Le hostess della Skymark Airlines con la nuova uniforme (Foto Getty).
in foto: Le hostess della Skymark Airlines con la nuova uniforme (Foto Getty).

Accorciare la gonna e allungare la vista. Il dibattito apertosi intorno alla decisione della compagnia aerea Skymark Airlines verte intorno a questi due punti. Il vettore giapponese ha deciso di fare una festa lunga sei mesi accorciando le gonne delle hostess di volo. Occasione dei festeggiamenti è stata, la settimana scorsa, l'inaugurazione dell'Airbus A330-300, che da questa primavera collegherà Haneda a Fukuoka. La decisione ha scatenato l'ira della "Federazione giapponese di assistenti di volo", che contesta a Skymark la natura sessista del provvedimento e la noncuranza verso le norme di sicurezza. "Skymark sta trattando le donne come degli oggetti, dal momento che questa uniforme è una pubblicità che ha l'obiettivo di attrarre i clienti", si legge sul blog del sindacato.

Ma oltre alle ragioni di genere, le utenti del blog hanno osservato che le misure ridotte della nuova divisa costituiranno un problema laddove le hostess, per chinarsi, dovranno stare più attente alla riduzione della gonna che al proprio lavoro. Le assistenti di volo, infatti, si troveranno costrette ad un impegno ulteriore per non attirare gli sguardi libidinosi degli utenti ed eventuali scatti da smartphone. Il pericolo di "molestie sessuali" diventa dunque più che realistico secondo il sito della Federazione. Un portavoce di Skymark ha ribattuto semplicemente che al momento non è pervenuta alcuna denuncia da parte del sindacato. Soprattutto – assicura il portavoce – la divisa non compromette la sicurezza dei voli né delle assistenti e che la compagnia non intende trattare la donna come un oggetto.