Nashville, Tennesse
in foto: Nashville. Foto di Derrick Brutel

Gli USA non smettono mai di stupire. Ogni angolo racconta una storia affascinate, tra bellezze naturali, grandi città ed attrazioni incredibili. Se siete appassionati di musica il vostro viaggio negli Stati Uniti non può prescindere da una visita al Tennesse. Le città di Memphis e Nashiville, in particolare raccontano la storia del blues, del rock’n’roll, del jazz, del country. Queste due città sono senza dubbio le tappe fondamentali per ogni musicista, ma non solo, poichè il loro fascino riesce a catturare chiunque.

Memphis è la città del re del rock'n'roll, Elvis Presley e del blues, lungo le sue strade principali ci sono tantissimi locali nei quali si più assistere a spettacoli musicali dal vivo. A circa 350 chilometri di distanza si trova Nashville, divenata famosa per le stelle della musica country, la Country Music Hall of Fame e il Grand Ole Opry. Scopriamo cosa non perdere in questo itinerario musicale nel Tennesse.

Memphis, un tour nel rock'n'roll

Downtown Memphis
in foto: Memphis. Foto di Drriss & Marrionn

Memphis sorge sulle sponde del Mississipi e la sua storia musicale ha bisogno di poche presentazioni. La città è legata al mito di Elivis che qui ha vissuto la maggior parte della sua vita e qui ha registrato alcuni dei suoi pezzi più celebri. A Memphis si può visitare Graceland, la maestosa tenuta del re del rock. L'ingresso, situato al numero 3734 dell’Elvis Presley Boulevard, è imponente, in stile georgiano coloniale, ma varcata la soglia si entra in mondo dove tutto è esagerato e sfrazoso. Ad occogliervi ci sarà una sala bianca con poltrone in pelle, probabilmente dove Elvis accoglieva i suoi ospiti, e una tv; questo è un elemento che ricorre in molte stanze, si dice, infatti, che Elvis volesse una televisione accesa in ogni stanza. La cucina di Elvis non chiudeva mai ed era uno dei suoi ambienti preferiti. Si passa alla sala bar e a quella del biliardo, completamente rivestita di stoffa e ricca di gadget e televisori. Altra sala interna visitabile è la giungla, una sorta di veranda, chiamata così per l'arredamento.

Graceland, Car Museum
in foto: Graceland, Car Museum. Foto di Mark Stephenson

Attraversato il cortile esterno si passa al vero e proprio museo. Qui si possono ammirare i vestiti usati da Elvis nella sua carriera e i suoi dischi d'oro e di platino e tanti oggetti che gli sono appartenuti. Infine, si giunge alla collezione più incredibile, Elvis aveva una grande passione per i motori e il suo museo raccoglie un centinaio tra Cadillac, Rolls e Harley. Addirittura c'è una pista di decollo dei due jet con i quali Presley si spostava.

Oltre a Graceland, sempre legata alla musica e al rock sono i Sun Studios, dove anche Elivis ha inciso i suoi primi successi. Non fatevi mancare inoltre una passeggiata lungo Beale Street con i suoi tipici locali dove si suona musica dal vivo praticamente tutto il giorno. Qui si trova anche la Walk of Fame, marciapiede in cui sono incastonate delle note musicali che rendono omaggio ad alcuni dei più famosi musicisti di Memphis. Imperdibile anche una visita al National Civil Rights Museum, che sorge su quello che fu il Lorraine Motel, dove venne assassinato Martin Luther King. Una curiosità abbastanza divertente su Memphis riguarda il Peabody Memphis, uno degli hotel storici della città. Molto frequentato da personaggi illustri, ebbe un periodo di decadenza negli anni 30, fino a quando il nuovo manager ebbe una fanatstica idea. Nel ritorno da una battuta di caccia liberò delle anatre selvatiche nella hall, da allora le anatre ogni giorno fanno una sfilata ed entrano nella fontana.

Nashville, la patria del country

Downtown Nashville
in foto: Downtown Nashville. Foto di Thomas Hawk

Nashville è la capitale del Tennesse ed è in assoluto la patria del country, dove grandi star hanno mosso i loro primi passi tra gli anni 50 e 60. Appena si arriva in città la prima cosa da fare per "rifarsi le orecchie" è andare a Broadway, la strada nel cuore della città, dove ad ogni ora si suona musica dal vivo ed è possibile acquistare cappelli e stivali in stile country. Broadway è una strada molto caratteristica con i suoi edifici bassi in mattoni rossi e la miriade di locali, frequentata da appassionati di musica provenienti da ogni parte del mondo. Altra strada di locali è Printer’s Alley, diventata il simbolo della trasgressione, poichè nei locali della zona venivano venduti e consumati illegalmente liquori e alcolici vietati fino al 1968.

La visita alla città segue l'itinerario musicale, infatti, altra tappa fondamentale è la Country Music Hall of Fame and Museum, che possiede un'esposizione veramente incredibile. Circa 2 milioni di oggetti esposti, che vanno da film d'epoca a abiti delle star fino a strumenti appartenuti a veri miti. Dalla Gibson di Maybelle Carter al mandolino di Bill Monroe, e alcuni pezzi unici come la Cadillac Solid Gold di Elvis e la Pontiac di Webb Pierce, dotata di maniglie a forma di pistola. Nel percorso espositivo si ripercorre la storia della musica che inevitabilemte si mescola con quella sociale.

Dopo la visita a questo luogo affascinate ed eccetrico, potete fare una sosta alla Home oh 1000 hits, la sala di registrazione fondata nel 1956 da Dan Maddox, dove sono stati incisi tantissimi successi. Nelle sale potrete ascoltare le registrazioni originali e testimonianze su fatti accaduti all'epoca. Ma le attrazioni musicali a Nashville non finiscono qui, prima fra tutte c'è il Grand Ole Opry House, il più longevo programma radiofonico della storia ed il Museo di Johnny Cash. Infine, ricordiamo la RCA Studio B, la sala di registrazione visitabile con un tour organizzato a bordo del mitico pulmino azzurro.

Centennial park, Nashville
in foto: Centennial Park. Foto di Onasill ~ Bill Badzo

Ma l'itinerario a Nashville non si riduce solo alla musica, la città, infatti, offre anche altre cose da ammirare. Primo fra tutti il Centennial Park, dove vi è una riproduzione del Partenone di Atene. Merita ua visita anche l'Andrew Jackson Hermitage, situato più in periferia ed è la piantagione del celebre presidente americano.

Il Tennese è anche famoso per il whisky e proprio in una piccola località a sud di Nashville, Spring Hollow, ha sede la famosa azienda Jack Daniel's.