3 CONDIVISIONI

Douz: la porta del Sahara

Douz, una città coperta da un sottile manto bianco come se fosse un paesaggio innevato. Dune e palme costeggiano le strade invase dalla sabbia, creando uno spettacolo che trasporta in un mondo fantastico.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Stefania Lombardi
3 CONDIVISIONI
Douz
Douz. Foto di Manuel Bayo

Conosciuta come la porta del Sahara, è il luogo dove sono stati girati i film di Star Wars. Douz è una città della Tunisia coperta da un sottile manto bianco come se fosse un paesaggio innevato. Dune e palme costeggiano le strade invase dalla sabbia, creando uno spettacolo che trasporta in un mondo fantastico.

Deserto di sabbia e deserto di sale

Douz è un villaggio tipicamente desertico, circondato da dune di sabbia. È la porta del deserto da cui partono i Mehari e i safari sahariani. Colorato e tipico è il mercato del giovedì, con l'artigianato di pelli di dromedario, i gioielli berberi, l'allevamento del levriero del deserto: un vero e proprio museo di tradizioni.

Questo manto di sabbia di Douz viene interrotto dallo Chott El-Jerid che si estende a perdita d’occhio, con i suoi cristalli di sale e la sua superficie scintillante dove si creano strani miraggi. Si tratta di un'immensa distesa di sale che grazie al sole che batte costantemente forma uno scenario a dir poco magico. La presenza di sale è così densa che alle volte, in estate, appare una lunga distesa di ghiaccio. Fra queste il deserto di sabbia e il deserto di sale si trovano i villaggi insabbiati di Sabria, Nouil, El Faouar, e le loro piccole oasi. Più a sud, Ksar Ghilane segna la frontiera fra il deserto di sabbia e il deserto di pietra. Poi un’ampia pista conduce alla città petrolifera di El Borma fra le maestose dune dal colore rosato del Grande Erg orientale.

Da Douz si può andare in direzione di Zemelt o Borma al confine con Algeria. Gli stessi membri delle tribù si offrono come guide alla scoperta del deserto. Si può partecipare ad un trekking nel deserto in groppa a dromedari e cammelli, ma anche tour con pernottamento in una tenda e sotto la luna.

Il Festival Internazionale del Sahara

Le grandi dune di Douz
Le grandi dune di Douz. Foto di Issam bm

La città medio orientale di Douz negli ultimi giorni di dicembre si trasforma in un grande spettacolo. Ogni anno, si celebra l'International Festival del Sahara che attira un’enorme folla, con turisti del mondo intero che si uniscono ai nomadi giunti dai vicini paesi nord africani per partecipare a tornei di hockey su sabbia, abbondanti pasti, fiere dell’artigianato ed esibizioni tradizionali di danza del ventre di questo festival. A Douz, il cammello è sia un re, sia il migliore amico dell’uomo e ogni anno 50.000 visitatori si dilettano a vedere questi mammiferi con la gobba prendere parte a rodei e corse nel paesaggio desertico.

Come arrivare a Douz

L'aeroporto più vicino al villaggio di Douz è Tozeur/Nefta. In alternativa si può arrivare con le Grandi navi Veloci da Genova, Civitavecchia, Palermo fino a Tunisi. C'è un treno che parte la mattina da Tunisi e arriva a Tozeur il tardo pomeriggio, attraversando tutta la Tunisia. DaTozeur potete noleggiare un mezzo proprio, prendere un taxi o un bus, nel piazzale della stazione e in mezzo di un'ora si giunge a Douz. In alternativa si può raggiungere con il treno da Tunisi la città di Gabes, vicina alle località più note di di Djerba, Malmata, Zarzis dalla stazione di Gabes un pullman impiega un ora per arrivare a Douz.

3 CONDIVISIONI
Cosa c'è nella borsetta che Loredana Bertè porta a Sanremo
Cosa c'è nella borsetta che Loredana Bertè porta a Sanremo
Rosa Chemical, maestro di provocazione: porta a Sanremo il bondage con cinghie e latex
Rosa Chemical, maestro di provocazione: porta a Sanremo il bondage con cinghie e latex
Cosa si nasconde dietro una tela? "Reversos" porta in scena il lato b dell'arte
Cosa si nasconde dietro una tela? "Reversos" porta in scena il lato b dell'arte
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni