Pronto un altro week end di divertimento, di relax e di gioie per il palato? In prossimità della Pasqua e con il miglioramento del tempo nelle principali città italiane vengono proposti tanti appuntamenti con il buon cibo ed i sapori genuini. L'ultimo week end di Marzo si riempie di occasioni per trascorrere qualche giorno in giro per la nostra bella Italia e scoprire meglio ciò che ci circonda e per assaporare le specialità tipiche della nostra gastronomia tipica. Nelle piazze dei paesi, nelle strette vie degli antichi borghi sorseggerete ottimi vini e scoprirete il sapore dei genuini prodotti della terra. Ma non solo, ci saranno anche tanti appuntamenti con la natura e con la cultura. Ecco alcuni consigli su come trascorrere l'ultimo week end di marzo dal 27 al 29.

Week end 27 – 28 marzo: cosa fare a Napoli
Eventi dell'ultimo finesettimana di marzo a Milano
Eventi dal 27 al 29 marzo a Roma
Feste e sagre in altre città

Week end 27 – 28 marzo: cosa fare a Napoli

[Foto di Giulia mar]

– Festival del bacio. Il 28 marzo Napoli sarà la città della dolcezza. L’amore inonderà il centro storico, tra via dei Tribunali, via San Biagio dei Librai, via San Sebastiano e via Duomo, dove inizierà a battere un enorme cuore pixellato. L'evento è il Festival del Bacio portato in città dalla “Scuola di Nuove Tecnologie dell’Arte” dell’Accademia delle Belle Arti insieme agli eccentrici artisti di mediaintegrati. Per la città verranno istallati dei dispositivi interattivi, come il cuore gigante. Per partecipare vi basterà recarvi a Napoli, fare una foto con l'istallazione e condividerla su Instagram e usando l’hashtag #cuoredinapoli, così potrete entrare in prima persona in questa grande opera d'arte.

– Showcolate. Il grande spazio espositivo della Mostra d'Oltremare di Napoli ospiterà una grande festa del cioccolato. Nel 2015 infatti la dolce fiera cambia la sua location e da Piazza Plebiscito si sposta all'interno della Mostra, precisamente nel padiglione 3. La manifestazione avrà in scena dal 26 al 28 marzo dalle 10:00 alle 18:00 con ingresso libero. Durante lo Showcolate i visitatori potranno gustare tante dolcezze e prelibatezze del cioccolato grazie alla partecipazione di importanti aziende campane. La manifestazione si svolgerà in contemporanea con la Borsa Mediterranea del Turismo che ospiterà 450 espositori.

– Ora della Terra. L'Earth Hour è la più grande manifestazione mondiale organizzata dal WWF per la lotta ai cambiamenti climatici. In tutte le città ci saranno appuntamenti organizzati per l'occasione e anche Napoli non si fa trovare impreparata. Sabato 28 marzo Napoli spegnerà le sue luci per un'ora, dalle 20:30 alle 21:30. L'ora del buio vedrà spegnersi il Maschio Angioino, il Palazzo Reale, Piazza Dante e Piazza Plebiscito. Inoltre si potrà partecipare a numerose iniziative a tema che coinvolgeranno i napoletani in laboratori ed attività dedicate all’energia solare, mentre la sera, dopo l’oscurità generale, la città si riaccenderà con tanti spettacoli, arte, cultura e musica.

– Fiera di Pasqua ai Decumani. Dal 7 marzo fino al 12 del mese di aprile, il centro storico di Napoli ospita ola Fiera di Pasqua ai Decumani. L'evento ha l'obiettivo di supportare le attività commerciali e turistiche degli antichi quartieri di Napoli e di tutta la città. La manifestazione interesserà oltre ai Decumani, le piazze più suggestive del centro antico come piazza del Gesù Nuovo, piazza San Domenico Maggiore, piazza San Gaetano, Largo Corpo di Napoli; Piazza dei Girolamini.

Eventi dell'ultimo finesettimana di marzo a Milano

[Foto di Tobyayre]

– Stramilano. Domenica 29 marzo potete fare una bella corsa tra le strade della città di Milano. La Stramilano è la corsa più famosa d'Italia che raccoglie anno tutti gli appassionati di sport. Questo evento si divide in 3 grandi manifestazioni: la Stramilano dei 50.000, la Stramilanina e la Stramilano Half Marathon. Musia e divertimento accompagnerà la corsa che va da Piazza Duomo e Piazza Castello fino all’Arena Civica “Gianni Brera”. Si partirà alle 9 del mattino con la partenza della Stramilano che attraversa per 10 chilometri le strade più importanti della città Alle 9 e 0 partirà la Stramilanina dove i protagonisti saranno i più piccoli. Infine, alle ore 11.00 in Piazza Castello, sarà la volta della Stramilano Half Marathon, che vedrà gareggiare migliaia di atleti professionisti e appassionati maratoneti che percorreranno 21,097 chilometri.

– Book Pride. Da venerdì 27 a domenica 29 marzo, a Milano si svolgerà la prima edizione di “Book Pride“, la fiera nazionale dell’editoria indipendente. La location sarà il centro espositivo in via Piranesi che accoglierà editori, autori, giornalisti, artisti e semplici curiosi. Durante i giorni della fiera si terranno dibattiti sull'editoria e sull'importanza della produzione culturale indipendente.

Eventi dal 27 al 29 marzo a Roma

[Foto di Dennis Jarvis]

– Streeat European Food Truck Festival. Una festa interamente dedicata al cibo su due ruote è quella che si tiene a Roma dal 27 al 29 marzo. Dopo le fortunate edizioni milanesi il festival sbarca nella capitale portando le tante prelibatezze italiane e internazionali dal dolce al salato. Le cucine saranno dei camioncini che offriranno un'esperienza gastronomica unica.

– La Lunigiana nel Piatto. A partire dal 15 marzo fino al 5 aprile tutte le domeniche a Roma si potranno gustare i piatti tipici della Lunigiana all'interno del ristorante “La Cicala e la Formica” situato nel cuore del Rione Monti. Con questo evento si vuole rendere omaggio alla tradizione culinaria dalla capitale, fatta di testaroli, panigacci, lardo di Colonnata, farina di castagne, funghi porcini e vini DOC. I piatti si possono gustare dalle 12 alle 17 e contemporaneamente ammirare la mostra pittorica dell’illustratrice toscana Enrica Pizzicori, intitolata “Nel circo della vita”, dedicata al mondo del circo e delle fiabe.

Feste e sagre in altre città

[Foto da Flickr]

– Fiera di primavera (Genova). Dal 20 al 29 marzo si tiene una delle fiere più attese dell'intera Liguria. La fiera di primavera, che per dieci giorni raccoglierà curiosi, imprese e commercio si tiene nel complesso di piazzale Kennedy. Non mancheranno i punti dove rifocillarsi con buonissimi prodotti locali. Tanti gli eventi, tra cui la Dog’s run, una camminata di circa 5 chilometri che coinvolgono gli amici a quattro zampe con i loro padroni.

– Sagra del tartufo marzuolo, Certaldo (Firenze). Questa manifestazione si tiene ogni anno nel comune di Certaldo e richiama tantissimi turisti. Dal 21 al 22 marzo nel bosco toscano medioevale si potranno gustare tutti piatti a base di sua maestà il tartufo, accompagnati da un bicchiere dell'ottimo vino locale. Durante la sagra sarà premiato il tartufaio più anziano e si potrà partecipare a passeggiate ed escursioni di trekking bike.

– Sagra del tartufo di Pineta (Ravenna). Per due week end dal 29 al 30 marzo e dal 5 al 6 aprile a Ravenna si tiene la sagra del tartufo. Partecipando alla festa si possono gustare vari tipi di tartufo e le ricette più diverse, accompagnate da prodotti tipici della cucina romagnola. Inoltre ci saranno tante affascinanti attività come le gare di cane da tartufo, i banchetti artigiani e dimostrazioni dedicate agli antichi mestieri.

– Fiera del bue grasso, Cavriago (Reggio Emilia). Il 27 ed il 28 marzo in provincia di Reggio Emilia va in scena un'esposizione di bovini di antica razza reggiana, che sono famose con il nome di “vacche rosse”. In questo periodo dell’anno i buoi si presentano ingrassati per l’inattività dell’inverno, per cui si mostrano in tutto il loro splendore, da questo deriva anche il nome della fiera. La manifestazione agricola ha luogo lungo le strade del paese, con il fulcro dell'esposizione nella piazza principale. Con l’occasione della Fiera del Bue Grasso, per tutto il fine settimana si svolge anche la Mostra dei prodotti italiani, “Tipico & Tipico: i sapori e gli aromi”, che promuove le eccellenze enogastronomiche del Bel Paese ed in particolare del territorio reggiano.

– Antica fiera dei pom a moj, Casalnoceto (Alessandria). Questa fiera dal nome quasi incomprensibile altro non è che la festa della mela, prodotto prezioso di questa terra. Questo evento risale all'ottocento, per molto tempo poi abbandonata, è tornata in auge una quindicina di anni fa. Il nome della sagra deriva dall'antica usanza di immergere le mele in una mistura di vinello di 6 gradi ed aceto in una damigiana per quaranta giorni, appunto “messa a moj”. Al termine di questo periodo di immersione, per la fine di marzo, le mele avevano assunto un sapore agrodolce particolare ed erano così apprezzate come specialità locale e pronte ad essere assaggiate per la festa della primavera.

[Foto principale da Flickr]