O' Leary che... "gioca" con un boing Ryanair

Michael O' Leary non è il genere di Amministratore delegato dall'atteggiamento compassato. Il Ceo della Ryanair non è il tipo di personaggio pubblico misurato, che pesa e soppesa ogni parola con la calma ravveduta del saggio. E così, dopo aver proposto di sistemare in piedi i passeggeri della Ryanair, dopo aver pensato a toilette a pagamento, O' Leary pensa che possa essere una buona idea ridurre i costi di viaggio facendo a meno di un pilota.

Se davanti alla plancia di comando si prevedono due piloti, per la Ryanair è possibile dimezzarne il numero. E se si sente male il pilota? La risposta di O' Leary è lesta: guideranno le hostess, che verranno addestrate alla bisogna dell'atterraggio.

Secondo un pilota, la proposta della Ryanair è "più che assurda", dal momento che "anche nelle operazioni di routine serve una seconda persona". Le associazioni in difesa del passeggero si dicono scandalizzate dalla proposta di O' Leary. Jim McAuslan, segretario generale della British Airline Pilots' Association, suggerisce indirettamente un possibile svantaggio per la stessa compagnia aerea, dal momento che la proposta del Ceo della Ryanair "non è né saggia, né tanto meno sicura e terrorizzerà i passeggeri".

Come già accennato, O' Leary non è nuovo a questo genere di provocazioni. E' "probabile" – e nel non dare sicurezza si vuole onorare il dubbio forse più del dovuto – che anche questa proposta rientri nel novero di quelle idee pensate non tanto a costruire o a innovare, quanto piuttosto a beneficiare di una pubblicità… low cost.