19 Febbraio 2015
11:49

9 suggerimenti per sopravvivere a un incidente aereo

Rimanere coinvolti in un incidente aereo è un’eventualità che mette i brividi. In realtà le statistiche mostrano che il 95% dei passeggeri sopravvive a un disastro in volo. I segreti per rimanere illesi? Mantenere la calma, localizzare le uscite di sicurezza ed essere in buona forma fisica.
A cura di Angela Patrono

L'aereo è generalmente considerato il mezzo di trasporto più sicuro, e l'affermazione è supportata da dati concreti. La maggior parte delle persone è convinta di non sopravvivere a un disastro in volo, ma le statistiche smentiscono questi timori nefasti. I dati della US National Transportation Safety Board mostrano che il 95 per cento dei passeggeri coinvolti in un incidente aereo sopravvive, mentre la probabilità di morte è di appena 1 su 4,7 milioni. Anche nei più gravi disastri aerei, oltre il 76 per cento dei passeggeri riesce a salvarsi. Simili cifre fanno tirare un bel sospiro di sollievo, tuttavia è necessario prendere le dovute precauzioni per aumentare le chance di rimanere illesi. Il sito dailymail.co.uk ha elencato i comportamenti da adottare per salvarsi durante un atterraggio di emergenza.

1. Presta attenzione alle indicazioni in fase di decollo

Per sopravvivere a un incidente aereo bisogna restare all'erta e prestare attenzione alle istruzioni impartite in fase di decollo dagli assistenti di volo. Leggi la scheda di sicurezza nella tasca del sedile: per alcuni è un dettaglio trascurabile, ma può salvarti la vita. Ti permette infatti di ricordare l'esatta collocazione delle uscite d'emergenza, così come della maschera d'ossigeno e del giubbotto di salvataggio. Secondo gli esperti, sopravvivere all'impatto iniziale non garantisce la salvezza. Per evitare incendi, infiltrazioni di fumo o di acqua, è bene uscire dall'aereo il più in fretta possibile.

2. Mantieniti in forma

Chi ha una corporatura snella e agile è più avvantaggiato in caso di incidente aereo. Essere in buona forma fisica ti regala maggiore destrezza nei movimenti, aumentando notevolmente le probabilità di salvezza.

3. Sii egoista

Indossare la maschera d'ossigeno può salvare molte vite, non solo la tua. Se la cabina perde pressione, il livello di ossigeno si abbassa in maniera considerevole e si può perdere conoscenza nel giro di 20 secondi. Ecco perché dovresti pensare a te stesso prima di mettere la maschera a un bambino o a un tuo compagno di viaggio. Insomma, rimanere coscienti è fondamentale se si vuole aiutare gli altri passeggeri.

4. Indossa abiti casual

Evita di indossare tessuti sintetici altamente infiammabili come poliestere o nylon, opta invece per lana e cotone. Per il volo scegli scarpe basse e comode. No ai tacchi alti: potrebbero forare gli scivoli di emergenza e crearti difficoltà di movimento. I tacchi a spillo, così come le infradito, potrebbero rallentare l'uscita in caso di emergenza. Mai togliersi le scarpe in volo: i detriti sprigionati dall'impatto potrebbero causarti problemi se sei a piedi scalzi.

5. Studia un piano d'azione

Gli esperti consigliano di formulare un piano d'azione al momento dell'imbarco. Gli studi hanno dimostrato che la maggior parte degli incidenti aerei si concentra in un lasso di tempo che va dai primi tre minuti agli ultimi otto del volo. In quei momenti è indispensabile tenere gli occhi aperti, non bisogna indossare cuffie o auricolari e non si deve essere ubriachi. È necessario essere vigili e lucidi per aumentare le probabilità di sopravvivenza.

6. Lascia perdere i bagagli

Secondo uno studio del National Transportation Safety Board, il 68 per cento delle morti in uno schianto aereo non sono provocate dalle ferite, ma dal fuoco e dal fumo post-impatto. Hai circa 90 secondi per uscire dall'aereo prima che sia divorato dalle fiamme: quei pochi attimi potrebbero fare la differenza tra vita e morte. Non cercare di recuperare i bagagli, rischi solo di compromettere la tua salvezza e di intralciare gli altri passeggeri.

7. Siediti vicino a un'uscita di emergenza

Memorizza le varie uscite di sicurezza e cerca di sederti in un posto strategico. Più sei vicino a un'uscita di emergenza, più chance avrai di salvarti.

8. Vola in classe economy

Viaggiare in prima classe offrirà anche un servizio impeccabile e poltrone più comode, ma in caso di incidente aereo si rischia di lasciarci le penne. L'emittente britannica Channel 4 ha finanziato un esperimento davvero singolare che ha riprodotto un atterraggio di emergenza. Un Boeing 727 pieno di manichini è stato fatto schiantare in un deserto messicano (il pilota si è paracadutato). Risultato? Le prime 11 file, quelle corrispondenti alla classe business, sono state interamente rase al suolo. La simulazione dimostra che nessuno dei viaggiatori in prima classe sarebbe sopravvissuto, mentre il 78 per cento dei passeggeri ce l'avrebbe fatta. Anne Evans, ex ispettore di incidenti aerei, propone di sedere nelle ultime file, meglio se nei pressi delle uscite di sicurezza. Capito l'antifona? Rinunciate ai vizi e scegliete la classe economy.

9. Assumi la posizione di sicurezza

Durante un atterraggio di emergenza bisogna proteggere la testa con le braccia e mantenerla appoggiata al sedile di fronte con le gambe unite e i piedi ben piantati a terra. Nell'esperimento con il Boeing 727 descritto al punto precedente, gli esperti hanno collocato tre manichini in posizioni diverse: a seguito dell'impatto, si è riscontrato che sarebbe sopravvissuto solo quello piegato nella classica posizione fetale e che indossava la cintura di sicurezza. Oltre a salvarti la vita, questa posizione può risparmiarti gravi fratture.

[Foto in apertura: skitterphoto.com]

Idee e suggerimenti per Italia ed Europa
Idee e suggerimenti per Italia ed Europa
Sopravvivere a qualsiasi imprevisto in vacanza: la guida Lonely Planet
Sopravvivere a qualsiasi imprevisto in vacanza: la guida Lonely Planet
Incidente in aereo: la paura di volare ed i rimedi per superare la fobia
Incidente in aereo: la paura di volare ed i rimedi per superare la fobia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni