania. Nonostante sia geograficamente più vicino alla Birmania, il territorio è legato all'India dal punto di vista politico e culturale. Dopo l'indipendenza nazionale, proclamata nel 1947, le isole sono entrate a far parte dell'Unione Indiana. Tra le isole più importanti vi sono South Andaman, Middle Andaman, North Andaman, Little Andaman e Havelock.

Cosa vedere nelle Isole Andamane.

Isola di Havelock – Foto di Codex41
in foto: Isola di Havelock – Foto di Codex41

La prima cosa che colpisce delle Andamane sono i litorali da sogno. Il territorio prevalentemente montuoso si erge sulla candida distesa di sabbia circondata dalla barriera corallina. Il mare color verde smeraldo è attorniato dalla giungla più fitta e da foreste di mangrovie popolate da scimmie e coccodrilli. Il bianco abbagliante della sabbia contrasta con la luce rossa degli spettacolari tramonti, creando effetti scenografici da manuale. I fondali, ricchi di coralli e pesci tropicali, sono l'ideale per chi ama lo snorkeling e le immersioni.

Port Blair, la capitale, si trova nell'isola di South Andaman ed è un vivace centro commerciale dove ogni giorno si tiene un frequentatissimo mercato dell'artigianato. A un'ora e mezza di barca possiamo approdare su Havelock, uno splendido paradiso rinomato per le sue spiagge da favola. Fiore all'occhiello è Radhanagar, una meravigliosa spiaggia a forma di mezzaluna. Vijaynagar colpisce per la sua vegetazione lussureggiante, mentre Elephant Beach è perfetta per lo snorkeling.

Havelock è rinomata per la sua fauna marina. Nelle sue spiagge dal fondale cristallino è possibile trovare pesci pagliaccio o addirittura esemplari di dugongo, mammifero in via di estinzione. Ad Havelock, con un po' di fortuna, i sub possono addirittura incontrare compagni d'eccezione: si tratta di simpatici elefanti che ogni tanto decidono di farsi un tuffo rinfrescante. Le isole ospitano inoltre ben 270 specie di uccelli endemici. Lambite da venti e correnti, sono considerate il paradiso della barca a vela.

Da visitare a Port Blair il Cellular Jail, l'antica prigione che ricorda il passato coloniale britannico delle Andamane. Il Mahatma Gandhi Marine national Park è invece un parco marino protetto al largo della costa di South Andaman. Infine, Little Andaman è caratteristica per il delizioso villaggio di pescatori a Hut Bay.

Come arrivare alle isole Andamane.

Tramonto alle isole Andamane – Foto Wikimedia Commons
in foto: Tramonto alle isole Andamane – Foto Wikimedia Commons

In questo paradiso si può approdare tramite voli interni con partenza da Delhi, Calcutta, Chennai, Mumbai. La capitale Port Blair è l'unico punto d'approdo ed è raggiungibile via aereo solo dall'India. Un volo interno per Port Blair dura all'incirca 5 ore. Non esistono altri voli diretti tra l'arcipelago e il resto dell'Asia: dall'Italia è possibile raggiungere le Andamane tramite collegamenti aerei via Delhi. Sconsigliati i collegamenti in nave, poco frequenti e non molto affidabili (64 ore di navigazione da Calcutta). Prima di raggiungere le isole, oltre al visto per entrare in India da richiedere all'ambasciata italiana, è necessario procurarsi un permesso speciale che viene rilasciato all'arrivo a Port Blair.

Quando andare alle isole Andamane.

Il clima delle isole Andamane è favorevole da dicembre a marzo: le condizioni meteo sono ottimali, con molte giornate di sole. È il periodo migliore per le immersioni, ma anche per assistere allo spettacolo delle tartarughe marine che depongono le uova. In primavera e in autunno il tempo è variabile, ma non ci sono grandi flussi turistici e questo assicura la massima tranquillità. I mesi da febbraio ad agosto, infine, sono perfetti per i surfisti esperti che possono così sfidare la potenza delle onde.

Dove dormire alle isole Andamane.

Nelle isole Andamane si trovano diversi alberghi a disposizione dei viaggiatori, in base alle esigenze e al portafoglio dei turisti. Nella sola Havelock si contano oltre 50 strutture ricettive che vanno dai tra resort di lusso a soluzioni più "low cost" come camping sulla spiaggia.