Nel 2015 gli italiano hanno viaggiato in media quanto l'anno precedente. La persistente crisi economica o, secondo teorici di altra opinione, il superamento della stessa non hanno modificato le abitudini degli italiani rispetto alle vacanze. A dirlo è l'Istat, che nel rapporto pubblicato il 10 febbraio ha spiegato che nel 2015 gli italiani hanno effettuato 57 milioni e 910 mila viaggi con pernottamento. Un valore che conferma i dati del 2014, sebbene sia cambiato qualcosa rispetto all'anno precedente. Le vacanze lunghe si attestano sui 5,9 giorni, laddove quelle di lavoro durano in media 3,4 e quelle di relax 6,2. In totale sono 26,8 gli italiani che si sono concessi vacanze lunghe, in linea con i numeri del 2014. Le vacanze brevi sono state 24,3 milioni e, per la prima volta dal 2009, non calano rispetto all'anno precedente.

Il peso dell'Expo | Dove vanno gli italiani | Da dove partono

Firenze, una delle mete di vacanza preferite al mondo.
in foto: Firenze, una delle mete di vacanza preferite al mondo.

Quello che invece è cambiato lo si deve soprattutto al "peso" dell'Expo. La manifestazione milanese ha portato nel capoluogo lombardo un numero di residenti cinque volte superiore rispetto a quello registrato per il 2014. La volontà di partecipare a manifestazioni culturali e folcloristiche ha motivato il 72% dei viaggi e la metà di questi aveva come meta proprio l'Expo. I viaggi per motivi di lavoro sono stabili e si attestano sui 6,8 milioni.

Gli italiani hanno viaggiato soprattutto entro i confini nazionali: l'81,1% ha scelto di trascorrere le vacanze in Italia e il 18,9% all'estero. La regione che ha accolto il maggior numero di turisti per vacanze estive è stata l'Emilia-Romagna, seguita da Puglia, Toscana, Lazio e Sardegna. In inverno trionfano Trentino-Alto Adige e Veneto. Nord e Centro, oltre ad essere residenza del maggior numero di viaggiatori, sono anche le destinazioni preferite degli stessi. Il Nord-ovest è stata destinazione del 18,1% dei viaggiatori italiani, il Nord-est del 31,4%, il Centro del 26,4, il Sud del 17,3 e le Isole del 6,9%.

All'estero gli italiani optano decisamente per la Spagna (15% di chi ha trascorso vacanze all'etero), ma si preferisce la Francia per i soggiorni brevi (22,6%). La Germania è la destinazione d'obbligo per affari nel 13,4% dei casi di chi ha viaggiato per motivi di lavoro. Il Marocco (65) continua ad essere visto come paese affidabile, poiché è il luogo di vacanza preferito da chi sceglie mete extra-europee, seguito dagli Usa (3,2%). La Cina è il paese extra europeo verso cui si è viaggiato di più per affari (4,6%).

Ma chi viaggia? Secondo l'Istat gli italiani che nel 2015 si sono potuti permettere una vacanza fuori casa nel periodo estivo sono stati un italiano su tre. I viaggi procapite nel 2015 sono stati pari a 0,9 nel Nord-ovest, 1,8 nel Nord-est, 1,1 al Centro, 0,6 nel Sud e 0,3 nelle Isole. Si può desumere che determinante nella distribuzione geografica dei viaggiatori sono il reddito medio della popolazione e – per quanto attiene ai viaggi di lavoro – la presenza di una rete produttiva che offra scambi con l'estero.