Vista dall'alto della Rocca e del borgo di Asolo
in foto: Vista dall’alto della Rocca e del borgo di Asolo. Foto di Asolando1984

La storia della città di Asolo, situata in Veneto, è legata alla figura della regina di Cipro Caterina Cornaro. La regina, nel cinquecento, ricevette la signoria di questo paese in cambio della sua isola che fu ceduta alla Repubblica di Venezia. La Regina ad Asolo fece costruire una corte elegante dove c'era un forte fermento culturale. All'interno della corte, nel corso degli anni, sono passati artisti molto importanti ed ancora oggi il paese è immerso nell'arte e nella cultura.

Asolo è sempre stata un punto di attrazione per tantissimi popoli, infatti, i romani costruirono un acquedotto, le terme e un teatro.

Cosa vedere ad Asolo

Asolo
in foto: Asolo. Foto di Rino Porrovecchio

Il nucleo centrale del borgo di Asolo si concentra intorno alla sua piazza principale, Piazza Maggiore. Qui si trovano alcuni dei monumenti più importanti della città, come La Loggia del Capitano che ospita il Museo Civico e il Duomo. Nella Piazza si ammira la bellissima fontana rinascimentale. Il Duomo è la chiesa più importante di Asolo ed al suo interno si possono ammirare delle opere di artisti illustri, tra i quali ricordiamo Lorenzo Lotto e Jacopo Bassano.

Sulla monte Ricco si intravede la Rocca che risale al periodo degli Ezzelini. La costruzione è stata restaurata negli ultimi anni del secolo scorso. Altro simbolo di Asolo è il Castello della Regina Cornaro, conosciuto anche come Palazzo Pretorio. L'edificio ha una rrilevante importanza storica, infatti, tra le sue mura si sono alternate le vicende di varie famiglie feudali, tra cui anche quelli di Ezzelino III, un tiranno dell’epoca. Il Palazzo fu poi ceduto alla regina Caterina Cornaro, quando ricevette la signoria del paese. Il tour del paese continua verso borgo Casella, un gioiello tutto medievale.

Nei dintorni di Asolo ci sono tanti altri borghi interessanti da vedere. Uno di questi è Possagno, paese legato al celebre scultore Antonio Canova, che nacque proprio qui nel 1757.  Il panorama del paese è sovrastato Tempio neoclassico che l'illustre artista donò al paese e dove è custodita la sua tomba. Il Tempio è composto, come il Pantheon, di due elementi principali. Una rotonda con una cupola aperta sul cielo e intorno un portico a doppio colonnato.

Sempre nei dintorni si può ammirare il Borgo San Caterina, luogo nel quale sorge la casa della celebre attrice di teatro Eleonora Duse. Nella pianura al di sotto del borgo sorge Villa Barbaro di Maser, opera del Palladio e affrescata all'interno da Paolo Veronese. Costruita in posizione leggermente elevata, su uno scalino ricavato nel pendio del colle. La decorazione interna sottolinea, attraverso delle allegorie l'armonia tra uomo e natura. Scendendo in pianura l'edificio si articola nelle geometrie lineari del giardino. La struttura prosegue nello scenografico viale alberato che sembra non finire mai. A poca distanza dalla villa si può visitare il curioso Museo delle Carrozze.