Il viaggio in aereo assomiglia sempre di più a una lotteria. Tra voli low cost, millemiglia, concorsi online si fa di tutto per risparmiare sul costoso biglietto aereo per usufruire dell'invenzione del ventesimo secolo che ha accorciato le distanze e unito la gente del mondo. Ora chiunque può viaggiare nei paesi più remoti e un tempo ritenuti inarrivabili: un tempo un viaggio in alcune zone del mondo poteva sembrare un'avventura, oggi complice l'apertura a oltranza di sempre più aeroporti si arriva dovunque. Non solo, ma un tempo il volo aereo era sinonimo di vacanza dispendiosa, poiché grossa parte dello sperpero di denaro ricadeva sul biglietto. Oggi invece la concorrenza agguerrita ha portato all'abbattimento dei prezzi, e si vola davvero con poco. Tutto questo dovrebbe rendere i viaggiatori soddisfatti. Se non fosse che ci si dimentica un fattore fondamentale: il viaggio stesso. Che sia di breve o lunga durata il passeggero vuole trarre il meglio dalla sua permanenza a bordo e non avere fastidi. E in tutto questo gioca un ruolo importante il posto a sedere.

Prenotare posti in aereo

Foto di Christopher Doyle

Qual è il posto migliore in aereo? Ovvio, risponderanno in molti, quelli vicino alle uscite di emergenza, dov'è c'è il maggiore spazio per le gambe. E infatti sono i primi ad essere sempre prenotati. Terminati quelli, cosa ci resta? Un recente sondaggio lanciato dal sito di comparazione voli Skyscanner ci dà la risposta: il 6A. Sufficientemente vicino all'ingresso, quindi non si attende troppo per salire o scendere lontano dall'aeromobile; e abbastanza lontano dalla toilette, per cui nessun fastidioso viavai di gente. E' un posto vicino al finestrino, per cui ci si gode il panorama e non ci si deve alzare per nessuno; e allo stesso tempo è decentrato, quindi si può appoggiare bene la testa per dormire. Tanto perché lo sappiate, il peggiore è stato decretato il 31E: lontano dalla toilette e dall'uscita, in mezzo nella fila centrale. Lontani da quel numero.

posti a sedere

Foto di Calgary Reviews

Come prenotare il posto migliore in aereo? Il 6A potrebbe essere già prenotato, e non è detto comunque che sia il migliore per noi. Possiamo avere esigenze diverse, quale quella di sedere vicino ai bagni o di essere nella posizione migliore per vedere il film proiettato in volo. TripAdvisor ci aiuta con il suo servizio SeatGuru, sul sito omonimo: una banca dati che offre la planimetria di oltre 300 aeromobili gestiti dalle maggiori compagnie internazionali. In base al biglietto che vogliamo acquistare possiamo avere una mappa completa dell'aereo che prenderemo, con tutte le informazioni sui sedili e le varie comodità che offrono, come ad esempio le prese elettriche. Possiamo così scegliere il nostro posto con cognizione di causa.

I compagni di viaggio, però, sono un'altra incognita che può influire sul nostro stato d'animo. Non mancherà comunque il rischio di sedere accanto a persone noiose o peggio fastidiose. A questo ha pensato la KLM, la Compagnia Reale d’Aviazione olandese, con il servizio sperimentale Meet&Seat. Registrandosi e condividendo i propri profili social (Facebook e Linkedin) si entra a far parte di un archivio dove si possono visualizzare interessi e hobby degli altri passeggeri che prenderanno il nostro stesso volo. E si può quindi scegliere di prenotare il posto accanto a una persona che ci interessa. AirBaltic, la compagnia di bandiera della Lettonia, sta invece sperimentando un sistema di assegnazione posti automatico basato sul "mood". Che vuol dire l'umore, o la voglia di fare qualcosa. Insomma, durante il volo vogliamo dormire, leggere in pace, o chiacchierare? Basta segnalarlo riempiendo un form all'atto della prenotazione: in maniera totalmente privata e automatica il computer ci assegnerà  i posti mettendoci vicino al giusto compagno di viaggio. O almeno così si spera… Il servizio si chiama SeatBuddy, e al momento è facoltativo e gratuito.

Posto migliore in aeroplano

Foto di Soon

Il partner di viaggio, una volta incontrato quello giusto, ci renderà il volo più piacevole. Magari sarà anche del sesso opposto, e da cosa può nascere cosa… Ma cosa succede se dopo il volo ci si perde di vista e non ci si è scambiati neanche un contatto? Ci si rende conto che quella che è stata una semplice conversazione poteva essere l'inizio di un qualcosa di più. E allora ecco WeMetOnAPlane.com, un sito che ci aiuta a ritrovare il nostro compagno di viaggio speciale. Basta inserire i dati del proprio volo, raccontare la propria storia (chi era la persona, come l'abbiamo conosciuta, di cosa abbiamo parlato, ecc…), condividerla sui nostri profili social e registrarsi al sistema di alert che ci avvertirà ogni qual volta il nostro appello è stato commentato. Sembra che grazie a questo sito alcune persone si siano già ritrovate. E se anche così non fosse, abbiamo speso comunque bene il nostro tempo sull'aereo, che resta sempre una parte fondamentale della vacanza: i nostri consigli di viaggio vi aiuteranno a partire col piede giusto e a concluderla degnamente.