Chiesa di San Michele Arcangelo in Bastia Umbra
in foto: Chiesa di San Michele Arcangelo a Bastia Umbra. foto di Ligadue

L'Umbria è una regione ricca di spiritualità. Sono tante, infatti, le città dove si trovano santuari e strade che sono state percorse nella storia e ancora oggi da migliaia di pellegrini. Nell'entroterra di questo luogo unico e mistico, si trova anche la città di Bastia Umbra, situata a metà strada tra Perugia ed Assisi. Questa città, che presenta un pittoresco centro storico, è celebre per la presenza della Rocca Baglionesca, un edificio fortificato, che ha avuto prima una funzione militare e poi religiosa, ospitando le monache benedettine.

Visita alla Rocca Baglionesca

La Rocca di Bastia Umbra sorge nel centro della città e precisamente tra via della Rocca e Piazza Umberto I. La struttura fu consolidata nel 1431, quando divenne sede della famiglia Baglioni, che al periodo governava la città. Successivamente dal XVI secolo, la fortezza passò allo Stato della Chiesa, perdendo così la sua funzione militare e difensiva. La Rocca Baglionesca ha vissuto un lungo periodo di abbandono, fino al 600, periodo in cui ha ospitato il monastero benedettino femminile.

La Rocca verso l'esterno presenta possenti bastioni e torri angolari, all'interno, invece, è possibile ammirare varie strutture. Tra queste merita di sicuro una menzione la Chiesa di Sant'Anna, che risale al XVIII secolo e conserva all'interno bellissime pitture religiose.

Cosa vedere a Bastia Umbra

 ex chiesa di Sant'Angelo oggi auditorium a Bastia Umbra
in foto: ex chiesa di Sant’Angelo oggi auditorium a Bastia Umbra. Foto di Pivari.com

Dopo aver visitato la Rocca Baglionesca, si può girare nel pittoresco centro storico. Da vedere è la Chiesa di Santa Croce, un edificio trecentesco, situato in Piazza Mazzini. La Chiesa si presenta con una facciata in calcare bianco e rosa, mentre l'interno in diviso in una navata in stile gotico e decorata con  vari affreschi ed opere interessanti. Altra chiesa da visitare è quella di Sant'Angelo. La struttura purtroppo è stata danneggiata dal terremoto del 1997 e dopo la ristrutturazione si è trasformata in un auditorium di proprietà del comune. Di interesse artistico e culturale sono anche le chiese di San Michele Arcangelo, di San Rocco e la chiesa di San Paolo, luogo di rifugio di Santa Chiara.

Un luogo magico, nelle vicinanze del borgo è il ponte sul fiume Chiascio, il corso d'acqua che scorre attraverso la cittadina. Infine, per completare la visita a Bastia Umbra ricordiamo un monumento molto significativo. Una statua che rappresenta Colomba Antonietti, una giovane donna che sacrificò la sua vita durante il risorgimento per appoggiare la Repubblica Italiana. La donna, indossando i panni da bersagliere, fu uccisa dal fuoco dell'artiglieria francese.

I motivi per una visita Bastia Umbria possono anche essere solo di tipo enogastronomico date le bontà che la cucina offre. A tavola la città umbra offre gustosissimi piatti che valorizzano i prodotti tipici della zona. A partire dagli gnocchi conditi con ragù d'agnello, il piccione arrosto e ripieno e la Palomba alla Ghiotta, un colombo cotto allo spiedo e condito con salsa d'acciughe. Per quanto riguarda i dolci, i più richiesi e conosciuti sono la Ciaramicola, preparata soprattutto durante i giorni di Pasqua, la rocciata, dolce di pasta sfoglia ripiena di frutta e i maccheroni dolci, pastasciutta con zucchero e noci.

Ma i motivi per visitare Bastia Umbra non finiscono qui, la città, infatti, è anche sede di "Umbriafiere". Si tratta di un'area attrezzata che ogni anno ospita manifestazioni espositive e fiere di carattere nazionale.