3 Febbraio 2010
11:26

Hard Rock Café: la chitarra di Eric Clapton, simbolo del turismo internazionale

La catena che unisce la cucina americana all’esposizione da museo di cimeli del rock è presente in tutto il mondo. Uno dei simboli americani d’eccellenza, però, ha le sue origini in Europa.

Presente con 140 locali in 36 paesi del mondo, l’Hard Rock Café è una delle catene di ristoranti più celebri al mondo. Questo grazie alla sua inedita formula, quella di un ristorante di cucina tipica americana unita a un museo di cimeli della storia del rock. Fu fondata nel 1971 a Londra dal duo Peter Morton e Isaac Tigrett, come semplice locale che riproponesse la tradizione culinaria statunitense. Crebbe di popolarità nel giro di pochi anni, tanto che numerose celebrità della musica vi mangiavano e si esibivano. Un giorno del ’79 Eric Clapton regalò la sua chitarra a Tigrett che, non sapendola suonare, chiese di poterla appendere al muro del locale. Da allora nacque la tradizione museale che è oggi la collezione di reperti rock più grande del mondo. Alcuni artisti cominciavano a regalare i loro oggetti musicali personali, mentre il duo cominciò a investire per espandere la collezione. In seguito la catena si diffuse in tutto il mondo.

Per cui, se la città dove vi trovate ne ospita uno, farvi tappa è obbligatorio: equivale a visitare un museo, dato che i reperti sono tutti originali e diversi. Ogni Hard Rock ha pezzi o elementi di arredo che lo caratterizzano. L’ingresso di Dubai è fronteggiato da una chitarra gigante; stesso dicasi per Las Vegas che ne ha una come insegna luminosa. A Ottawa, in Canada, ci sono quattro vetrate che raffigurano i Beatles dipinte come fossero in una chiesa. E a New York sono presenti le porte degli Abbey Road Studios dove incidevano i Fab Four.

Sono presenti negli angoli più inimmaginabili del globo, come ad esempio i paradi tropicali delle isole Fiji, a Bali, Guam e Saipan, nel pieno dell’oceano Pacifico, e a Key West. In Italia ce ne sono due a Roma e a Venezia. A Orlando, in Florida, vi è la sede principale, che è anche la più grande del mondo: un immenso colosseo dal quale una cadillac rosa sbuca sfondandone una parete. Un’altra cadillac è all’interno nell’atrio centrale sospesa nel mezzo a ruotare sempre su sé stessa. Ovviamente questo ospita anche la collezione più grande, divisa in varie sale (una dedicata a Woodstock).

A ogni locale è associato un negozio di merchandising che vende magliette e altri gadget col logo storico della catena. Scopo di molti viaggiatori è quello di acquistarne un pezzo per ogni dove, a testimonianza dei luoghi che hanno visitato: un po’ come i vecchi adesivi sulle valigie. Gli Hard Rock Café hanno anche una catena parallela presente negli Stati Uniti, quella degli Hard Rock Hotel. In pratica sono uno dei simboli della cultura americana che invade l’estero, nonostante tutto nasca nel Vecchio Continente. Ma, a dispetto di tutto, si mangia molto bene.

Giuseppe D’Angelo

BIT 2010: Msc Crociere presenta la “Magnifica”
BIT 2010: Msc Crociere presenta la “Magnifica”
L'isola di Ko Samui in Thailandia
L'isola di Ko Samui in Thailandia
Bitas 2010, la Borsa del turismo attivo
Bitas 2010, la Borsa del turismo attivo
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni