Nella mia valigia si dibattono due anime contrapposte: quella dell’esploratrice e quella della contemplatrice, un conflitto tuttora irrisolto. Ma a me sta bene così. Da un lato adoro le città d’arte rinascimentali come Firenze, dall’altro mi incantano i luoghi selvaggi e sconfinati, il contatto con la natura, la scoperta della flora e fauna locale: non per niente tra i miei viaggi nel cassetto figurano l’Australia e il Canada. Ho visitato e amato grandi città europee come Londra, Dublino, Edimburgo, Parigi e Barcellona, ma mi resterà sempre nel cuore il viaggio nella splendida Grecia, in particolare Delfi, sul monte Parnaso, dove ho percorso le tracce degli antichi pellegrini che attendevano un responso dall’oracolo… un’esperienza indimenticabile.
Saiano e il suo santuario: spiritualità e relax nel verde
I faraglioni più spettacolari del mondo
Francia, il borgo fiabesco di Noyers-sur-Serein
Cosa vedere a Pitigliano, la “piccola Gerusalemme” della Toscana
Città della Pieve e Fontignano: itinerario d’arte sulle tracce del Perugino
Radda in Chianti, una gemma nel verde della Toscana
L’incredibile foresta “sottosopra” del lago Kaindy
Le meraviglie di Spoleto tra arte, eventi e gastronomia
Lucignano, un romantico gioiello in Valdichiana
Romagnano al Monte, la malinconia di un borgo fantasma