30 Ottobre 2019
22:10

Montagnana: la città dalle mura inespugnabili

Montagnana è gioiello della provincia di Padova. E’ detta città murata poichè è uno dei complessi fortificati meglio conservati di tutto il mondo. Il bellissimo centro storico è completamente circondato da una cinta muraria lunga quasi due chilometri ed all’interno si respira un’atmosfera di altri tempi.
A cura di Stefania Lombardi
Montagnana
Montagnana. Foto di Hans A. Rosbach

Due chilometri di mura circondano il complesso fortificato di Montagnana, in Veneto. E' la città murata tra le meglio conservate di tutto il mondo e vanta sia la Bandiera arancione del Touring Club che la presenza nella lista dei borghi più belli d'Italia. Le mura di Montagnana sono intatte, un primato che il borgo condivide solo con Avila in Spagna e Carcassonne in Francia.

Ecco cosa vedere in questo borgo fermo nel tempo.

Cosa vedere a Montagnana

città di montagnana
città di montagnana. Foto di albertosandrin

Una delle prime cose che si ammira durante una visita a Montagnana è la Porta Padova Castel San Zeno, il nucleo più antico della città. Fatto costruire nel 1242 da Ezzelino da Romano, fu poi ridotto dalla Serenissima a deposito di canapa e successivamente trasformato dagli imperiali in caserma. Le sue trasformazioni lo hanno portato oggi a diventare il museo civico della città. Un'esperienza da vivere è salire sopra il Mastio, alto ben 38 metri. Da quest'altezza si può ammirare l'affascinante struttura cittadina, con la sua cinta muraria intervallata da 24 torri.  Il biglietto per salire sul Mastio costa 1,50 euro e regala un panorama unico.

Proseguendo nel tour di Montagnana si entra all'interno delle mura, dove le stradine celano monumenti importanti. Primo fra tutti è il Duomo, edificio portato a compimento nel Rinascimento. Il Duomo si trova su Piazza Emanuele II ed all'interno si può ammirare la pala d'altare in cui è presente la Trasfigurazione dipinta dal Veronese. La posizione asimmetrica rispetto alla piazza in realtà segue la direzione dei punti cardinali. A mezzogiorno in punto in piazza,l'ombra si riflette sulla facciata del Duomo partendo dalle due sfere posizionate sulle colonne ai lati del portone. La facciata della chiesa quindi ha la funzione di meridiana.

Nella piazza, oltre al Duomo si susseguono, il palazzo della Cassa di Risparmio, in stile liberty, Palazzo Zanella, Palazzo Valeri, il Monte di Pietà e il Palazzo della Loggia. Al centro della piazza, come tradizione veneta, il liston, il pavimento che ricopre la piazza.

Altro luogo da non perdere a Montagnana è la Rocca degli Alberi, chiamata anche Porta Legnago. Si tratta di una fortezza militare costruita tra il 1360 e il 1362, con lo scopo di rinforzare le mura occidentali da dove arrivava il temibile nemico veronese. Nel passato la rocca era interamente circondata da fossati. Nei pressi della Rocca si trova la Chiesa di San Benedetto, in stile tardo barocco. Oggi aperta solo in occasione di mostre e concerti.

Tra gli altri monumenti che meritano una visita citiamo la Chiesa di San Francesco e il suo campanile, formata da una serie di arcate dove nel passato gli abitanti depositavano i prodotti agricoli. Al di fuori della mura, a poca distanza dal complesso fortificato si trova Villa Pisani, oggi privata, magnifica opera di Andrea Palladio inserita nella lista del Patrimonio Mondiale dall'Unesco.

Una delle occasioni migliori per vedere Montagnana è durante il Palio dei 10 comuni. L'evento prevede una caratteristica cena medievale con spettacoli e giochi medievali, il mercato, l'incendio della Rocca e uno spettacolare corteo.

L'antica città di Pingyao: perla nascosta della Cina
L'antica città di Pingyao: perla nascosta della Cina
Gemona del Friuli: la città risorta dal terremoto
Gemona del Friuli: la città risorta dal terremoto
Elegante e variopinta: una passeggiata nella città di Pordenone
Elegante e variopinta: una passeggiata nella città di Pordenone
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni