Castello di Lucignano
in foto: Castello di Lucignano. Foto di Mirella Bruni

Lucignano è un piccolo borgo medievale nel cuore della Valdichiana, dove sventola la Bandiera arancione del Touring Club Italiano. Lucignano è noto per la presenza di un oggetto unico al mondo: l'Albero dell'Amore, un tesoro custodito in una teca di cristallo, che richiama tantissimi innamorati, pronti a scambiarsi le loro promesse. Ma di cosa si tratta?

L'albero dell'amore di Lucignano

L'albero dell'amore
in foto: L’albero dell’amore. Foto di Officine Della Cultura

Lucignano custodisce un'attrazione imperdibile per tutte le coppie, soprattutto per quelle appassionate anche di arte. Nel museo Comunale della città è custodito il prezioso Albero dell'Amore, conosciuto anche come Albero della Vita o Albero d'Oro. Si tratta di un vero capolavoro di alta oreficeria che venne realizzato da Ugolino di Vieri e Gabriello d'Antonio nell'arco di ben 121 anni. Iniziato nel 1350, venne portato a termine solo nel 1471.

L'opera è decorata con cristalli, smalti e coralli che la rendono quasi abbagliante. La base dell'opera d'arte sorregge un tempietto gotico a tre piani. Dal fusto partono ben dodici rami, esattamente metà per ogni lato. Fino a giungere alla sommità dove si trova Cristo crocifisso, a sua volta sormontato da un pellicano che si becca il petto. La presenza di questo animale ha una forte valenza simbolica, infatti, secondo le iconografie, questo animale dona il proprio sangue per sfamare i suoi figli. La simbologia rimanda a Cristo che ha dato la sua vita per salvare l'umanità intera.

La storia che avvolge questo oggetto, ha un suo lato romantico, infatti, narra che assicuri prosperità e fortuna a tutti gli innamorati. Per questo motivo numerose coppie fanno tappa in questo luogo per scambiarsi promesse d'amore e eterna fedeltà proprio dinanzi all'Albero dell'Amore.

La presenza di quest'opera dedicata all'amore, fa vivere nel borgo di Lucignano un'atmosfera speciale soprattutto nei periodi più romantici dell'anno. La prima domenica di Settembre nel borgo viene organizzata "La Festa degli Sposi", mentre San Valentino è il momento di "Segni d'amore", una manifestazione che richiama tantissime coppie innamorate.

Cosa vedere a Lucignano

Chiesa di San Francesco
in foto: Chiesa di San Francesco. Foto di biagiottill

Oltre a questa grande attrazione, il borgo di Lucignano offre molto altro da ammirare. La cittadina sorge a circa 400 metri di altezza ed è ricca di bellezze architettoniche, artistiche e paesaggistiche. Il centro storico di Lucignano è unico, poiché presenta una pianta ellittica a strade anulari concentriche, ma anche per la sua atmosfera tranquilla dove il tempo sembra scorrere molto lentamente. L'ingresso nella cittadina avviene attraverso Porta San Giusto, dalla quale si diramano due strade che presenta una divisione un tempo classica. Si via Roma si susseguono abitazioni piccole e umili, mentre su via Matteotti si ammirano palazzi rinascimentali, una netta divisione tra ricchi e poveri.

La visita al borgo continua al centro del paese, dove si trova il Palazzo Comunale e altri importanti edifici. Tra questi ricordiamo la Chiesa di San Francesco, in stile gotico, con affreschi di celebri artisti senesi come Taddeo di Bartolo e Bartolo di Fredi, e un Trionfo della Morte dipinto sulla parete destra della navata; la Rocca Senese, la Chiesa di San Giuseppe; la Collegiata di San Michele Arcangelo, che spicca per l'Altare Maggiore e le tele di artisti come Matteo Rosselli e Luigi Ademollo; la Chiesa di San Biagio; la Chiesa della Santissima Annunziata.

Uscendo dal paese, inoltre, si incontrano prima il possente Cassero e il Santuario della Madonna delle Querce. Quest'ultimo edificio religioso è nato in seguito alle numerose apparizioni della Madonna agli abitanti del borgo toscano.