La Pasqua è come il Natale: si festeggia in tutto il mondo anche se non sempre è il motivo religioso a essere quello più coinvolgente. Dove è meno forte la tradizione religiosa, il “colore” della festa è dato dalle usanze e abitudini di ogni singolo paese. Qualche esempio? Eccoli!

Dall'Inghilterra la egg hunt

In Inghilterra si vive la Settimana Santa coniugando la religiosità con le tradizioni o le leggende che nel tempo si sono tramandate. Se durante il Giovedì Santo è facile vedere nell’Abbazia di Westminster piccole borse di denaro donate ai poveri, il Venerdì si riempie del profumo degli hot cross bun, dei dolci di uvetta e cannella che ricordano la Passione di Cristo. Ma ai bambini piacciono soprattutto le tradizioni con le uova, dalla egg jarping, una competizione a due a colpi di uova (vince l'uovo che non si spacca) alla caccia all'uovo: la egg hunt è legata alla storia del Coniglietto di Pasqua, Easter Bunny, che come un primaverile Babbo Natale nasconde le uova per i bambini nei giardini. La tradizione arriva dall'Alsazia e si perde in un'antica leggenda legata alla dea Eostre (dalla quale deriva il nome Easter, Pasqua) che trasformò un uccellino ferito in lepre per permettergli di passare l'inverno. La metamorfosi non riuscì alla perfezione, poiché il leprotto continuò a deporre le uova come un uccello e iniziò a lasciarle in dono alla dea come segno di ringraziamento.

La Casa Bianca e la celebre egg rolling

Le tradizioni legate alle uova stimolano la fantasia. In Scozia, per esempio, è vivace l'usanza di far rotolare le uova da una collina proprio la domenica di Pasqua: questo gesto vuole ricordare l’aiuto dato a Gesù nello spostare la pietra del sepolcro. Ma la egg rolling più celebre è quella che avviene  negli Stati Uniti: ci si sfida a far ruotare il maggior numero di uova con un cucchiaio di legno senza romperle. Il luogo più cool dove sfidarsi è niente meno che la Casa Bianca: dal 1814, da quando la moglie del Presidente James Madison, Dolly Madison, consentì ai bambini di giocare all’eggs rolling sui prati della Casa Bianca, questa tradizione si ripete ogni anno.

Metti una Pasqua in giallo?

Ma non ci sono solo le ridenti egg hunt nei giorni di Pasqua. Alcune tradizioni sono più "noir". A Verges, una cittadina spagnola, l'attesa pasquale si tinge di colori oscuri e da brivido: va in scena la "danza della morte", una danza che si focalizza sul tradimento di Giuda e la morte di Gesù e arriva fino a una processione di scheletri che indossano maschere nere e portano falci per rievocare la lotta di Gesù con le tenebre e il suo cammino verso la morte. Dal macabro della città spagnola, al thriller della Norvegia. In Norvegia è nata una passione per la Pasqua criminale. Il clima freddo e le atmosfere misteriose di quelle terre ben si prestano, in effetti. I norvegesi si rifugiano per circa dieci giorni nelle baite in montagna carichi di romanzi gialli o thriller: questi thriller pasquali sono conosciuti come Paaskekrimmen. E se i libri finiscono, non mancano le serie TV dedicate ai crimini più efferati e misteriosi.

Le streghe del Nord Europa

Anche in Svezia e Finlandia il lugubre prende il sopravvento ma in maniera un po' diversa. I Finlandesi pensano che gli spiriti maligni vaghino il Sabato prima di Pasqua, per questo accendono grandi falò. Per scacciare questi spiriti sia in Svezia che in Finlandia i bambini si vestono da påskkärringar, streghe colorate di Pasqua, e portano scope e rametti di salice decorati coi quali benedicono le case per scacciare gli spiriti maligni in cambio di dolcetti. "Irvon, varvon, tuoreeks terveeks, tulevaks vuodeks; vitsa sulle, palkka mulle!" è la frase con la quale si presentano alla porta che sta a significare "Scuoto un rametto affinché il nuovo anno sia ricco di novità e porti buona salute; un rametto per te e un dolcetto per me!". Non ricorda la notte di Halloween?

Una Pasqua di terracotta

La Pasqua in Grecia è un momento di pace e serenità in tutta la nazione, tranne a Corfù dove la mattina di Pasqua potreste essere sorpresi da un rumore forte e fastidioso. Non c'è da preoccuparsi, però. State assistendo al celebre "Pot Throwing", il rito propiziatorio di quest'isola che consiste nel buttare giù da finestre e balconi vasi, brocche e contenitori di terracotta: questa tradizione potrebbe risalire alla presenza antica dei Veneziani che festeggiavano il Capodanno buttando per le strade i beni personali, ma forse serve solo per salutare la primavera e i nuovi raccolti che verranno custoditi in nuovi vasi di terracotta.

In Italia tra tradizioni e bizzarrie

Anche in Italia in alcune località la Pasqua viene festeggiata in modo bizzarro. A Sulmona si può assistere alla strana "fuga della Madonna". La sacra rappresentazione rievoca le parole del Vangelo che vedono Maria esultare e gioire alle parole degli apostoli Pietro e Giovanni che annunciano la resurrezione di Gesù. La statua della Madonna a Sulmona viene portata in processione a grandissima velocità per ricordare la corsa gioiosa della Madonna verso suo figlio: nel correre, il velo nero, simbolo del lutto, cade e una decina di colombe vengono liberate nel cielo per portare il lieto annuncio. Il periodo pasquale dovrebbe essere così: un momento di gioia da condividere insieme. Non è difficile comprendere come StarCasinò abbia voluto dedicare proprio a questo tempo una promozione lunga sette giorni: con il "Calendario di Pasqua" ogni giorno è possibile scoprire un bonus diverso legato a una singola slot machine online. Un po' come rompere ogni giorno un uovo di cioccolato, senza mettere in pericolo lo smalto dei denti!

Articolo sponsorizzato