Ponte della Concordia, Fossombrone
in foto: Ponte della Concordia, Fossombrone. Foto di Paolo Laino

Le immagini del Ponte della Concordia sono note a molti per la sua particolarità, ma non tutti sanno dove si trova questo luogo magico. Il Ponte suggestivo e poetico si trova a Fossombrone, un borgo delle Marche ricco di storia e immerso nella natura affascinante. Fossombrone è situato nei pressi della valle del Metauro ed è stato un luogo di svago e di riposo per molti personaggi importanti del passato, come il Duca Federico da Montefeltro e sua moglie, che amavano rifugiarsi in questa zona durante i periodi più freddi dell'anno.

Cosa vedere a Fossombrone

Panorama di Fossombrone.
in foto: Panorama di Fossombrone. Foto di Toni Pecoraro

Il borgo di Fossombrone offre molte attrazioni da ammirare. Il cuore del centro storico è Corso Garibaldi, caratterizzato dalle logge, un doppio porticato diviso in "logge dei ricchi" e "logge dei poveri". Questo luogo era il posto per eccellenza del commercio che poi ha lasciato spazio a varie attività commerciali ed osterie tipiche. Le logge dei ricchi ospitavano i palazzi del Comune e le Chiese, mentre le restanti erano quelle dette dei poveri. Fossombrone è anche conosciuta come la città delle tre corti: alta, bassa e rossa. La corte alta comprende l'antico palazzo rinascimentale che fu residenza dei signori della città, ed oggi ospita il museo e la pinacoteca civica. La corte bassa, comprende, invece, la residenza dei duchi di Urbino. Infine nella corta rossa ci sono abitazioni private.

Tra le cose da vedere c'è la Casa Museo e Quadreria Cesarini, lasciata al Comune dal Notaio Cesarini. La Casa Museo raccoglie alcuni elementi d'arredo molto preziosi e affascianti. Un salotto rosso si speccha attarverso delle vetrate sul giardino del Narciso, la sala da pranzo con i tendaggi e le porcellane trasportano nel clima borghese degli anni 30 e 40. La Quadreria, nasce come raccolta personale del notaio Cesarini, e conserva molte opere che risalgono al periodo tra le due gruerre. Tra gli artisti ricordiamo: Carpi, Carena, Funi, Marini, Messina , Morandi, Severini, Tosi e molti altri. Inoltre è presente un ampia raccolta di dipinti di Anselmo Bucci.

Altro luogo espositivo interessante è la Pinacoteca ed il Museo Archeologico intitolato a A. Vernarecci. All'interno di questo museo sono conservati alcuni reperti di epoca romana che provengono dalla vicina area archeologica di Forum Sempronii, situata in località San Martino.

Nel centro di Fossombrone si erge la Chiesa di San Filippo, un bellissimo esempio di barocco, uno dei più belli dell'intera regione. La Chiesa risale al 1600 e nonostante presenti una facciata incompiuta, all'interno che mostra tutta la sua bellezza. Nella navata si alterano decorazioni di gran pregio con stucchi, oro e pittura. La pala d'altare è un'opera di Giovanni Francesco Guerrieri ed è circondata da altre tele di gran pregio. Anche il pavimento della Chiesa merita una menzione, grazie alla sua realizzazione con una tecnica affine al mosaico.

A pochi chilometri di distanza dal borgo di Fossombrone, lungo il fiume Metauro c'è una profonda gola dove si è formato il fenomeno delle Marmitte Giganti. Chiamate anche Marmitte del Diavolo sono delle profonde depressioni nelle rocce a forma di pozzi circolari che si sono formate nelle zone coperte da ghiacci. Le acque derivanti dallo scioglimento dei ghiacci hanno eroso la roccia in maniera circolare formando questi crateri. Le marmitte dei Giganti di Fossombrone hanno delle dimensioni che vanno da un metro di diametro fino a 3 – 4 metri e si trovano in un canyon dalle pareti alte circa 30 metri.

Per ammirare un panorama mozzafiato si può salire sul Convento dei Cappuccini, da dove si può ossercare tutta la valle fino al mare. Sulla sommità del colle è posta una croce in ferro che di notte è illuminata.

Il Ponte della Concordia

Fossombrone, Ponte della Concordia
in foto: Fossombrone, Ponte della Concordia. Foto di Enrico Pighetti

Il simbolo del borgo di Fossombrone è senza dubbio il Ponte della Concordia, situato sul fiume Metauro. Il Ponte è molto suggestivo per l'illusione ottica che crea, infatti è chiamato semplicemente l'occhio. Il suo riflesso sull'acqua dona una rappresentazione emozionante, formando un cerchio quasi perfetto. Il Ponte della Concordia è stato costruito nel 1792 ed è composto da un solo arco a tutto sesto lungo circa 40 metri e alto 20. Distrutto dai Tedeschi nel 1944 è stato ricostruito nel 1947 rispettando la forma originale.