18 Marzo 2020
08:54

Follina: un borgo da scoprire nel trevigiano

Follina è un fantastico borgo in provincia di Treviso, dove perdersi nelle sue stradine e lasciarsi affascinare dalla bellezza delle sue architetture e i paesaggi mozzafiato. Il borgo ha affascinato tantissimi turisti, tra cui anche la star Robbie Williams che ha trascorso due notti nell’Hotel del paese.
A cura di Stefania Lombardi
Abbazia di Follina. Foto di <a href="https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Abbazia_di_Follina_Kreuzgang_FoNo.jpg" target="_blank" rel="nofollow noopener">Chfono</a>
Abbazia di Follina. Foto di Chfono

Un viaggio nel passato, nelle stradine di un piccolo borgo affascinate in provincia di Treviso. Follina, è uno dei borghi più belli d'Italia e conta appena 4000 abitanti, il luogo ideale per una pausa tra bellezze naturali e la tranquillità lontana dal caos. Il borgo ha affascinato tantissimi turisti, tra cui anche Robbie Williams che ha trascorso due notti nell'Hotel del paese.

Cosa vedere nel borgo

Abbazia di Santa Maria di Follina. Foto di <a href="https://www.flickr.com/photos/album_bagolino/21979540514/" target="_blank" rel="nofollow noopener">Ruggero2</a>
Abbazia di Santa Maria di Follina. Foto di Ruggero2

Girando tra le strade del borgo di Follina, si può rivivere la storia. Si ammirano alcuni edifici e strade che risalgono all'epoca romana, mentre non mancano i reperti di epoca preistorica, che risalgono a 120.000 anni fa.

Tra i luoghi da visitare, di sicuro c'è il l'Abbazia di Santa Maria, realizzata per opera del monaci Cisternensi nel XII secolo. La struttura ha una grande importanza storica e fortunatamente è giunta fino a noi, resistendo al degrado degli anni, anzi dei secoli. L'Abbazia presenta una forma a croce latina, e conserva un'incantevole chiostro romanico risalente al 1268, periodo in cui si insediarono i monaci cistercensi. I monaci introdussero nel borgo l'arte laniera, per questo a Follina sono state realizzate tante tessiture pregiate, che imitavano i prodotti olandesi e inglesi.

Esattamente sotto l'Abbazia si trova il Palazzo Barberis, un'elegante struttura, al cui interno un tempo le donne realizzavano prodotti in lana. Il Lanificio Andreatta risale circa al 1820, fu convertito prima in collegio e successivamente in polo culturale.

Poco più giù del paese si trova Castelletto Brandolini, una villa veneta del 600 appartenente alla famiglia Arrivabene Gonzaga. La villa è ricca di stucchi, decorazioni, opere d’arte ma, sfortunatamente non è visitabile all'interno.

La "Calabria dei greci": cosa scoprire nel borgo di Bova
La "Calabria dei greci": cosa scoprire nel borgo di Bova
Cison di Valmarino: un pittoresco borgo da scoprire
Cison di Valmarino: un pittoresco borgo da scoprire
Un viaggio nel medioevo nel borgo di Narni
Un viaggio nel medioevo nel borgo di Narni
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni