Da oggi abbiamo un motivo in più per organizzare un week end a Lisbona, infatti la capitale portoghese è considerata la migliore destinazione Europea dove trascorrere un week end. E se a dirlo sono i World Travel Awards c'è da crederci davvero. In realtà il primato portoghese non è una novità, infatti Lisbona per ben tre volte ha ricevuto il premio di Best Destination for City Breaks in Europe. La città è stata scelta attraverso una votazione on line a cui hanno partecipato migliaia di professionisti del settore turistico, esperti in campo internazionale, che si sono poi riuniti ad Antalya in Turchia il 31 Agosto di quest'anno per conferirle il premio. Lisbona prima considerata città un pò spenta, in questi anni si sta prendendo la sua rivincita puntando sulle sue strutture alberghiere futuriste e la sua vita allegra e movimentata. Lisbona, si sta trasformando in una metropoli, con la differenza che mantiene il suo carattere popolare e le sue forti tradizioni. Ma c'è da sottolineare che questo non è stato l'unico premio ricevuto dalla regione iberica, ma gli sono stati conferiti ben altri 9 trofei europei, confermando che un viaggio in Portogallo è la scelta giusta per molti turisti. Tra gli altri premi ricevuti ricordiamo: la miglior destinazione balneare, con la regione dell'Algarve; il premio per il miglior boutique resort vinto da Vila Joya; quello per il miglior hotel di design, vinto da The Vine Hotel; miglior paese per praticare il golf; il miglior luxury resort, vinto dal Conrad Algarve.

Lisbona è considerata la città ideale per un city break, amata dai giovani, da chi cerca evasione, perfetta le coppie che cercano un pò di romanticismo, e prescelta da chi ama l'arte e la cultura. Lisbona risponde a tutte queste esigenze grazie alla forte eredità storica, la bellezza naturale, la modernità e la cultura dell'ospitalità in grado di soddisfare anche i viaggiatori più esigenti. Trascorrere un weekend a Lisbona significa regalarsi un viaggio in una delle capitali europee più affascinanti e frizzanti, inoltre è ottima per essere visitata in breve tempo, infatti é facilmente raggiungibile dall'Italia, in un paio di ore di aereo, ed è facile da visitare in modo comodo ed a prezzi convenienti.

Cosa vedere
Come arrivare
Dove e cosa mangiare
Dove dormire

Cosa vedere

[foto principale di Eric Borda]

Un week end è perfetto per visitare la capitale portoghese, l'importante è armarsi di un paio di scarpe molto comode poichè la città va visitata a piedi ed è ricca di angoli da esplorare nascosti nei vicoli più stretti che si inerpicano su sette colli. Per venire a contatto con la città più vera ed autentica la visita non può che cominciare dal quartiere storico, il Barrio Alto, passando per il Chiado, il quartiere preferito da Pessoa, per poi arrivare alla Baixa, ricostruita in stile neoclassico dopo essere stata devastata dal terremoto del 1774. Tutto questo calpestando la calçada portoghese, la tipica pavimentazione realizzata in porfido bianco e nero. Durante questo mini tour troverete una Lisbona dall'aspetto multiculturale e potrete scoprire delle meraviglie dell'architettura e della cultura locale. Se poi siete stanchi di camminare a piedi, potete sempre approfittare del famoso tram giallo, ritratto in migliaia di fotografie; il Tram 28 vi farà scoprire gli angoli più nascosti della città, mentre si inerpica per stradine strette e ricche di storia. Se si vuole invece visitare l'Alfama, si può salire sulla linea 12 e attraversare le strade caratteristiche di questo antico quartiere pieno di atmosfere retrò. Altro modo per spostarsi sono gli ascensori, chiamati elevadores, che collegano la parte alta con la parte bassa della città, regalando scorci bellissimi e belvedere mozzafiato.

Il quartiere dell'Alfama è il più antico e caratteristico di Lisbona, con i suoi palazzi ricoperti da azulejos, la tipica ceramica, ed i vicoletti larghi appena 4 metri. In questo quartiere si trovano i locali più tradizionali dove gustare l'ottima cucina portoghese e ascoltare il malinconico Fado. Da non perdere è il castello di São Jorge, da dove si gode di una spettacolare vista. Altro luogo da non perdere è Belém, un quartiere ricco di attrattive e monumenti storici, in particolare quelli legati alle grandi scoperte geografiche, proprio da qui, infatti, le navi portoghesi partivano in cerca di nuove terre da conquistare. Belém è una tappa fondamentale durante ogni visita di Lisbona perché ospita i monumenti più importanti della città, vale a dire il Monastero dos Jerónimos e della famosissima Torre de Belém, luogo dove Vasco de Gama intraprese il viaggio che lo portò a conquistare numerosi possedimenti. Per visitarla bisogna affrontare dei gradini molto ripidi, ma la fatica varrà la pena per immergersi in una fantastica atmosfera. La parte moderna della città si trova invece nei pressi della fermata Oriente della metropolitana, dove si trova anche il Parco delle Nazioni che ospita tutte le ultime tendenze in tema di design, moda e divertimento notturno. Ma non si può lasciare Lisbona senza assistere a una serata di fado, la musica popolare diventata Patrimonio dell'Umanità. Uno dei luoghi dove si può assistere a questi spettacoli è A Tasca do Chico, locale storico situato nel Barrio Alto.

Come arrivare

[Foto di Eric Borda]

Lisbona è facilmente raggiungibile dall'Italia con l'aereo, infatti sono tante le compagnie che attraversano questa tratta. La compagnia portoghese Tap Portugal vola in meno di tre ore a Lisbona dagli aeroporti di Roma, Milano, Venezia, Bologna e da poco tempo anche da Torino. L'aeroporto di Lisbona si trova a 7 chilometri dal centro città  ed è raggiunto anche dalle maggiori compagnie italia. Per quanto riguarda invece le compagnie low cost, le uniche che percorrono questa tratta sono Easyjet oppure Ryan Air, che però fa scalo a Porto. Anche arrivare in auto è abbastanza semplice, oltre ad essere una fantastica esperienza grazie al panorama del Portogallo. Dall'Italia la strada è abbastanza lunga, circa 30 ore di viaggio, e quindi presuppone un viaggio con più tappe attraversando tutta la Penisola Iberica, ed è un viaggio abbastanza costoso tra spese di carburante e pedaggi. Lasciando l'Italia si entra in Francia passando con l'Autostrada A8/E80 attraverso Costa Azzurra e Provenza, proseguendo si arriva in Spagna, attraversando la Costa Brava, Barcellona, Valencia, Alicante, Granada, Siviglia e l'Andalusia. Si arriva così al confine tra Spagna e Portogallo, e proseguendo per altri 300 chilometri finalmente si giunge a Lisbona.

Se come mezzo di trasporto si sceglie il treno, la stazione di arrivo è quella di Santa Apollonia, nei pressi del quartiere di Alfama, oppure la Stazione di Oriente, nei pressi del Parco delle Nazioni. Il viaggio in treno attraversa tutta la Spagna e poi entra in Portogallo, quindi è un viaggio molto lungo, ma può essere pensato come un itinerario che tocca varie città dell'Europa Occidentale. Dall'Italia si può prendere il treno da Torino con direzione Barcellona, da cui poi si raggiunge Madrid ed infine si parte per Lisbona, in tutto sono 40 ore di viaggio con una spesa di circa 400 euro. L'ultima alternativa è la nave, però arrivare dall'Italia direttamente al porto di Lisbona  è un pò complicato, ma la soluzione migliore è raggiungere il porto di Barcellona e da qui muoversi in treno o noleggiare un auto. Detto questo, il volo resta sicuramente il modo migliore per arrivare a Lisbona in poco tempo, quindi se la nostra scelta di viaggio è una vacanza breve l'alternativa più adeguata non reta che l'aereo.

Dove e cosa mangiare

[Foto di Osvaldo Gago]

La cucina di Lisbona è famosa in tutto il mondo, celebre è soprattutto il baccalà, infatti ci sono più di 365 modi per prepararlo. Una delle ricette tipiche è il Bacalhau à Brás: baccalà secco sfilettato con cipolla, uova, patate fritte, olive nere e prezzemolo. Per assaggiare le ricette più tradizionali ma anche del buon pesce fresco il posto ideale è il quartiere storico del Barrio Alto, dove ci sono varie trattorie rustiche che offrono il meglio della cucina tradizionale. Un posto molto particolare è la tasca Caninho do Avillez, un locale in stile vintage dove dietro i fornelli c'è lo chef José Avillez, famoso per aver ottenuto una stella Michellen. Ma la vera cucina portoghese si trova nelle Tascas, che sono locali a conduzione familiare molto rustici, dove si mangia bene e si spende poco. Un'altra specialità portoghese da non perdere è la ginjinha, che non è altro che un liquore fatto con le amarene. Questa bevanda si trova in tutti i locali di Lisbona ma la vera ginjinha si assapora nei pressi della stazione dove si trovano i bar storici.

Dove dormire

[Foto di Rei Artur]

A Lisbona ci sono tante possibilità di alloggio e quasi tutte abbastanza economiche. Ci sono hotel di ogni categoria e sono anche molto diffusi i motel lungo le strade. Gli alloggi più economici sono gli ostelli, dove si spende poco, ma la qualità è abbastanza alta. Tra questi c'è l'Oasis Backpackers Hostel Lisbonche, un ostello in stile retrò che si trova lungo il corso del fiume Tago, nei pressi del ponte 25 Abril, da dove si ammira la statua del Cristo Rei che ricorda quella di Rio de Janeiro. I prezzi partono dai 20 euro per notte. Per chi non ha problemi di boudget può prenotare la camera in una pousadas, delle abitazioni storiche di grande pregio e di valore storico. Sono strutture che sono state recuperate e trasformate in hotel conservando però la loro rilevanza storica. Un'altra tipologia di alloggio è la pensao, che non è altro che una pensione a conduzione familiare. I prezzi di queste strutture sono simili agli hotel, ma a differenza di questi si può vivere in un'atmosfera propriamente portoghese.

[Foto principale di Zifius]