@instagram.com/inbedwith.me
in foto: @instagram.com/inbedwith.me

Il lavoro dei sogni è per i più quello che permette qualche lusso e il tempo di divertirsi. Magari viaggiare. Rhiannon Taylor, fotografa australiana di 29 anni, per lavoro viaggia, recensendo – e dunque provando – il lusso. Miracolo dell'era digitale, che, almeno potenzialmente, permette ad ognuno di noi di diventare editori e promotori di noi stessi. Rhiannon, infatti, ha fatto la fotografa per sette anni, potendo in questo modo viaggiare ovunque. Maturata consapevolezza ed esperienza sufficienti, la giovane australiana ha deciso di fondare un blog dal nome ammiccante "In bed with", a letto con (l'estensione del sito è "me", quindi la lettura dell'url diventa "a letto con me"). Una gamba ben modellata – probabilmente della stessa fotografa – è nell'header del sito che, a dispetto di quanto ci si possa attendere, parla solo ed unicamente di viaggi che la maggior parte di noi non si può permettere.

Rhiannon Taylor (@instagram.com/inbedwith.me)
in foto: Rhiannon Taylor (@instagram.com/inbedwith.me)

Il lavoro della blogger di Melbourne è diventato quello di recensire gli alloggi più lussuosi, dal Messico all'Indonesia e da Nord a Sud. Sul sito non compare pubblicità, per cui gli introiti di Rhiannon vengono soprattutto dall'albergo che alla blogger offre l'alloggio e a cui paga anche la possibilità di essere recensito. Non solo: l'albergo acquista anche le foto. Oltre a ciò Rhiannon è testimonial anche di prodotti più o meno legati al viaggio, ma non necessariamente. L'invidiabile fotografa, infatti, pubblicizza valige, prodotti di bellezza da spa di lusso, agenzie di design o altro. Ricapitolando: la giovane viaggia, viene ospitata in alloggi di lusso, viene pagata per questo e in cambio ne scrive e fotografa. Come è evidente dal sito, la maggior parte del contenuto è rappresentato dalle foto.

Le foto, del resto, sono la professionalità della blogger – quella che le ha permesso di viaggiare anche prima della nascita di "In the bed" – nonché il principale mezzo di marketing. Il social network più utilizzato da Rhiannon, infatti, è Instagram, su cui è seguita da oltre 12.600 follower (e da cui sono tratte le foto del presente articolo). Molto più recente la pagina fan su Facebook che, per quanto sia meno votato alla diffusione delle immagini, potrà rappresentare per la blogger un'ulteriore finestra da cui poterla ammira ed invidiarne il lavoro.