3 Febbraio 2010
16:10

Msc: nel porto di Bari un estate 2010 senza “Fantasia”

“Fantasia”, la nave da 4 mila passeggeri della Msc, non potra attraccare nel capoluogo pugliese. In compenso, da marzo a novembre, attraccheranno a Bari 67 navi.
A cura di Danilo Massa

Quando il freddo gela mezza Italia, lasciando l'altra metà nel tremolio del precongelamento, aziende private ed istituzioni guardano già verso la luce calda dell'estate 2010. Ed è in quest'aria densa di acqua che Msc crociere e comune di Bari muovono la propria contesa. Domenico Pellegrino, manager di Msc, ha presentato la flotta di 67 navi che, dal 7 marzo fino a novembre 2010, farà scalo nel capoluogo pugliese, aggiungendo che però "Avremmo potuto e voluto fare di più, portando in Puglia il nostro gioiello da 4mila passeggeri, ma la darsena non è purtroppo ancora stata adeguata alle esigenze che abbiamo rappresentato per tempo". Fantasia, la nava da 4 mila passeggeri, quest'anno non vedrà dunque il Castello Svevo, se non da lontano.

La considerazione di Pellegrino appare altruistica: "La mancata implementazione delle infrastrutture portuali potrebbe pregiudicare ulteriori sviluppi del porto di Bari e la capacità dello scalo di intercettare il nostro turismo crocieristico". A difendere Bari interviene il suo primo cittadino, il sindaco Emiliano, il quale ammette che "La crescita del porto non è stata priva di imprevisti, difficoltà, provincialismi e interessi particolari, però passate le tempeste è necessario riprendere un cammino utile e concordare con la Autorità portuale gli obiettivi di crescita delle infrastrutture portuali".

Danilo M.

Le ricette dell'estate: 10 golosi dessert senza cottura
Le ricette dell'estate: 10 golosi dessert senza cottura
35.638 di InCucina
Righe verticali: la fantasia perfetta per l'estate
Righe verticali: la fantasia perfetta per l'estate
1.342 di Stile e trend
Cavalli collezione Primavera/estate 2022
Cavalli collezione Primavera/estate 2022
1.450 di Stile e trend
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni