Trieste
in foto: Trieste. Foto di vasile_pralea

Il Friuli Venezia Giulia, una delle regioni più a nord della nostra Italia, amata nella stagione invernale dagli appassionati della neve, in realtà regala tante emozioni anche d'estate. Il Friuli combina le incantevoli vette dolomitiche con spiagge dorate, insieme a suggestive antichità romane e veneziane.

Ecco 7 cose da non perdere in Friuli Venezia Giulia durante una vacanza in estate.

1. Trieste tra monti e mare

Canale Grande di Trieste
in foto: Canale Grande di Trieste. Foto di Roberto Raddeo

Iniziamo da una delle città più importanti e conosciute del Friuli, Trieste. La città è una combinazione di stili diversi che emana fascino ad ogni angolo. Passeggiando per il centro di Trieste si incontrano edifici asburgici, come l'incantevole Castello Miramare, dove ha soggiornato la Principessa Sissi. Il Castello Miramare è arroccato su una rupe a strapiombo sul mare ed è uno dei luoghi più suggestivi che cela storie e leggende. Una di queste è la triste storia dell'arciduca Massimiliano d’Asburgo e di sua moglie, Carlotta del Belgio, che lo costruirono negli anni 1856-1860. Il castello oggi è adibito a museo e al suo interno è conservata anche una pregevole raccolta di vasi orientali.

La sua piazza principale, Piazza Unità è stata definita "il salotto di Trieste", è la piazza più estesa d’Europa, che si affaccia sul mare. Infatti, una delle cose più belle ed interessanti di Trieste è che mentre da un lato è ricca di storia e circondata da monti, dall'altra è bagnata da uno splendido mare. In estate il lungomare della città è molto affollato. Riassumere in poche righe le meraviglie di Trieste è molto complicato, basta dire che si tratta di un luogo magico ed accogliente, dove ogni veduta stupisce con i suoi mille colori, e dove la vita scorre lentamente e distante dai ritmi delle altre metropoli. Trieste è sarà senza dubbio meta di una vacanza in Italia per chi cerca tranquillità e benessere.

2. Udine, la Venezia sulla terraferma

Udine
in foto: Udine. Foto di Stefano Merli

Udine è definita la Venezia sulla terraferma, poichè in molti suoi aspetti rivela il suo legame con la Serenissima. Questo si ammira in particolare passeggiando per la città ed entrado in Piazza della Libertà, che è costituita da un susseguirsi di porticati e logge. Il centro storico rivela un anima medievale, scandita dal corso di antichi canali che oggi sono quasi scomparsi. Udine è conoscita come la città del Tiepolo, poichè è stata la città di Gianbattista Tiepolo e custodisce molti capolavori dell’artista settecentesco e di suo figlio Giandomenico.

3. Gorizia, città di frontiera

Gorizia
in foto: Gorizia. Foto di Stefano Merli

Altra città da visitare in Friuli Venezia Giulia è Gorizia. Girando per la città si viene catapultati in un'atmosfera austriaca. Nella piazza Transalpina, fino al 2004 divisa da un muro, si passeggia con un piede in Italia ed uno in Slovenia, questo fa capire l'aria di città di confine. Da vedere il Castello medievale con il suo incantevole borgo e le architetture medievali, barocche e ottocentesche che convivono in modo armonioso. A Gorizia non manca neanche la natura, che esplode nei vari parchi, come quello di Piuma sul fiume Isonzo, il Parco del Palazzo Coronini Cronberg o il Parco Viatori.

4. Il mare e la costa Triestina

Lignano
in foto: Lignano. Foto di Giuseppe Milo

Se si pensa al nord, non ci viene subito in mente il mare, eppure questa regione, regala un litorale meraviglioso. Trieste affaccia direttamente sul mar Adriatico ed è ricca di "bagni urbani". Tutto il litorale è formato da scenari eterogeni, infatti, si susseguono scogli e tratti di costa bassa e sabbiosa. Una delle località di villeggiatura più amata in estate è Lignano, ma molto ambite sono anche le spiagge selvagge di Grado. Quest'ultima oltre alle spiagge è frequentata anche per i suoi centri termali.

Sul litorale ogni anno si svolge un evento che raccoglie milioni di curiosi, la Barcolana, una regata che riempie di vele il Golfo di Trieste. Altre manifestazioni importanti sono le  gare di tuffi che animano le estati triestine.

5. Venzone al profumo di lavanda

Venzone
in foto: Venzone. Foto di Sebastian Rabe

Entrato di recente nella lista dei borghi più belli d'Italia, Venzone è un caratteristico paesino invaso dal profumo della lavanda. Questo prodotto, infatti, qui è molto caratteristico. Venzone, però, è anche una delle città che ha subito maggiori danni dal terremoto, ma si possono ancora ammirare chiese romaniche, misteriose mummie, esposizioni interessanti, oltre alle immancabili delizie proposte dai tanti ristorantini del posto.

6. Le dolomiti e il Grido di Pietra 

campanil di val montanaia
in foto: campanil di val montanaia. Foto di nardino

Il Friuli Vnezia Giulia è anche natura, amata sia d'estate che d'inverno. Le Dolomiti Friulane fanno parte di uno dei parchi più grandi del nord Italia e si caratterizzano per il loro carattere selvaggio. Partecipando ad escursioni e trekking si possono ammirare paesaggi meravigliosi con l'alternarsi di acque e fiumi, grotte e cascate. In estate si possono sfidare le vette più alte, come, ad esempio, Il Montasio. Il simbolo del parco è il Campanile di Val Montanaia, detto il Grido di Pietra, un monumento che si può visitare solo dopo un trekking abbastanza impegnativo.

7. Avventure nelle gole carsiche 

Grotta del Gigante
in foto: Grotta del gigante. Foto di snowwhite

Friuli Venezia Giulia, ha un territorio in molti tratti aspro essendo occupato da un ampio promontorio, il Carso che nel punto più alto raggiunge i 450 metri di altezza. L'erosione ha creato migliaia di grotte di diverse dimensioni, tra cui la Grotta Nuova, che è la più estesa d’Europa con i suoi 7 chilometri di lunghezza. Nei pressi di Trieste molto celebre è la Grotta Gigante di Sgonico, considerata la caverna turistica più grande del mondo. Nel 1995 è anche entrata nel Guinnes dei Primati grazie ai sui 100 metri dell’altezza, 76 metri di larghezza tra le pareti e la lunghezza di 167 metri. Per accedere bisogna scendere ben 360 scalini che conducono alla grande porta d'ingresso. All'interno si ammirano tante salatiti e stalagmiti che creano uno scenario stupendo per la maestosità della cavità sia per la ricchezza e la variabilità delle forme e dei colori di stalattiti e stalagmiti, messi in evidenza da una bella illuminazione.