Lungomare di Caorle
in foto: Lungomare di Caorle. Foto da pixabay

Caorle è una città del litorale veneto, molto amata, non solo dai viaggiatori in cerca del mare, ma anche per chi desidera visitare il suo centro storico. La città è un'esplosione di colori con le sue casette dalle tante tinte diverse, che ricordano l'isola di Burano. Il lungomare di Caorle è uno spettacolo incredibile, per il mare che bagna la costa, ma anche perchè gli scogli sono opere d'arte nel vero senso del termine. Gli scogli, infatti, sono stati scolpiti da artisti internazionali che ogni anno sono a Caorle per partecipare al concorso "Scogliera viva". Caorle, nonostante sia stata messa un po' in ombra dalla vicina Jesolo, che dista solo 30 chilometri, merita di sicuro una visita.

Il mare di Caorle
Il centro storico di Caorle

Il mare di Caorle

Spiaggia di Caorle
in foto: Spiaggia Caorle. Foto di iesse

La spiaggia di Caorle, premiata più volte con la Bandiera Blu, è un lungo arenile di sabbia di circa 15 chilometri che si snoda tra le frazioni di Porto Santa Margherita, Lido Altanea e Duna Verde. La sabbia di Caorle è fine e dorata ed è bagnata da un mare cristallino con il fondale che degrata dolcemente nel mare, per questo Caorle ha guadagnato anche la Bandiera Verde, come spiaggia a misura di bambino. Gran parte del litorale è servito da stabilimenti balneari con ottimi servizi che rispondono a tutte le esigenze. Non mancano le zone libere per gli amanti del fai da te.

In generale il litorale di Caorle si divide in spiaggia di Pontente e spiaggia di Levante, separate da una diga millenaria. La prima arriva fino al Santuario della Madonna, arroccato e a picco sul mare. Da qui inizia la Spiaggia di Pontente più ampia rispetto all'altra.

Il lungomare di Caorle è caratterizzato da opere molto particolari. Gli scogli, infatti, sono vere e proprie opere d'arte realizzate da artisti internzionali che ogni anno si trovano a Caorle per partecipare al concorso "Scogliera Viva". Questa iniziativa è partita dall'idea dello scultore trevigiano Sergio Longo, ed è diventata una galleria d'arte a cielo aperto, con i blocchi di pietra trasformati in sculture che rievocano il mondo marino.

Proseguendo sulla costa di Caorle, in località Brussa, si giunge alla zona lagunare, un'oasi protetta caratterizzata dalla presenza dei Casoni, delle abitazioni costruite con canna palustre un tempo abitate dai pescatori. Questa zona affascinante può essere esplorata con una motonave addentrandosi nella Laguna fino al mare, o in bicicletta, esplorando i Casoni e godendo del paesaggio.

Il centro storico di Caorle

Duomo di Caorle
in foto: Duomo di Caorle. Foto di Piave

Il centro di Caorle è molto affascinante e vivace. Un tripudio di colori tra le casette varioponte, angoli suggestivi e vicoli che aprono su belle piazze. Il fulcro del paese è piazza Vescovado dove si erge il Duomo di Santo Stefano con il Campanile cilindrico del XI secolo. Per godere di una vista spettacolare si può salire sul campanile alto circa 50 metri ed ammirare dall'alto il mare e la città (la salita è a pagamento). Anche lo stesso Duomo merita una visita, è una struttura costruita in stile romanico dove si notano influenze bizantine, con bellissimi dipinti e sffreschi.

Sul lungomare, oltre alle spiagge, si erge il suggestivo Santuario della Madonna dell'Angelo. Una struttura straordinaria a picco sul mare che è diventata il simbolo della città. Il Santuario negli anni ha dovuto resistere a varie imtemperie ed è stato ricostruito nel XVIII secolo.