11 Giugno 2016
17:26

Colobraro: un paese jellato sfida la dea bendata

Nel paese più sfortunato d’Italia, domenica tutti i 1.091 cittadini giocheranno un maxisistema per vincere il malocchio. In palio c’è un montepremi da 93 milioni. Riusciranno nell’impresa?
A cura di Stefania Lombardi

#MaiUnaGioia questo sarebbe l'hashtag perfetto per una città che si trova in provincia di Matera: Colobraro. Questo piccolo luogo è famoso per un suo aspetto molto particolare: è il paese più sfortunato d’Italia. Con il tempo questa sfortuna si è trasformata in jella ed ad oggi si dice che Colobraro porta sfiga. Anche solo nominandolo si sfida la malasorte. La leggenda che ha investito queste paese risale agli anni quaranta, quando il podestà durante una riunione riunione nel salone della Provincia di Matera guardando i partecipanti con aria di sfida avrebbe detto: «Se non dico la verità, che possa cadere questo candelabro…», e neanche finita la frase l'oggetto pieno di aculei si staccò dal soffitto facendo secchi i malcapitati che vi stavano sotto. Evidentemente il podestà non stava affatto dicendo la verità.

Dopo questo fatto la reputazione del paese non è mai stata la stessa. Colobraro è diventato un luogo innominabile, tant'è che viene chiamato "quel paese", "l'appestato", "quello che tocchi ferro", evitando di pronunciare il nome per paura che qualche fatto sventuroso accada. Se questo non bastasse, negli anni cinquanta ad alimentare quest credenza si è messa anche una fattucchiera che ha alimentato il mito grazie al suo volto pieno di rughe che rimandava indietro nel tempo.

La fama di questo paese però ha degli aspetti positivi, superati i gesti scaramantici da parte di chi sente il nome dell'innominato, se sulla patente hai scritto "quel paese", i carabinieri ed i poliziotti chiudono un occhio e spesso il blocchetto delle multe. Anche il sindaco del paese ha sfruttato la sfortuna in occasione turistica. Infatti, ogni anno si organizza una manifestazione dal titolo «Sogno di una notte… a quel paese», dove appena arrivi ti omaggiano di un amuleto scaccia malocchio con chicchi di riso, che simboleggiano l’abbondanza e grani di sale, simbolo anti jella. Ma la notizia più curiosa degli ultimi giorni è che il paese più sfortunato d'Italia sta cercando di sfidare la fortuna. Il paese che non si può nominare si rivolge al SuperEnalotto che in questi giorni ha un jackpot che alle stelle: oltre 90 milioni di euro. La nomea così disgraziata del paese ha spinto quelli del SuperEnalotto a regalare a Colobraro un maxisistema da 8.250 euro. E poprio domenica 12 giugno ogni maggiorenne residente in città potrà mettersi in coda per ricevere una quota del «sistemone». Il maxisistema è diviso in lotti da 100 quote: in 100 potrebbero dunque vincere 900mila euro a testa. Colobraro sfaterà il mito di portare jella? Basterà aspettare domani.

Cosa sono gli occhi glauchi: il colore (rarissimo) usato da Omero per descrivere la dea Atena
Cosa sono gli occhi glauchi: il colore (rarissimo) usato da Omero per descrivere la dea Atena
Chiara Nasti in versione dea sexy: l'abito stringato rivela l'assenza di intimo
Chiara Nasti in versione dea sexy: l'abito stringato rivela l'assenza di intimo
Nina Moric come una dea in spiaggia: bikini sgambato e capelli lunghissimi per la vacanza a Zanzibar
Nina Moric come una dea in spiaggia: bikini sgambato e capelli lunghissimi per la vacanza a Zanzibar
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni