19:24

Mardi Gras, New Orleans celebra il suo Carnevale

Il Carnevale di New Orleans è uno dei più celebrati del mondo, e attira ogni anno milioni di visitatori: per la città significa un enorme indotto turistico, per i partecipanti un divertimento sfrenato e un assaggio delle tradizioni della Louisiana.

Il Mardi Gras di New Orleans

Servizio giornalistico sulle tradizioni e i festeggiamenti che si tengono per il Carnevale nella città della Louisiana.

Il Carnevale nel mondo assume infinite sfaccettature, e celebra dappertutto la frenesia e l’abbondanza in contrapposizione ai quaranta giorni di Quaresima, un periodo che dovrebbe significare astinenza e sobrietà. Mentre sappiamo che non c’è nessuna festa che celebri i quaranta giorni che precedono la Pasqua, dappertutto invece ci si dà da fare per far sì che i festeggiamenti del Carnevale siano pomposi e magnificenti. La città di New Orleans, in Louisiana, ne ha fatto la sua tradizione più affermata: il Mardi Gras è il giorno più popolare dell’anno nella città degli Stati Uniti, oltre che il più redditizio. L’afflusso di visitatori che riceve grazie al suo Carnevale può generare un indotto pari a 300 milioni di dollari. Una cifra notevole, che è comunque la ricompensa di mesi di preparativi che la città e i singoli cittadini effettuano per rendere questa festa memorabile per tutti.

LE COLLANE DELLE KREWE

Mardi Gras, New Orleans celebra il suo Carnevale.

Foto di Brad Coy

A pensarci principalmente sono le krewe, ovvero le associazioni che organizzano i carri per le parate. Esattamente come in tutte le altre parti del mondo i festeggiamenti principali si svolgono attorno alle sfilate di carri messi in piedi da questi club, alcuni di alto profilo professionale, altri prettamente amatoriali. Alcune krewe sono infatti molto famose ed esclusive, e per farne parte bisogna pagare una quota associativa annuale anche di un paio di migliaia di dollari: queste sono naturalmente costituite per lo più da abili artigiani, e possono realizzare i carri più belli. Esistono sin dalle origini del Mardi Gras alcune associazioni storiche tutt’oggi attive: la Mistick Krewe of Comus, la Krewe of Proteus, la Rex, la Zulu Social Aid & Pleasure Club. Queste organizzano le sfilate più festose e celebrate. Ad esse si affiancano comunque un gran numero di krewe minori che, sempre nello spirito della festa, partecipano alla parata con i loro carri meno impegnativi ma sempre di gran impatto.

Tutti i carri si riforniscono di collane di perline, dobloni e altri oggetti luccicanti che verranno lanciati sulla folla esaltata desiderosa di ricevere questi monili in ricordo della festa. Chincaglierie che verranno abbandonate sulla strada insieme al resto della spazzatura, per la gioia degli operatori sanitari che avranno un bel da fare per ripulire la città il giorno dopo: ma l’immagine dei rifiuti dell’after party è per la città il simbolo di un successo turistico sempre crescente di anno in anno.

I “CATTIVI RAGAZZI” DI BOURBON STREET

Foto di Brian Lin

New Orleans infatti vive della visibilità che le dà il Mardi Gras. La città può vantare altri fattori culturali di maggior prestigio, come quella di essere fucina di musicisti jazz, e la terra che racchiude l’intero gruppo etnico cajun. Ma la sua immagine è legata indissolubilmente al suo Carnevale e, se per i cittadini questo è un motivo di vanto, dall’altro c’è il dispiacere di vedere quest’immagine distorcersi per una cattiva fama che le viene attribuita. Il Mardi Gras è infatti visto da molti come un evento di dissolutezza e degrado: questo a causa delle migliaia di turisti che rincorrono la festa in cerca di un divertimento facile che va al di là della tradizione pura e semplice. Particolarmente nota è l’abitudine di molte ragazze di scoprirsi il seno in cambio delle collane di perline, popolarmente conosciuta come una “tradizione” da chi viene a visitare la festa, cosa che non è. Si tratta di una serie di usanze inseguite dai partecipanti più goliardici, come naturalmente quella di ubriacarsi allo sfinimento.

Bourbon Street è la via più conosciuta per essere il ritrovo di questo tipo di festeggiamenti. La strada è una delle vie storiche del Quartiere Francese, conosciuta oltre che per essere sede di svariate attrazioni turistiche, anche per ospitare numerosi bar, night e strip club. Ma, al di là del divertimento puramente turistico che si può trovare da queste parti, il Mardi Gras vero e proprio è celebrato in tutt’altre zone del quartiere: la parata infatti neanche ci passa per questa via, percorrendo invece altre strade storiche come la St. Charles Avenue.

TRADIZIONI STORICHE

Foto di Larry Johnson

Al contrario, il Mardi Gras di New Orleans è ricco di altre tradizioni. Come il dolce festivo locale, la King Cake: un enorme ciambellone così chiamato in onore dei Re Magi (il periodo di Carnevale inizia infatti dopo l’Epifania). Le decorazioni che richiamano il viola, l’oro e il verde, i tre colori della bandiera del Mardi Gras. Le mini parate di presentazione tenute dalle varie krewe il weekend precedente, e il Lundi Gras. E, naturalmente, la tradizione tipicamente carnevalesca di mascherarsi e travestirsi, che qui però addirittura richiede la sospensione per un giorno di una legge apposita che vieta ai cittadini di girare con qualsiasi tipo di maschera o indumento che ne copra il volto. Anche il giorno dei festeggiamenti, infatti, chiunque entri in un negozio travestito si sente invitato cortesemente dal negoziante a levarsi la maschera.

Tra i travestimenti e le sfilate delle varie krewe viene di solito tralasciato un aspetto molto importante della festa: il Mardi Gras Indiano. Varie piccole associazioni si travestono in onore ai nativi americani: essi costituiscono le tribù, e ce ne sono circa 38, alcune di pochi rappresentanti, altre di varie dozzine. Un tempo il Mardi Gras era l’occasione per le tribù di “pareggiare i conti” in violenti combattimenti. Oggi sono invece una manifestazione di orgoglio e un omaggio agli antichi progenitori: gli incontri tra le tribù lungo le strade si risolvono in una sorta di canto e ballo di combattimento, che non porta ad alcuno scontro. Anche perché dopo il tempo e il denaro investito per i fastosi costumi sarebbe un delitto rovinarli in questo modo.

COME ARRIVARE A NEW ORLEANS

Foto di Phelan Riessen

L’aeroporto internazionale di New Orleans, dedicato al grande jazzista Louis Armstrong, serve solamente collegamenti con il territorio nazionale statunitense, più un collegamento con Toronto in Canada. Dovete quindi pianificare il programma di voli più conveniente rispetto al vostro aeroporto di partenza. La data del Mardi Gras a New Orleans di quest’anno è il 12 febbraio 2013. In realtà il Martedì Grasso è il giorno culminante dei festeggiamenti, ma i giorni delle parate cominciano già qualche settimana prima. Potete prendere spunto dalle diverse date per calcolare un itinerario per il vostro viaggio negli Stati Uniti. L’occasione è ghiotta per scoprire numerose altre tradizioni di questa celebratissima festa. Per rendervi conto che, al di là delle differenze culturali, lo spirito della festa del Carnevale anima le genti della Louisiana esattamente come da noi.

commenta
STORIE INTERESSANTI
STORIE DEL GIORNO
FANPAGE D'AUTORE
ALTRE STORIE