Sardegna, Torri costiere
in foto: Sardegna, Torri. Foto di Etheriel

1284 chilometri, 105 torri, 88 comuni e 450 chilometri di spiagge: un totale di 60 giorni di cammino. E' uno dei cammini più belli e più affascinati d'Europa e si trova in Sardegna. Per la presenza delle tante costruzioni è conosciuto come il "Cammino delle 100 torri". Il percorso è incantevole, e porta lungo la costa della magica terra Sarda, passando per spiagge, dune, chiese, fari e luoghi inaccessibili. Un’impresa non per tutti: 30, 35 chilometri al giorno, una media di dieci ore di cammino quotidiano.

Il percorso si può affrontare a piedi, in bici, ma anche in canoa e a cavallo. Il cammino è stato organizzato per esser percorso in 70 tappe ufficiali per assaporare al meglio l’isola. Lungo il cammino si incontrano le torri costiere della Sardegna, che fin dal medioevo hanno costituito il sistema difensivo, di avvistamento e di comunicazione della fascia costiera dell’isola. Le torri dominano i paesaggi più belli della costa della Sardegna rendendolo caratteristico ed unico. Il percorso porta tra strade sterrate e asfalto, avendo, però, al proprio fianco sempre il mare.

Il percorso si suddivide in due cammini, il cammino orientale e il cammino occidentale, che si possono percorrere anche separatamente.

Il Cammino Orientale si snoda lungo spiagge e strade sterrate che vanno da Cagliari alla Gallura. La lunghezza complessiva del sentiero è di 597 chilometri, perdendosi nella macchia mediterranea. In particolare, il sentiero percorre: Via degli Angeli, Via Sarcapos, Via Ogliastra, Via Smeralda.

Il Cammino Occidentale si sviluppa lungo strade sterrate e stagni di acqua dolce, lagune e dune costiere che vanno da Castelsardo a Cagliari. La lunghezza complessiva è di 634 chilometri. Questo secondo percorso in particolare passa per: Via Catalana, Via degli Angeli, Via Costa Delle Miniere, Via del Martirio.

Lungo il cammino per dormire si può alloggiare nei cosiddetti "campi base", i campeggi della Sardegna o in rarissimi casi in dei b&b.