Tempio del Valadier
in foto: Tempio del Valadier. Foto di Alicudi

Nascosto tra le pareti di marmo di un'antica grotta c'è un tempio speciale dedicato alla Vergine Maria e rifugio per i peccatori. Il Tempio di Valadier è situato nel parco naturale che comprende le grotte di Frasassi, nelle Marche. Per raggiungere questo luogo incredibile bisogna percorrere la strada che dalle Grotte di Frasassi conduce al paese di Genga, da questo punto si percorrno 700 metri a piedi ed in salita. Un percorso un po' faticoso ma che sarà ripagato dalla bellissima vista panoramica che si può godere dal tempio.

Il Tempio di Valader è stato costruito nel 1828 da Papa Leone XII su progetto dell'architetto Valader, dal quale appunto deriva il nome dell'edificio. La costruzione è impressionante, poichè è incastonata nella roccia. Il Tempio di Valadier presenta forme neoclassiche, con una pianta ottagonale ed è costituito da una struttura di blocchi bianchi in travertino, coperta da un tetto di piombo.

La grotta nella quale si trova fu usata dalla popolazione a partire dal X secolo come nascondiglio per proteggersi dai saccheggiatori. Durante la costruzione, infatti, sono state ritrovate ossa umane, monete e attrazzeture per cucinare. Nel momento in cui il Tempio fu costruito, il luogo ha continuato ad essere un sito di rifugio, ma per i credenti che si raccoglievano nel Tempio per pregare e chiedere perdono per i proprio peccati. Per questo il sito è conosciuto come "rifugio dei peccatori". All'interno del Tempio fu collocata una scultura della Madonna con Bambino attribuita alla bottega di Canova, sostituita poi da una copia, mentre l'originale è custodita nel Museo del paese di Genga.

Accanto alla chiesa si trova anche il Santuario della Madonna di Frasassi datato al 1029. Si tratta di un altro edificio scavato nella roccia, che un tempo costituiva un monastero di Clausura delle monache benedettine.