Se davvero il paradiso terrestre esiste, questa spiaggia australiana ci andrebbe molto vicino. La meravigliosa spiaggia di Whitehaven si trova nel Queensland, in Australia è uno di quei posti paradisiaci dove si sogna di svegliarsi, magari su un'amaca circondati solo dal mare e dalla brezza che ci accarezza la pelle. Una vera spiaggia da sogno dove è possibile rilassarsi, prendere il sole, divertirsi e in ogni momento meravigliarsi di tutto lo splendore circostante. Mare pulito, posti incontaminati dove l’uomo ha lasciato che la natura facesse il suo corso e vivesse indisturbata. La spiaggia si raggiunge solo in barca ed è immersa in un grande parco naturale. Sul lungomare non c'è nessun servizio, e quindi non è possibile sostare per una notte e questo aspetto contribuisce a renderla un posto meraviglioso ed a classificarla tra le spiagge più belle e incontaminate del mondo.

Dove si trova
La spiaggia
Quando andare
Come arrivare

whitehaven beach

[Foto di Daniel Julie]

Dove si trova

La spiaggia di Whitehaven si trova sulle Isole Whitsundays, nel Queensland sulla costa est dell'Australia, ed è considerata una delle spiagge più belle al mondo. Fa parte di un arcipelago di 74 isole che fanno parte della grande barriera corallina, la più grande e la più ricca del mondo. La scoperta di queste isole si deve a James Cook, si tratta di isole continentali con vegetazione tropicale, formatesi dalle cime delle montagne costiere sommerse che, ad esclusione di cinque, sono tutte diventate parchi nazionali. Le 74 isole sono perlopiù disabitate e alcune di esse sono raggiungibili a piedi durante la bassa marea. Andare in barca, nuotare, fare snorkeling, immersioni o semplicemente rilassarsi, le isole Whitsundays, sono ideali per qualsiasi tipo di viaggiatore.

Ci si può cullare nel lusso di Hayman Island dove si trovano strutture ricettive raffinate a cinque stelle, oppure divertirsi sulle isole di Daydream o Hamilton. Più avventurose sono le isole Hook, Lindeman o Brampton, i cui territori sono per la maggior parte protetti da parchi naturali, e dove potrete optae per degli alloggi eco sostenibili. Le isole Long e South Molle offrono sistemazioni tranquille circondate dalle bellezze naturali. Le rimanenti isole sono oasi tropicali incontaminate che attendono solo di essere visitate in kayak, idrovolante o con una barca a vela presa a nolo. Whitsunday Island è l’isola più grande, ricca di scogliere coralline e foreste pluviali che la rendono uno dei siti naturali più spettacolari d’Australia. Qui il piccolo gioiello di Whitehaven Beach, dove fortunatamente l’uomo non ha costruito nulla e quindi la si può quindi apprezzare nella sua essenza più vera.

spiaggia di whitehaven beach

[Foto di Jeremy Vandel]

La spiaggia

La spiaggia di Whitehaven è caratterizzata da una sabbia bianca e brillante per l'abbondante presenza di silice, il mare ha dei colori meravigliosi che vanno dall'azzurro al verde al blu a seconda dell'alta e della bassa marea ed è popolato da una fauna marina sorprendente. La spiaggia di estende per ben 7 Chilometri ed è una delle mete più gettonate durante i viaggi in Australia.  Sono chilometri e chilometri di pura sabbia corallina, bianca come la neve. Addirittura si dice che la sabbia è così bianca che solo col suo riflesso riesci ad abbronzarti. Quando è bassa marea la spiaggia color bianco abbagliante si estende per una larghezza di centinaia di metri, ma quando inizia l'alta marea il mare inizia a sommergere tratti di spiaggia, dando vita ad uno scenario naturale in cui le sfumature di bianco, verde ed azzurro si susseguono e cambiano forma continuamente. Mentre la marea sale è possibile camminare sulla spiaggia fra l'acqua che invade la sabbia oppure, se si vuole assistere allo spettacolo in tutta la sua magnificenza, si può dominare tutta la baia da Tongue Point.

Lo spettacolo quando si arriva a Whitehaven beach è incredibile, tante lingue di sabbia bianchissima si attorcigliano con altrettante lingue di mare del blu più puro che si possa immaginare. Per preservare la spiaggia nella sua natura incontaminata, il parco nazionale di cui fa parte questo luogo ha coniato un bello slogan: “Take nothing but photos. Leave nothing but footprints”. Ad ogni angolo ci sono ragazzi e gruppi che immortalano il loro passaggio sulla sabbia candida che forma questo istmo paradisiaco, tanto che è diventata uno dei luoghi più fotografati del mondo. La spiaggia vanta anche il premio di spiaggia più pulita del Queensland, cosa non da poco, visti i tempi che corrono, oltre che riconoscimenti nazionali per il recupero delle risorse e per la protezione ambientale.  E' bene sottolineare che a Whitehaven Beach non è consentito il fumo di sigaretta e non è possibile introdurre cani in nessun punto della spiaggia.

whitehaven beach

[Foto di Kevwoyk]

Quando andare

Si tratta di un luogo molto gettonato e la sua estensione permette di goderne al massimo in ogni stagione dell'anno. Ma come tutta l'Australia, essendo nell'emisfero sud le stagioni sono invertite, quindi l'estate è nei mesi da novembre a gennaio, mentre l'inverso va da giugno ad agosto. In particolare, la zona Nord, dove si trova Whitehaven Beach, il clima è decisamente tropicale, quindi la temperatura è piacevolmente estiva tutto l'anno, ma lo stesso non vale per l'umidità, infatti da novembre ad aprile c'è la stagione delle piogge che sarebbe meglio evitare per non rischiare di rovinare le proprie vacanze al mare. Quindi il periodo migliore per visitare questa zona va da maggio a Settembre, mesi caratterizzati da temperature sempre gradevoli e dall'assenza di precipitazioni

Altro fattore da considerare è che da ottobre a maggio le acque delle Whitsundays possono ospitare specie pericolose di meduse. Le due più temibili sono la minuscola Irukandji, non più di 1 cm, ma che può dare sintomi davvero dolorosi, e la cubomedusa, quella che gli australiani chiamano Box Jellyfish, meno frequente ma anch'essa molto pericolosa. Le zone più a rischio sono quelle vicine alle foci di corsi d'acqua, che richiamano le meduse a nutrirsi. Durante l'estate australiana, si forma spesso la bassa marea, ed è possibile camminare nelle sue acque basse e calme, mentre quando la marea comincia ad aumentare, i colori e il paesaggio diventano davvero spettacolari.

arrivare whitehaven beach

[Foto di F. Delventhal]

Come arrivare

La spiaggia si raggiunge solo in barca e partono traghetti e yacht quotidianamente da Shute Harbour e Abel Point Marina, una piccola costiera turistica situata sulla costa del Queensland, a nord di Brisbane. Le Isole Whitsunday si raggiungono con un volo di 1 ora e 30 minuti da Brisbane e di 2 ore e 30 minuti da Sydney, che arrivano nei soli due aeroporti delle isole, che sono il Great Barrier Reef Airport a Hamilton Island e il Whitsunday Coast Airport, a Proserpine; poi da una delle isole si prende la nave per raggiungere la spiaggia di Whitehaven. Alcune compagnie di navigazione offrono pacchetti di un'intera giornata che includono alla spiaggia e poi si fermano per ammirare la grande barriera corallina. E se tutto questo non dovesse bastare diverse aziende offrono la possibilità di guardare dall'elicottero Whitehaven Beach, mostrando lo spettacolo delle diverse lingue di sabbia che si intrecciano con il mare.