Una campagna generosa o un mare cristallino, quale che sia la vostra preferenza le viti vi accompagneranno. Gli amanti del vino sanno bene che l'uva può adeguarsi a diversi contesti, maturando caratteristiche e sapori particolari. Emblema di questa adattabilità sono i due paesi principali produttori di vino, Francia ed Italia, la cui geografia offre una grande varietà di paesaggi. Soprattutto in Italia è visibile questa adattabilità della vite, che genera vini magri e corposi, netti e ampi, novelli e maturi, liquorosi, passiti, marsalati e tutte le tonalità possibili della bevanda di Bacco. Eppure da tempo la cultura del vino ha superato i confini di Italia e Francia, per arrivare in terre come America e Australia che possono mettere al servizio della vite qualsiasi clima e temperatura, oppure terre come il Medio Oriente in cui i vini sono segnati dal Sole. Il sito specialistico Wine Enthusiast propone le 10 vacanze migliori del 2015 per gli amanti del vino. Una selezione forse viziata dalla nazionalità dei lettori – anglofoni – e dalla sede centrale del giornale (New York), ma che comunque aiuta a scoprire regioni vinicole che il neofita probabilmente non conosce.

  • Finger Lakes, New York, Usa. Undici laghi nel nord dello stato di New York rappresentano un luogo eccezionale in cui trascorrere le proprie vacanze, assaporando di tanto in tanto un vino delle oltre cento cantine presenti nella regione.
  • Piemonte, Italia. C'è poco da dire, soprattutto dopo il riconoscimento dei vitigni delle Langhe, del Roero e del Monferrato, entrati a far parte dei Patrimoni mondiali Unesco assegnali all'Italia. Se questo argomento non dovesse bastare, ricordiamo qualche nome: Nebbiolo, Barbera, Dolcetto e Moscato d’Asti.
  • Hawke's Bay, Nuova Zelanda. Autunni lunghi, estati calde e secche e clima marittimo fanno felici le viti, che qui sono soprattutto delle varietà di Bordeaux. Il Syrah sta diventando il vino di punta della zona.
  • Valle del Rodano, Francia. Il fascino del Rodano, la bellezza dei paesi che si affacciano sul fiume e il sapore del vino buono. La Francia non poteva mancare ed una presenza la segna con la sua seconda più grande zona di interesse viticolo.
  • Orlando, Florida, Usa. E' la meta che nessuno si aspetta, ma una parte della città si sta specializzando nel fornire servizi e prodotti di qualità. Gli amanti del cibo e del vino, a quanto pare, sono a loro agio nella città della Florida.
  • Galizia, Spagna. Il clima caldo della penisola iberica, l'acqua di tanti fiumi e di piogge abbondanti nei mesi freddi assicurano una natura verdeggiante, dove la maggior parte delle colture è rappresentato dalle viti. Tour e degustazioni abbondano nelle regioni vinicole di Rias Baixas, Ribeiro, Ribeira Sacra, Valdeorras e Monterrei.
  • Okanagan, Canada. Ma come, il freddo Canada fa buon vino? Siamo vicini alla regione dei laghi, che si estende anche nello stato di New York, per cui, per quanto faccia molto freddo, siamo comunque nel sud del paese. Basti dire che ad Okanagan ci sono 8.000 ettari di viti e 131 vigneti.
  • Valle della Loira, Francia. Famosa per i castelli, la Loira è generosa anche nell'offrire ottime varietà di vino. Nelle regioni di Angers e Touraine potete degustare ottimi vini e passeggiare in gradevoli città. Assaggiate Chenin Blanc e Cabernet Franc.
  • Mendocino, California, Usa. Mare, piantagioni di marijuana, assenza di traffico e tanto vino. Mendocino è tutto relax con 107 cantine e 17000 acri coltivati a vite.
  • Istria, Croazia. Quale sorpresa? L'Istria è stata italiana sotto l'Impero romano e la Repubblica veneziana e gode di un clima simile al nostro. Se pensate che qui si possono fare solo vacanze di mare, siate pronti a ricredervi cercando i ristoranti giusti forniti di una buona carta dei vini.

[Foto in apertura di Dylan Ramos]